Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Venerdì, Ven Nov 2019
  • 6a edizione della Hat Sestriere Adventurfest al via

    Giunge alla sua sesta edizione la HAT Sestriere Adventourfest, nota anche come In Moto Oltre le Nuvole, un evento-raduno sui percorsi dell’Alta Val di Susa, storica via d’accesso alla Pianura Padana, caratterizzata da opere militari che datano anche al ‘700. Forti, avamposti, caserme e una rete di strade d’alta quota, ad altezze sempre superiori ai 2000 metri, costruite tanti anni fa per scopi di controllo e difesa del territorio e che oggi costituiscono un ambiente perfetto per praticare il turismo-avventura.

    Un evento di tre giornate con campo base a Sestriere, da venerdì 29 giugno a domenica 1 luglio, che per le caratteristiche dei percorsi si presenta ideale per coloro che vogliono iniziare la pratica del turismo-avventura in moto. Ogni giorno un percorso diverso grazie alla preziosa e qualificata assistenza delle guide I.G.A.S.T FMI di Base Luna, profonde conoscitrici dei tracciati e sempre disponibili alle necessità di guida dei partecipanti.

    Le guide porteranno i loro gruppi pre-determinati di una dozzina di moto nei punti più panoramici e spettacolari di queste bellissime montagne: la strada dell’Assietta, le montagne del Seguret, il colle del Colomion, le Valli Argentera e di Thures, i Monti della Luna. Percorsi di circa 180 km ciascuno, con un’alta percentuale di sterrato (circa il 70%) con livello di difficoltà “facile”. A metà giornata sarà proposta una sosta-ristoro. I percorsi sono idonei, in buona parte, anche alla presenza di un passeggero.

    Anche per questa 6^ edizione sono confermate l’apertura al transito, per i soli iscritti alla manifestazione, di alcuni tracciati nei Monti della Luna e alle pendici del mitico monte Chaberton, mentre la novità 2018 è costituita dalla possibilità di percorrere gli itinerari aperti al transito anche utilizzando le tracce GPS fornite dall’organizzazione, per provare a navigare in perfetto stile Adventouring.

    Ma la HAT SESTRIERE offre ai suoi partecipanti un’occasione imperdibile: la HALF Hardalpitour, giro in notturna di 250 km in larga misura in fuoristrada con partenza alle ore 23.00 di sabato. Un’eccezionale chance di provare la guida di notte sulle strade sterrate, con la magnifica illuminazione della luna in alta quota. Un’esperienza davvero unica e indimenticabile.

    Main Partner di questa edizione 2018 sono SUZUKI (moto), ANLAS (pneumatici), GARMIN (navigatori satellitari) e LS2 HELMETS (caschi).

    Gli eventi HAT Series sono raccontati sui canali social ufficiali Facebook (HAT Series – Over2000riders – Turismo Fuoristrada) e Instagram (@hatseries).

    Clicca qui per maggiori informazioni

  • A ottobre le nuove Honda Africa Twin e Africa Twin Adventure Sports 2020

    L’Africa Twin si evolve profondamente. È più leggera, più potente, più tecnologica e con un’identità ancora più marcata: il modello base è inequivocabilmente orientato al fuoristrada più impegnativo, la versione Adventure Sports punta dritto ai grandi raid e ai lunghi viaggi con una protettività e un equipaggiamento senza paragoni.

    Telaio e motore
    Il motore bicilindrico parallelo è stato profondamente riprogettato. La cilindrata sale da 998 a 1.084 cc con un incremento della corsa. Gli interventi hanno interessato la distribuzione, le camere di scoppio, l’alimentazione, i cilindri, i contralberi e il sistema di scarico. Aumentano la potenza (da 95 a 102 CV) e la coppia (da 99 a 105 Nm) e di conseguenza le prestazioni complessive, ma senza intaccare la proverbiale trattabilità e il piacere di guida. La nuova Africa Twin 2020 è omologata Euro5.

    Il telaio mantiene il layout a doppio trave discendente con semi-doppia culla sdoppiata ma è stato interamente ridisegnato e alleggerito. Il telaietto reggisella è ora in alluminio, imbullonato e più leggero. Nuovo anche il forcellone in alluminio, derivato da quello della CRF450R motocross.

    Elettronica e strumentazione
    La novità più rilevante è l’introduzione della piattaforma inerziale IMU a 6 assi. Essa sovrintende a tutti gli ausili elettronici alla guida: controllo di trazione HSTC, anti impennamento e nuovo ABS cornering con funzione di antisollevamento ruota posteriore. Il cruise control è di serie e sulla versione Adventure Sports debuttano le cornering lights progressive. Confermati gli indicatori di direzione a disattivazione automatica e con funzione di lampeggio di emergenza durante le frenate intense e improvvise. Sono disponibili 6 Riding Mode, di cui 4 preimpostati (Tour, Urban, Gravel) e 2 completamente personalizzabili (User 1 e 2), per creare sempre il mix ideale tra erogazione potenza, freno motore, intervento ABS e, nel caso della Adventure Sports, assetto delle sospensioni elettroniche Showa EERA.

    Il nuovo cruscotto è una sofisticata unità TFT a colori, touch, da 6.5”, multifunzione, che è possibile impostare su diverse modalità di visualizzazione, a seconda delle informazioni che si vogliono tenere in primo piano. Si può connettere agli iPhone via porta USB sul cupolino per attivare la visualizzazione Apple CarPlay. È disponibile anche la connettività Bluetooth per tutti gli smartphone.

