Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Martedì, Mar Ott 2020
  • MotoGP Ducati: imminente l'annuncio di Jack Miller nel team factory

    Se le belve della MotoGP restano coperte sotto i teli per non prendere polvere, quello che si muove è il mercato. Mentre il rumore del triangolo amoroso tra Yamaha, Valentino Rossi sembra nascondere tutto, altro si muove tra i box dei prototipi.

  • MotoGP Ducati: tra budget e l'incognita Andrea Dovizioso

    Mentre la MotoGP attende lo spegnimento dei semafori rossi, quello dei blocchi causati dal coronavirus, Ducati organizza il suo futuro tra budget da definire e il futuro dei suoi piloti.

  • MotoGP e SBK: Rossi infiamma, Suzuki torna alla vittoria, Assen solita musica Ducati

    MotoGP e Superbike nello stesso week end, dal tramondo all’alba, o viceversa, una giornata piena non solo per i calciofili, infiammano i cuori Rossi, Bautista, Rea, Rins, la Suzuki, ma in MotoGP spariscono i protagonisti.

  • MotoGP e Superbike 2020 in TV: novità belle e brutte

    Una nuova stagione di motociclismo sta per iniziare, arriva da poco la notizia che Dorna Sports si è alleata con LaLiga’s Technological Content Protection, un'azienda spagnola specializzata nel monitoraggio dell'uso dei contenuti MotoGP e Superbike scorretti, n special modo le trasmissioni televisive pirata.

  • MotoGP e Superbike Dorna: cancellazione campionato ultima opzione

    I campionati mondiali Superbike e MotoGP sono in attesa di vedere le luci rosse spegnersi per ripartire con un campionato che necessariamente ha già visto alcune date uscire dal calendario.

  • MotoGP e Superbike: Marquez cala l'asso, Jonathan prende un due di picche

    Nella giornata in cui sembrava certo il secondo titolo Superbike per Jonathan Rea è stato Mark Marquez ha portare a casa il quinto titolo mondiale, il terzo nella classe regina, con un vittoria a suggellare una stagione vinta con cuore e testa. Cade Valentino Rossi, doppietta adrenalinica di Davies sulla Panigale.

  • MotoGP e Superbike: ritirato il numero 69 di Nicky Hayden

    Verrà ritirato il numero 69 dalle gare dei mondiali motociclistici in onore di Nicky Hayden, pilota scomparso in un incidente proprio in Italia nel 2017. Le vicende giudiziare legate all'incidente non sono ancora concluse, ma c'è spazio per onorare l'uomo e il pilota, che ha onorato i mondiali delle due sponde dell'oceano, vincendo prima nella Superbike americana, per poi debuttare del campionato mondiale MotoGP, mettendo subito in mostra di che pasta era fatto.

    Nato sui tracciati sterrati del flat-track, Nicky Hayden, o Kentucky Kid, è arrivato al titolo mondiale nel 2006 dopo un duello avvincente con Valentino Rossi. Nel 20016 era passato in Superbike nel tentativo di rinverdire i fasti di Honda nel campionato delle derivate di serie, ma il destino ha posto fine alla sua carriera su una strada della riviera romagnola, mentre si allenava in bicicletta.

    Il numero verrà ufficialmente ritirato il 12 Aprile, durante il week end del Gran Premio delle Americhe che si corre a Austin. Plaude alla decisione e si dice orgoglioso il padre di Nicky, Earl, che vede in questo gesto, come in altri, un grande supporto ai momenti difficili.

    Il numero 69 sarà per sempre di Nicky, Kentucky Kid.

  • MotoGP Giappone: settimo titolo per Marc Marquez, il Dovi cade

    Settimo titolo mondiale per Marc Marquez, che con una splendida vittoria in Giappone chiude i giochi con tre gare d'anticipo. Prova Andrea Dovizioso a rinviare i festeggiamenti, ma una caduta a due giri dal traguardo lo relega lontano in classifica gara e piloti. Buona prestazione di Valentino Rossi, ma resta giù dal podio.

  • MotoGP Honda: Jorge Lorenzo e Marc Marquez, genio o follia?

    Honda punta tutto su una mano sola, un ALL IN con la quale sbancare banco e giocatori, il matrimonio tra il difficile pilota maiorchino, Jorge Lorenzo, e la Honda ha formato uno dei team più forti di sempre, moto e piloti, ma qual'è la vera strategia di Honda? Davvero si può pensare di rischiare la tenuta psicologica di uno dei migliori piloti di sempre, il funambolico Marc Marquez, per il sogno di formare il mitico dream team?

  • MotoGP in attesa di Marc Marquez: ancora problemi di recupero

    Il campionato mondiale MotoGP e i suoi appassionati restano in attesa di sapere quando il re Marc Marquez tornerà dalla sua personale crociata.

  • MotoGP Jerez in TV: Marquez assalto al Dovi

    Torna il campionato mondiale MotoGP sul circuito di Jerez questo fine settimana. Il circus dei prototipi affronta la prima data europea, nel vecchio continente in terra di Spagna, Marc Marquez è chiamato a rimediare allo zero rimediato ad Austin, mentre Andrea Doviziosi su Ducati deve mettere a terra tutta la cavalleria della rossa per difendere e incrementare il suo vantaggio.

    Un duello nel quale molti contendenti potrebbero inserirsi, a partire dal vincitore di Austin, Alex Rins su una Suzuki sempre più competitiva, o Valentino Rossi che vuole tornare alla vittoria dopo due secondi posti e una vittoria sfiorata.

    Ma le moto competitive non sono solo queste, con una Yamaha in miglioramento potrebbe trovare la strada anche Maverick Vinales, atteso al cambio di passo, Cal Crutchlow e o Jack Miller su Ducati.

    Osservato speciale resta Jorge Lorenzo, ancora poco a suo agio su una Honda molto più nervosa delle moto a cui è abituato, è atteso non solo nelle prime posizioni, ma a giocarsi il gradino più alto del podio.

    www.motogp.com/it

    Programmazione TV in diretta su Sky e in differita su TV8

  • MotoGP Jerez programmazione TV: si scaldano i motori

    Countdown iniziato per il campionato mondiale MotoGP, il circus dei prototipi prova a riaccendere i motori, i pistoni faticosamente ricominciano a martellare dentro ai cilindri e il suono della passione a riempire i circuiti.

  • MotoGP Jerez: domina Pedrosa, Rossi domenica nera

    Domenica trionfale per gli spagnoli in terra di Spagna, incanta tutti Dani Pedrosa che regola anche il velocissimo compagno, mentre un insospettabile Jorge Lorenzo riguadagna il podio. Domenica nera per Valentino Rossi, che per un soffio non perde la testa del campionato, ma brutto spettacolo vederlo arrancare fino al traguardo.

  • MotoGP Jerez: Ducati che botto!!! Marquez in fuga

    Marc Marquez domina la gara della MotoGP in Spagna, e con l'aiuto di un incidente che sbaraglia la concorrenza, allunga in classifica con un vantaggio che a inizio campionato ha già il gusto di un altro titolo mondiale. Grande delusione in casa Ducati, soffrono le Yamaha.

  • MotoGP Jerez: Marquez torna a regnare, Ducati in affanno

    Classifica ribaltata con la vittoria di Marc Marquez nel MotoGP di Jerez, il pilota spagnolo domina la gara di casa rimettendo in corsa il team Honda per il titolo mondiale, giocano in difesa Andrea Dovizioso e Valentino Rossi, che rimediano i punti necessari a fine gara, continua a sorprendere Suzuki ormai matura per giocarsi il ogni gara.

  • MotoGP Jerez: Quartararo buona la prima, Marquez che botta!

    Protagonista nel bene e nel male di questa MotoGP, Marc Marquez vittima di un incidente spettacolare, spalanca la porta alla prima vittoria di Fabio Quartararo, e ora si apre il toto rientro.

  • MotoGP Jerez: Quartararo, pole del ragazzaccio molesto

    Una prima qualifica della MotoGP per il 2020 tutta da gustare, una confusione di posizioni, che regala certezze, spunti, delusioni per questo tardo inizio di stagione.