    CRF1100L Africa Twin
    Accentuando le già eccezionali doti offroad del precedente modello, la nuova Africa Twin 1100 è più compatta, leggera, essenziale, stretta e al tempo stesso più sofisticata. La sella è a 870 mm, ribassabile senza attrezzi a 850 mm (disponibili come optional la sella più alta o più bassa). Il parabrezza è basso per non interferire con la visuale e i movimenti del pilota, il codino è filante e con un peso con il pieno di appena 226 kg, grazie ai 102 CV, promette straordinarie prestazioni offroad.

    CRF1100L Africa Twin Adventure Sports
    Caratterizzata da un equipaggiamento completissimo, la nuova CRF1100L Africa Twin Adventure Sports è il sogno di ogni motociclista che ami l’adventouring, i grandi raid e i lunghi viaggi, anche a pieno carico. Condivide con il modello base tutte le novità di motore, telaio ed elettronica, comprese le quote ciclistiche, la triangolazione manubrio-sella-pedane e l’altezza sella di 870 mm ribassabile a 850 mm. Si differenzia però per numerosi elementi tecnici ed estetici. Il più evidente è il capiente serbatoio da 24,8 litri, che assicura un’autonomia anche di 500 km. C’è poi il
    parabrezza alto e regolabile su 5 posizioni, il portapacchi in alluminio e i cerchi a raggi tangenziali di tipo tubeless, preferiti da chi ne fa ampio uso su strada. Di serie anche le cornering lights progressive in base all’angolo di piega, le manopole riscaldabili a 5 livelli e la presa 12V.

    Il plus maggiore è rappresentato dalle sospensioni elettroniche Showa EERA, che offrono 4 set-up di base integrandosi con le impostazioni dei Riding Mode e permettono di impostare il precarico molla dalla guida a solo fino alla guida con passeggero e bagagli.

    DCT - Dual Clutch Transmission
    Honda ha venduto oltre 100.000 moto dotate di cambio a doppia frizione DCT in Europa dal debutto nel 2009 sulla VFR1200F da 173 CV. A distanza di 10 anni Honda è ancora l’unico costruttore in grado di offrire un simile livello tecnologico applicato al cambio sequenziale delle moto. A testimonianza di questo successo, dal 2016, anno di rilancio dell’Africa Twin, circa la metà dei clienti che l’hanno scelta hanno preferito la versione con cambio DCT.

    Il sistema è stato profondamente evoluto in questa decade e sulla nuova CRF1100L Africa Twin raggiunge l’apice dell’efficacia grazie all’introduzione della piattaforma inerziale IMU, che consente cambi marcia ancora più naturali in curva nelle modalità automatiche D ed S.

    Colori, disponibilità e prezzi
    La CRF1100L Africa Twin è disponibile nei colori Grand Prix Red (Rally Red) e Matte Ballistic Black Metallic, entrambi con telaietto reggisella di colore rosso. Entrambe hanno cerchi neri.
    La CRF1100L Africa Twin Adventure Sports è disponibile nell’evocativo Pearl Glare White Tricolour con telaio bianco e in un elegante Darkness Black Metallic con telaio nero. Entrambe hanno cerchi color oro.

    Disponibile nelle concessionarie italiane a fine ottobre, la CRF1100L Africa Twin entra in listino a 14.990 euro per la versione con cambio manuale e 15.990 euro con cambio DCT. I prezzi della CRF1100L Africa Twin Adventure Sports sono di 18.990 euro per la versione con cambio manuale e 19.990 euro con cambio DCT.

     

  • Adventouring: Hardalpitour HAT Sanremo- Sestriere 2019

    Giunge alla sua 11^ edizione la mitica HARDALPITOUR che, grazie alla costante partecipazione di circa 500 motociclisti provenienti da oltre 15 nazioni, può definirsi il più grande evento Adventouring d’Europa. In scena dal 6-8 settembre, la partenza sarà ancora una volta da Sanremo, località particolarmente gradita da partecipanti e accompagnatori, soprattutto stranieri, che in questa città di mare trovano motivi d’interesse e di svago: dalle spiagge sabbiose al famoso Casinò, agli eleganti negozi del centro storico. Rinnovata anche la collaborazione con il Casinò di Sanremo, che ospiterà i partecipanti nel suo teatro per la HAT Night e il briefing. Il Piazzale Dapporto (ex Stazione), a ridosso del mare, ospiterà l’HAT Village con il palco partenza e gli stand dei numerosi partner della manifestazione, accogliendo il raduno dei tantissimi partecipanti.

    Dal punto di vista organizzativo l’impegno è sempre al top grazie ai circa 50 membri dello staff composto, come di consueto, dagli esperti di Base Luna, l’associazione piemontese della Protezione Civile specializzata in eventi motociclistici. E quest’anno saranno ben 16 i diversi punti ristoro organizzati e suddivisi sui vari percorsi. Per quanto riguarda la sicurezza, continua l’utilizzo dei tracker GPS distribuiti ai team partecipanti che consentono di monitorare in tempo reale la geo-localizzazione sul territorio e di inviare alla Centrale Operativa HAT eventuali richieste immediate di soccorso in caso di necessità.

    Diverse le novità dell’edizione 2019: PRIORITÀ DI PARTENZA IN BASE ALLA DATA D’ISCRIZIONE, IL MARATHON PRIZE per chi saprà rispettare in maniera integrale il percorso, UNA NUOVA SOSTA/RISTORO NEL CENTRO DI CUNEO, NUOVI PERCORSI OFF-ROAD IN LIGURIA, NEL CUNEENSE ED IN ALTA VAL DI SUSA, SCONTO SULL’ISCRIZIONE DEI PARTECIPANTI UNDER 21, EXTREME indicato per piloti di provata esperienza, CLASSIC che prevede circa 24 ore in sella, DISCOVERY della durata di due giorni su un percorso di circa 420 km.