  • MotoGP Jerez: Rossi tutto in fuga

    Domenica da pazzi sul circuito spagnolo, dove gli spagnoli abdicano almeno per una Domenica al vecchio leone, che scappa come una gazzella e se la ride come una jena. Un circo che ha proposto emozioni solo per quanto riguarda il dottore, e... per quella dichiarazione di Jorge.

  • MotoGP Jorge Lorenzo: è solo sfortuna?

    Il dream team per ora non c'è, la seconda gara del campionato MotoGP per Jorge Lorenzo è stata ancora una volta deludente, il pilota maiorchino che è ancora a caccia di titoli mondiali, per ora non riesce a trovare il giusto affiatamento con la Honda, che nelle mani di Marc Marquez è risultata imprendibile.

    Jorge punta il dito più su problemi momentanei che su questioni legate all'intesa pilota-moto, in Qatar aveva accusato problemi di frizione, mentre in Argentina ci sono stati problemi con il limitatore di giri subito prima della gara, così che allo spegnimento del semaforo non ha potuto cercare l'inserimento nel gruppo davanti a lui.

    Ovviamente non è stato l'unico problema che ha avuto il maiorchino dulla moto dell'ala dorata, come ha dimostrato Alex Rins sulla Suzuki, il modo e il tempo di recuperare terreno c'erano, ma Jorge dice che alcuni problemi di elettronica sono poi proseguiti durante la gara, creando un problema nelle curve a sinistra, dove il maiorchino dice che gli mancava la moto.

    Un rebus che tutti aspettano di sciogliere quello di questo connubiio, annunciato come il dream team per ora non gli somiglia, RSV213V sembra cucita sulla guida prima di Casey Stoner e adesso di Marc Marquez, una guida molto diversa da quella di Jorge Lorenzo.

  • MotoGP Jorge Lorenzo: scuse accettate? Non tutti

    Le reazioni al disastro del MotoGP di Montemelo non si sono concluse, i piloti hanno rilasciato le diverse dichiarazioni, partendo da quelle più aggressive a quelle più concilianti. Di sicuro si sono aperte due fazioni, chi ha accettato le scuse di Jorge Lorenzo nonostante lo zero subito in classifica, e chi invece ha alzato un muro contro il pilota spagnolo.

    Tra questi sicuramente Maverick Vinales, che già rientrato nel box aveva eloquentemente gesticolato contro Lorenzo additandolo come "matto". Le parole poi sono diventate ancora più pesanti "Spero che la Direzione Gara faccia qualcosa, non è venuto a chiedere neppure scusa"

    Andrea Dovizioso invece ha scelto inizialmente di chiudersi in un iracondo silenzio, per poi commentare "Un errore del genere non è pazzesco, ma arrivando da lui, in quella curva, al secondo giro, significa che non era lucido. Quindi credo debba essere penalizzato". Gli fa eco Maio Meregalli, team manager Yamaha.

    Un grande supporto invece è venuto da Valentino Rossi, che ha preferito puntare il dito contro la curva 10 del Montmelo "Purtroppo nella curva 10 stavo cercando di passare Petrux e sono arrivato nel momento in cui Lorenzo è caduto. La moto mi ha preso, mi sono fatto un po’ male alla caviglia… Però sono cose che succedono in gara. Bastava lasciare la curva che c’era prima, ma qualcuno ha lottato in Safety Commission per avere questa curva, che sembra più una svolta nel parcheggio del Conad“.

    E' arrivato poi anche il supporto del compagno di squadra Marc Marquez, che ha difeso Jorge destando qualche perplessità. Visto il netto guadagno per lui prodotto da questo errore del compagno di box, sarebbe stato opportuno soprassedere.

    In chiusura arrivano le parole di Jorge Lorenzo, che aveva già fatto il giro dei box per scusarsi, ma ha chiuso ringraziando Valentino e comprendendo il malessere di Vinales "Capisco la reazione di Maverick. Perché sono rimasto vittima di Iannone qui tre anni fa e ho reagito allo stesso modo. Non posso dire di più. Sono grato per quello che ha detto Valentino".

    Resta da vedere se davvero la direzione gara prenderà provvedimenti, ma è difficile digerire un "queste sono le gare" pensando chequesto strike potrebbe essere già decisivo per l'andamento della stagione, un favore davvero grosso alla Honda e a Marc Marquez.