    SOLIDARIETA'

    Ancora un pensiero di solidarietà alla HAT. Sarà presente per il secondo anno la start-up artigiana A MANETTA, pensata dall’associazione Brughiera CàDaMat per il carcere di Busto Arsizio:  un laboratorio di stampa su tessuto (nato grazie a Plotterfilms, altra azienda amica di HAT) che crea simpatiche t-shirt a tema “due ruote”, vendute anche sul posto. Il nome e il logo uniscono la passione per il motociclismo alla difficile condizione detentiva, o comunque di limitazione della libertà, con un’ironia speciale per chi ha bisogno di sostegno.


    AICS MOTOCICLISMO-SETTORE ADVENTOURING

    Un’importante novità per la stagione 2019 riguarda l’ingresso della HAT SERIES nel calendario Adventouring di AICS Motociclismo che, ricordiamo, prevede da regolamento la partecipazione di moto maxi-enduro con un peso minimo di 150 kg. AICS Motociclismo è nata a inizio 2018 con l’obiettivo di promuovere al meglio il mondo del motociclismo e coordinare a livello nazionale le attività sportive di carattere amatoriale, seppur con modalità competitive. Nel 2019 è nato il Settore Adventouring, coordinato da Corrado Capra.


    Per info e iscrizioni alla HARDALPITOUR: www.over2000riders.com/viaggi/hardalpitour-2018-extreme-classic-discovery/ e www.hatseries.com.

  • Alessandro Botturi e Yamaha vincono l'Africa Eco Race

    Potrebbe essere questa edizione 2019 la prova finale per riportare la Dakar nel continente africano, l'undicesima edizione dell'Africa Eco Race è stata vinta dal nostro Alessandro Botturi con la sua Yamaha WR450F. L'arrivo sulle rive del leggendario Lago Rosa a Dakar, con un vantaggio di 4'54" su Pal Anders Ullevalseter, racconta bene la tipologia di gara, una battaglia quotidiana fra i due piloti di vertice. La determinazione e la forza di Alessandro hanno prevalso e fin dalla prima tappa si è portato in testa alla classifica generale mantenendola fino all'arrivo.

    Una notizia che non può che risollevare il morale degli appassionati italiani dei grandi raid, dopo il pasticcio patito da Nicola Dutto da parte della dirzione della Dakar.

    Il raid partito dal Principato di Monaco è stato caratterizzato da un ritmo di gara elevatissimo e da un percorso molto impegnativo e sfidante. Botturi ha saputo interpretare al meglio la gara e le piste che si snodano tra le dune di sabbia che hanno fatto la storia dei Rally Africani. Nella navigazione ha fatto la differenza e guadagnato quei minuti preziosi che lo hanno portato alla vittoria. La velocità e la concentrazione con cui ha condotto la gara hanno sbalordito anche il patron della corsa Jean Louis Schlesser che lo ha nominato  "The king of navigation".

    Un meritato successo per il pilota Yamaha, che arricchisce una carriera sempre ai massimi livelli e aggiunge un'altra vittoria alla bacheca fatta di risultati importanti in ambito nazionale e mondiale.

    Una vittoria voluta, un sogno realizzato: "Venivo da una serie di gare sfortunate alla Dakar e avevo davvero voglia di riscattarmi. E ancora una volta mi sono reso conto di come la fortuna sia fondamentale in queste gare. Ero partito per vincere, ma non volevo parlarne, per scaramanzia. Però il mio obiettivo era quello. Devo ringraziare tantissime persone per questa vittoria che dedico interamente a mia mamma. Devo dire grazie ai miei sponsor storici che mi hanno sempre sostenuto, credendo in me fin dai tempi dell'enduro" conclude il pilota Yamaha.

  • Anticipazioni di EICMA: Honda CRF1100L Africa Twin

    E' una delle moto più interessanti di EICMA e a differenza di molte altre, la Honda Africa Twin CRF1100L, i suoi numeri non sono segreti, come nemmeno l'estetica e la ciclistica. Cambia il modello enduro stradale di maggior successo dopo quello della onnipotente GS, cresce di cubatura da da 998cc a 1.084cc e la potenza da 95CV a 102CV, un piccolo incremento che però promette più sostanza e l'adozione dello standard Euro5.

    Tutta nuova su questa Africa Twin 2020 anche sotto con un nuovo telaio, una nuova piattaforma a 6 assi per gli aiuti elettronici, un nuovo display TFT da 6 pollici e mezzo, e la connettività Apple Carplay.

    Buona anche la dotazione ciclistica con le sospensioni Showa intelligenti, nel look con i fari full led, nella dotazione elettronica con il controllo di trazione su 7 liveeli.

  • Aperte le iscrizioni online alla Suzuki V-STROM Academy

    Dallo scorso fine settimana chiunque ha la possibilità di prenotare anche comodamente da casa la propria partecipazione alla V-STROM Academy 2019 sul sito moto.suzuki.it/vstrom-academy/. Venerdì 18 gennaio si sono infatti aperte le iscrizioni online alla seconda stagione di corsi di guida off-road organizzati da Suzuki e coordinati dal pluricampione di motocross e Istruttore Federale Davide Degli Esposti.

    La scuola ha molte novità interessanti, a partire dal fatto che si è trasferita nel magnifico Castello di Luzzano, in provincia di Pavia. La sua offerta formativa si presenta poi quest’anno ancor più coinvolgente e articolata: aumenta la varietà di corsi che si possono frequentare e crescono anche le date in calendario. Pur avendo un’ampia scelta, è meglio comunque non tergiversare troppo e affrettarsi a prenotare: nel 2018 ogni appuntamento della V-STROM Academy era andato tutto esaurito e anche nel 2019 è probabile che molte date siano presto sold out.

    Il sito, che raccoglie anche immagini e video dell’annata 2018, è molto intuitivo e navigare al suo interno è semplice. In poche mosse si può completare l’iscrizione, ricevendo in modo chiaro tutte le informazioni necessarie.

    Una cornice ideale

    La V-STROM Academy ha cambiato casa. Per l’annata alle porte la sua sede sarà infatti presso il Castello di Luzzano, a Rovescala, in provincia di Pavia. Questa suggestiva location offre innumerevoli vantaggi. a partire dal fatto che si trova in posizione strategica, facilmente raggiungibile da tutte le principali città del Nord Italia, dato che il Castello dista appena 70 km da Milano, 130 km da Genova e circa 170 km da Torino, Verona e Bologna. La struttura, curata ed accogliente, può offrire una comoda sistemazione sia agli allievi sia ai loro eventuali accompagnatori.

    Corsi per tutti

    Da quest’anno la V-STROM Academy offre la possibilità di scegliere tra tre corsi differenti, che rispondono perfettamente alle esigenze di tutti i motociclisti con esperienza e obiettivi diversi.

    Corso base e corso avanzato

    Il corso base, che ricalca la formula di successo sperimentata lo scorso anno, si svolge in una giornata ed è dedicato a chi vuole avvicinarsi al mondo dell’off-road a bordo delle versatili V-STROM della scuola.

    Il corso avanzato si aggiunge invece per dare agli allievi la possibilità di affinare la loro tecnica di guida e di acquisire una maggior capacità di controllo della moto, puntando su esercizi diversi ma sempre svolti in un contesto sicuro e controllato.

    La giornata tipo

    In entrambi i casi una prima parte di teoria precede due sessioni in sella alle V-STROM dell’Academy, intervallate dal pranzo e seguite da una prova finale con un percorso fettucciato che consente di mettere in pratica le nozioni apprese. Al termine della giornata si ha anche l’opportunità di saltare in sella a una RM-Z250 e ripetere dunque lo stesso percorso con questa fantastica moto da cross, che primeggia nelle gare a livello internazionale.

    Suzuki Adven-tour

    La V-STROM Academy propone per il 2019 anche l’innovativa formula Adven-tour, in cui la fase didattica si integra con una parte turistica. Si tratta infatti di viaggi guidati in cui percorsi off-road normalmente chiusi al traffico, avvincenti ma alla portata anche dei piloti meno smaliziati, si alternano a tratti asfaltati. Il tracciato si snoda nei pittoreschi paesaggi che si aprono in una delle zone più belle d’Italia, tra la Pianura Padana e l’Appennino Settentrionale. Il tour permette di apprezzare anche le peculiarità eno-gastronomiche del territorio e può essere affrontato sia con la propria moto sia con una delle V-STROM dell’Academy, tutte equipaggiate con i pneumatici on/off Anlas Capra X, perfetti per questi percorsi.

    Il programma del weekend

    Ogni appuntamento Adven-tour si sviluppa nell’arco di un fine settimana. Tutto inizia il sabato mattina alle ore 10 e termina la domenica pomeriggio alle 15. In entrambi i giorni si percorrono affascinanti sentieri e strade divertenti preceduti da una guida esperta, sempre pronta a dare indicazioni precise e prodiga di utili consigli.

    Il pacchetto comprende l’assistenza lungo tutto il percorso e due pranzi di cucina tipica. Sono invece esclusi gli eventuali pernottamenti e le cene, per i quali sono comunque previste condizioni agevolate presso il Castello di Luzzano.

    Per garantire agli allievi la possibilità di essere seguiti al meglio e di avere un rapporto diretto con gli istruttori i posti disponibili per ogni data sono solo dieci, proprio come le moto della scuola: cinque sono V-STROM 650XT e altrettante sono le V-STROM 1000XT.

    Gli allievi di tutti i corsi devono indossare abbigliamento tecnico adeguato. Non sono necessari capi specialistici da fuoristrada ma sono comunque obbligatori casco, guanti, giacca e pantaloni con protezioni, paraschiena e stivali, meglio se dotati di suola artigliata


    I prezzi dei corsi

    Corso base: 330 Euro, IVA inclusa
    Corso avanzato: 330 Euro, IVA inclusa
    Pacchetto corso base + corso avanzato: 600 Euro IVA inclusa
    Adven-tour (con moto propria): 300 Euro, IVA inclusa
    Adven-tour con moto a noleggio: 450 Euro, IVA inclusa


    CORSO BASE
    6 aprile 2019
    4 maggio 2019
    25 maggio 2019
    1 giugno 2019
    14 settembre 2019

    CORSO AVANZATO
    7 aprile 2019    
    5 maggio 2019
    26 maggio 2019
    2 giugno 2019
    15 settembre 2019

    ADVEN-TOUR
    13 e 14 aprile 2019
    11 e 12 maggio 2019
    8 e 9 giugno 2019
    21 e 22 settembre 2019

     

  • Arriva la Suzuki V-STROM Academy 2019: al via le iscrizioni

    La nuova stagione della Suzuki V-STROM Academy si aprirà il 6 aprile 2019 per chiudersi il 22 settembre. Molte le novità per l’annata alle porte: l’Academy sfrutterà una nuova e più suggestiva location e offrirà un programma di corsi più ricco e articolato. Le prenotazioni sono già aperte presso la rete dei concessionari Suzuki e dal prossimo 18 gennaio ci si potrà iscrivere anche online.

    La V-STROM Academy è ufficialmente pronta a iniziare con entusiasmo la sua seconda annata di attività. Suzuki ha infatti definito il calendario dei corsi 2019 e i concessionari della Casa di Hamamatsu sono pronti a raccogliere le prenotazioni di chi voglia regalare o regalarsi già per Natale un’indimenticabile esperienza su due ruote. Dal prossimo 18 gennaio ci si potrà poi iscrivere alla scuola anche online ma è comunque consigliabile affrettarsi: nel 2018 ogni appuntamento dell’Academy ha fatto registrare il tutto esaurito e, anche se ora l’offerta si è fatta più ampia e diversificata, c’è il rischio di trovare presto le date sold-out.

    La V-STROM Academy, coordinata come lo scorso anno dal pluricampione di motocross e Istruttore Federale FMI Davide Degli Esposti, avrà come nuova sede il Castello di Luzzano, a Rovescala, in provincia di Pavia, facilmente raggiungibile dalle principali città del Nord Italia, e con una struttura dotata di tutti i comfort in grado di offrire una comoda sistemazione anche agli eventuali accompagnatori.

    Per riuscire a soddisfare meglio le esigenze di tutti gli allievi e per assicurare loro un reale miglioramento della tecnica di guida, ci sarà un corso base perfetto per avvicinarsi all’off-road a bordo delle versatili V-STROM, e uno Avanzato per utenti già più smaliziati ma desiderosi comunque di acquisire una maggior padronanza della moto.

    Per ogni appuntamento i posti disponibili sono dieci. Questo numero garantisce un rapporto diretto tra istruttori e allievi, non occorrono capi specialistici da fuoristrada ma sono comunque necessari casco, guanti, giacca e pantaloni con protezioni, paraschiena e stivali, preferibilmente con suola artigliata. Per i partecipanti ai corsi di guida sarà necessario portare con se una copia del certificato di idoneità all’attività sportiva non agonistica.


    Il programma della giornata

    Dopo una prima parte di teoria, nella quale sono illustrati gli esercizi da svolgere, ciascun corso prevede due sessioni in sella, intervallate dal pranzo. La fase conclusiva vede gli allievi affrontare un fettucciato disegnato ad hoc per permettere loro di mettere in pratica le nozioni apprese. Chi vorrà potrà inoltre provare l’incredibile emozione di fare lo stesso percorso alla guida di una RM-Z250, una moto nata per le corse e che primeggia nelle gare internazionali di motocross.


    Imparare viaggiando: la formula Adven-tour

    Oltre ai corsi di cui sopra, che durano una giornata, la V-STROM Academy propone per il 2019 anche l’innovativa e avvincente formula Adven-tour. Si tratta di veri e propri viaggi guidati che si sviluppano nell’arco di un fine settimana su percorsi che alternano parti su strada e altre off-road, tra la Pianura Padana e l’Appennino Settentrionale. Questi tour permettono di esplorare sentieri di norma chiusi al traffico accompagnati da una guida esperta e con una grande attenzione anche rivolta alle peculiarità eno-gastronomiche del territorio. Gli Adven-tour possono essere affrontati da ciascuno con la propria moto o in alternativa con una delle V-STROM dell’Academy, tutte equipaggiate con pneumatici on/off Anlas Capra X, perfetti per questi percorsi.


    I prezzi dei corsi

    • Corso base: 330 Euro, IVA inclusa
    • Corso avanzato: 330 Euro, IVA inclusa
    • Pacchetto corso base + corso avanzato: 600 Euro IVA inclusa
    • Adven-tour (con moto propria): 300 Euro, IVA inclusa
    • Adven-tour con moto a noleggio: 450 Euro, IVA inclusa
    • Imparare viaggiando: la formula Adven-tour

     

    CORSO BASE

    CORSO AVANZATO

    ADVEN-TOUR

    6 aprile 2019

    7 aprile 2019

    13 e 14 aprile 2019

    4 maggio 2019

    5 maggio 2019

    11 e 12 maggio 2019

    25 maggio 2019

    26 maggio 2019

    8 e 9 giugno 2019

    1 giugno 2019

    2 giugno 2019

    21 e 22 settembre 2019

    14 settembre 2019

    15 settembre 2019

     
  • Athena presenta una nuova gamma di pistoni per l'off-road

    Athena lancia una nuova gamma di pistoni per applicazioni Cross 4 tempi, che garantisce performance e affidabilità pari ai ricambi originali ad un prezzo assolutamente concorrenziale.
     
    Costruiti con materiali altamente performanti trasformati con forgiatura a estrusione inversa, i nuovi Pistoni Athena sono dotati di uno speciale rivestimento superficiale serigrafato in Bisolfuro di Molibdeno sinterizzato che ne aumenta scorrevolezza, prestazioni e durata riducendo allo stesso tempo attrito e rumorosità.
    La nuova gamma è inoltre dotata di segmenti di ultima generazione in acciaio speciale made in Japan rivestiti in PVD o CrN con rinforzi antiusura. Questi speciali segmenti sono ottimizzati nella forma per migliorare l’adattabilità a basso carico tangenziale.
     
    I nuovi Pistoni Athena sono ingegnerizzati in Italia e sottoposti a severi test al banco dinamico e in pista, in modo da offrire ai clienti performance e affidabilità di altissimo livello.
     
    Questa nuova gamma rispecchia le caratteristiche di tutti i prodotti dell’azienda vicentina, realizzati con materie prime selezionate e attraverso tecnologie di alto livello, frutto di un’esperienza pluriennale nella produzione di ricambi moto di qualità premium.
    Prezzi nuova gamma pistoni:

        250 cc: € 116,00 + IVA
        450cc: € 128,00 / € 138,00 + IVA

     Per info www.athenaparts.com

  • Céf Adventure 2019: tassello, avventura e mare

    Dal 14 al 16 giugno 2019 torna la 6^ edizione della Céf Adventure, evento mototuristico AdvenTouring, organizzato da Cow Adventure e Moto Club Chieve, sotto l’egida della Federazione Motociclistica Italiana e inserito nel calendario degli eventi internazionali FIM. Un’imperdibile moto-cavalcata non competitiva che da Farini (PC) raggiunge la spiaggia di Rapallo (GE), percorrendo le migliori (o peggiori…) strade a fondo naturale dell’appennino emiliano-ligure, in buona parte inaccessibili al di fuori dell’evento.

    Immagina di essere immerso nel verde dell’appennino, scalando una montagna su strada a fondo naturale, con la tua moto e gli amici più cari, di arrivare in cima e trovarti davanti il mare in lontananza. Poi raggiungerlo quel mare, sporco e sudato, ma soddisfatto. Fare il bagno, cenare a base di pesce e dormire in spiaggia, con un centinaio di altri appassionati di moto, fango e tasselli. Questa è la Cèf Adventure 2019.

    TI SERVE: una moto ‘enduro-stradale’ in regola con il C.d.S (ad uno o più cilindri, tranne le ‘racing’) con almeno 150km d’autonomia e dotata di pneumatici tassellati almeno 50/50. L’abbigliamento adeguato e un GPS o uno smartphone su cui caricare le tracce da seguire. Uno o più amici con cui organizzare una squadra, perché in compagnia è più divertente (e anche sicuro). Poi una tenda e l’attrezzatura da campeggio, ma se preferisci l’albergo…
    Basta: l'organizzazione pensa ai pasti, al trasporto dei bagagli e ai pernotti (in tenda), a te non resta che guidare.

    Non devi neanche essere un pilota particolarmente esperto, anche se l’abilità di guida dev’essere proporzionata alla mole della moto. L’andatura sarà comunque di tipo turistico, raccomandando particolare attenzione nell’attraversamento dei centri abitati e delle zone protette.


    PROGRAMMA

    Il pomeriggio di venerdì 14/06 a Farini (PC) per formalizzare l’iscrizione, partecipare alla presentazione dell’evento, cenare tutti assieme con prodotti tipici e poi dormire nel campeggio poco distante (o in albergo/bungalw…).

    SABATO 15/06 mattina, dopo la colazione in piazza, le squadre partiranno dal palco alla distanza di 1 minuto, percorrendo circa 200km di strade prevalentemente a fondo naturale, dallo sterrato al single-track, sempre seguendo la traccia GPS fornita dall’organizzazione, con sosta pranzo in ristorante tipico, per raggiungere Rapallo (GE) dove si potrà fare il bagno, cenare a base di pesce e campeggiare direttamente in spiaggia.

    DOMENICA 16/06 mattina, dopo la colazione in spiaggia, si riparte percorrendo circa 180km di strade dello stesso tipo, ma in buona parte diverse rispetto all’andata, sempre con pausa pranzo, per tornare a Farini nel primo pomeriggio, dov’è previsto un rinfresco, l’estrazione di premi offerti dai nostri partner tecnici: Amphibious, Clover, Forma, Garmin, KTM e Nolan

    sito: www.cowadventure.com
    mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    evento FB: www.facebook.com/events/391273344989364

     Cèf Adventure, arrivo sul mare

  • Come si cambia…

    Il dubbio mi assilla da tempo, da quando, dopo aver per anni professato una passione per le sportive carenate a 4 cilindri, mi sono avvicinato alle bicilindriche, per giunta Boxer fino a, udite udite, approdare al GS!

  • Da Addis Abeba a Città del Capo in sella a uno Scrambler Ducati

    Alicia Sornosa, avventurosa motociclista spagnola, ha percorso 15.000 km in sella al suo Scrambler® Urban Enduro, attraversando la spina dorsale dell'Africa orientale. Il viaggio, che Alicia ha svolto con fini di solidarietà, è partito da Addis Abeba, in Etiopia, e ha attraversato Kenya, Tanzania, Malawi, Mozambico, Lesotho, fino ad arrivare in Sudafrica a Città del Capo.

    Tante avventure ed emozioni, che hanno permesso ad Alicia di vivere un’esperienza incredibile e di compiere un viaggio impegnativo ma gratificante, richiamando l’attenzione sui problemi che, purtroppo, affliggono il continente africano. L’impresa di Alicia ha avuto una forte eco in Spagna, tanto da essere premiata dalla Società Geografica Spagnola quale "Viaggio dell'anno 2018", premio consegnatole personalmente da Re Filippo VI di Spagna, nel corso di una cerimonia pubblica.

    Alicia ha percorso i 15.000 chilometri in compagnia di un altro grande viaggiatore spagnolo, Polo Arnaiz (già protagonista del giro del mondo in moto nel 2013-2014), anche lui in sella ad uno Scrambler®, per l’esattezza un Desert Sled. Le moto hanno affrontato e superato il tragitto alla grande e, a parte il cambio degli pneumatici a metà percorso e due forature, non hanno avuto nessun altro inconveniente o problema tecnico, permettendo loro di raggiungere Città del Capo e completare con successo l’avventura.

    Lo scopo del viaggio era anche quello di raccogliere fondi e, una volta giunta a destinazione, Alicia ha potuto donare 5.000 euro ad una ONG umanitaria operante in Africa (Amigos de Silva) e rendere ancora più “speciale” questa grande esperienza motociclistica.

  • Da Ducati la nuova Multistrada 1260 Enduro

    Ducati presenta la nuova Multistrada 1260 Enduro, la moto che per Borgo Panigale incarna il concetto di Travel Enduro: design ricercato, sportivo ed elegante allo stesso tempo, motore Ducati Testastretta DVT 1262 con curva di coppia corposa sin dai bassi regimi, ergonomia aggiornata per una maggiore facilità di guida a bassa velocità o in manovra e per una maggiore comodità sulle lunghe percorrenze. Un connubio nato per rendere i viaggi confortevoli senza rinunciare alle potenzialità di guida off-road.

    L’ultima evoluzione del motore Ducati Testastretta, il Testastretta DVT 1262, permette di godere, in sella alla nuova Multistrada 1260 Enduro, del massimo delle prestazioni. L’aumento di cilindrata, la mappatura rivista e il nuovo impianto di scarico, permettono un'erogazione della coppia piena e allo stesso tempo fluida a bassi regimi, garantendo invece prestazioni da vera sportiva a regimi medio-alti. Inoltre il Ducati Quick-Shift up/down (DQS) è di serie.

    L’interfaccia della Multistrada 1260 Enduro, completamente riprogettata, risulta ancora più intuitiva e piacevole grazie al cruscotto TFT a colori ad alta risoluzione e all'aspetto grafico di nuovo disegno. Cruise Control, sistema Hands-Free, interruttori al manubrio retroilluminati e spegnimento automatico delle frecce.

    La nuova Multistrada 1260 Enduro è dotata del Cornering ABS Bosch, che controlla la frenata massimizzando la sicurezza attiva anche a moto inclinata; iI Ducati Traction Control modula lo slittamento della ruota posteriore. A questi si aggiungono: il sistema Ride By Wire, il Ducati Wheelie Control, le sospensioni semi-attive Ducati Skyhook Suspension (DSS) Evolution.

    Il costante investimento sulla qualità garantita dalla progettazione, dai materiali avanzati e dalla tecnica ingegneristica ha permesso di modificare il programma di manutenzione in maniera altamente competitiva, portando gli intervalli di manutenzione ordinaria a 15.000 km o un anno e la registrazione del gioco valvole a 30.000 km.

  • Dakar 2019: dominio KTM, vince Toby Price

    Toby Price ha vinto il Rally Dakar 2019. Alla fine di quella che è stata una gara di puro dominio per la Red Bull KTM Factory Racing, Toby Price, Matthias Walkner e Sam Sunderland hanno completato il podio finale con Price che ha assicurato alla KTM la loro diciottesima vittoria consecutiva nell'iconico evento.

    In testa alla classifica generale di poco più di un minuto per la decima e ultima tappa di giovedì, Toby Price non ha avuto altra scelta che quella di dare il massimo in una speciale temporizzata di 112 chilometri. Con i concorrenti partiti in ordine inverso rispetto a quello della loro posizione in classifica generale, Price è stato l'ultimo pilota del motociclismo ad entrare nell'ultimo stage di gara.

    Spingendo fin dall'inizio, Toby sapeva di non poter risparmiare un solo secondo sul percorso di gara. Tuttavia, dopo soli 10km, il rivale più vicino dell'Australia è caduto, lasciando a Price il compito di completare lo speciale a un ritmo più costante. Con una vacalcata da vero campione, ha comunque continuato a perseguire la vittoria di tappa e, con esso, il suo secondo titolo Dakar.

    In quello che è stato un superbo stile di guida, determinazione e coraggio, Price ha superato tutte le aspettative per una meritata vittoria. La rottura del polso poche settimane prima dell'evento metteva in dubbio se il vincitore della Dakar 2016 avrebbe addirittura completato il rally. Mostrando immensa risolutezza, Toby ha interpretato gli stage uno alla volta, guidando costantemente, e alla fine dell'evento di 10 giorni la sua perseveranza ha dato i suoi frutti.

    A completamento della casa di Mattinghofen, che ha occupato saldamente le prime tre posizioni tingendo di arancione la Dakar 2019, ci hanno pensato i piloti del team Husqvarna Rockstar Energy, Pablo Quintanilla e Andrew Short, marchio che orbita intorno alla casa austriaca. Il primo dei piloti fuori da questa cerchia è il pilota Yamaha Xavier De Soultrait, seguito dalla Honda di Jose Ignacio Cornejo Florino.

     

    Classifica finale

  • Dakar 2019: il nostro Nicola Dutto tenta l'impresa

    Pronta la partenza dell'edizione 2019 della Dakar, la gara in fuori strada più iconica del mondo, che che come ormai da molti anni prenderà il via in Sud America, e non nell'Africa nella quale è nata. Quest'anno la gara si svolgerà interamente in Perù, partenza il 6 Gennaio e arrivo il 17 Gennaio dopo 10 tappe in territorio peruviano.

    Partenza e arrivo saranno nella capitale del paese sudamericano, Lima, l'elemento di difficoltà principale è rappresentato dalle dune di sabbia, che diventano elemento imprevedibile per la navigazione, per la lettura del percorso migliore e per il pericolo di insabbiammenti. Il percorso è di 5500Km, il 70% si correrà nel deserto, con 330 equipaggi, 167 moto e quas, 126 auto e 41 camion.

    Grande favorita tra le moto, come sempre KTM, che ormai imperversa nella gara desertica da tanti anni, lo scorso anno ci ha provato Honda a terminare questa lunga striscia arancione, vedremo quest'anno se ci sarà un cambio al vertice.

    Uno dei protagonisti della corsa, per la sua attitudine alle grandi imprese è il nostro Nicola Dutto, campione affermato nelle matathon in condizioni impervie, oggi motociclista paraplegico, che tenterà la grande impresa di affrontare una Dakar. Plurititolato nelle lunghe mataratone, nel 2010 Dutto in seguito ad un grave incidente rimane paralizzato alle gambe, torna in sella tre anni dopo e ricomincia ad affrontare le gare a lui congeniali. Nella Dakar sarà accompagnato da almeno due angeli custodi, che in caso di caduta sulle difficili dune, lo aiuteranno a rialzarsi. Un altro grande campione, prima con la testa che con il fisico.

    www.dakar.com

  • Dakar Stage 4: la Honda di Ricky Brabec passa la comando

    Quarta tappa per la Dakar 2019, che per questa edizione si corre interamente in Perù. La quarta giornata prevedeva una speciale sulla via tra Arequipa e Moquegua. Dopo un trasferimento di 85km, la speciale prevedeva una prima parte di 205km, e poi un'altra parte di 146km dopo un trasferimento di 54km. Tra dune e letti di fiume in secca, dove i piloti dovevano prestare la massima attenzione all'usara dei pneumatici pur tenendo l'andatura necessaria a battere gli avversari, è stato l'americano della Honda Ricky Brabec, che precedendo l'alfiera di KTM Matthias Wlkner, è riuscito a strappare la prima piazza in classifica generale a Pablo Quintanilla pilota Husqvarna.

    La classifica generale vede quindi al primo posto un pilota Honda,     sequito da una Husqvarna e solo terza la orima delle KTM. Resta attardato in classifica l'ex campione delle ultime due edizioni, per ora settimo  a circa 9 minuti, un distacco non però così importante con molte giornate ancora da disputare.

    Ancora in gara anche il nostro Nicola Dutto, che pur attardato continua la sua avventura con la squadra che lo supporta per l'impresa impegnativa di effettuare una Dakar in moto da disabile.

    www.dakar.com/en/rankings

  • Dunlop lancia tre nuovi pneumatici moto nel 2019

    Dunlop annuncia il lancio di 3 nuovi pneumatici moto nella seconda metà del 2019 con l’ambizione di creare il portafoglio prodotti  completo. I nuovi lanci comprendono un pneumatico in stile retrò ma dotato delle più moderne tecnologie, un nuovo pneumatico della gamma Geomax vincente nei campionati MXGP e Supercross e un innovativo pneumatico trail che incorporerà la visione di Dunlop in questo segmento strategico.


    Trailmax Meridian - Dunlop intraprende un nuovo percorso nei pneumatici trail

    Dunlop rivelerà presto i dettagli di un nuovo pneumatico per il mercato Adventure. In seguito all’aumento delle vendite registrato dalle moto per guida on e off road come BMW GS, Honda Africa Twin e Triumph Tiger, i motociclisti stanno diventando sempre più esigenti anche relativamente ai pneumatici. Molte moto vengono scelte perché considerate veri e propri “SUV a due ruote”: i motociclisti cercano elevate prestazioni sul bagnato, un comportamento sportivo, un elevato chilometraggio e anche l’adattabilità alla guida in fuoristrada. Si tratta di requisiti molto impegnativi per i progettisti, ma Dunlop ha fuso l’esperienza del team di sviluppo sportivo con quello offroad per creare un pneumatico in grado di vincere questa sfida. Il nuovo prodotto della gamma Trailmax sarà in vendita da fine anno, per permettere ai motociclisti di pianificare le loro avventure del 2020.


    Geomax EN91 - La gamma Geomax diventa ancora più versatile

    Quest’autunno Dunlop aggiungerà un prodotto chiave alla gamma Geomax: il nuovissimo pneumatico enduro denominato “EN91”. Questo nuovo prodotto si rivolge al mercato delle competizioni Enduro ed è dotato di mescola e struttura progettate per massimizzare le prestazioni delle gare cross-country e trial su lunghe distanze.


    TT100 GP - Look retrò, prestazioni sportive

    Uno dei segmenti che registra la crescita più rapida nel mercato europeo delle moto è quello delle roadster sportive retrò. Da BMW Cafe Racers a Yamaha XSR, l’abbinamento tra prestazioni moderne e spirito nostalgico ha catturato l’immaginazione di molti. L’esperienza di Dunlop ha evidenziato come questi motociclisti richiedano che le nuovissime tecnologie si adattino alle prestazioni delle loro moto, ma cerchino anche un disegno in grado di fornire suggestioni retrò per riflettere l’immagine del modello da loro scelto. In agosto, Dunlop lancerà un pneumatico per soddisfare queste esigenze, ispirandosi a uno dei suoi prodotti di maggiore successo del mondo delle corse, il TT 100 GP, il primo pneumatico capace di raggiungere la velocità media di 100 miglia orarie sul famoso tracciato del Tourist Trophy.

  • EICMA 2019: le foto della nuova Suzuki V-Strom 1050

    La Casa di Hamamatsu svela al Salone di Milano V-STROM 1050, nuova top di gamma delle Sports Adventure Tourer.