fbpx
In Moto col Gigi
Categoria: Le nostre prove

E così eccomi di nuovo dall’altra parte della cattedra, un’esperienza che da insegnante apprezzo perché ritengo che non si smetta mai di imparare.


Soprattutto quando il tema è uno di quelli poco conosciuti che nel mio caso è identificato nel fuoristrada, quello che da poco pratico, raramente, e che nonostante qualche corso con diverse realtà ha bisogno di costanti nuovi input per potere essere sempre più divertente e sicuro per me.

In moto col gigi 1

Intanto spezzo una lancia proprio a nome delle Scuole di Motociclismo che per anni sono state snobbate e che ancora ora sono frequentate da una minoranza degli utenti su due ruote.
La convinzione che siano inutili, il fatto che molti siano convinti di saper guidare e, diciamolo, una cultura dove le stesse Scuole Guida non sono davvero in grado di insegnare a guidare una moto fa sì che il livello di molti motociclisti sia davvero basso.
Non parlo di velocità, di andare forte, questo a volte è incoscienza, parlo proprio di tecnica di guida e gestione consapevole e sicura di un mezzo potenzialmente pericoloso.

In moto col gigi 2

Questa è una mia convinzione che nasce qualche anno fa dopo il mio primo corso di guida, dopo oltre trent’anni di moto, dove mi sono trovato a riconoscere degli errori, consolidati nelle abitudini in sella, e a migliorare la mia sicurezza, la gestione del mezzo e lo stile di guida che corrispondeva proporzionalmente anche in una stanchezza fisica e psicologica minore.

Un nuovo mondo che mi ha fatto guardare le Scuole per motociclisti con occhi diversi, non solo un imparare a guidare, bensì un costante e continuo allenamento a migliorarsi, a dirla da insegnante ad imparare.

In moto col gigi 3

Ecco perché mi sono ritrovato al Castello Dal Pozzo una mattina d’Autunno in sella a una moto da fuoristrada a seguire il corso di “In Moto col Gigi”.

In realtà tutto nasce dal recente utilizzo di una KTM 890 Adventure R al Sardegna Gran Tour 2021 e pochi mesi dopo di una KTM 690 Enduro R allo Swank Rally di Sardegna 2021, dove mi sono reso conto di aver ancora molto da apprendere nella gestione delle moto in fuoristrada; se sommate che KTM è partner tecnico della suddetta Scuola era inevitabile finisse così.

In moto col gigi 5

Una giornata full immersion sotto la sapiente guida di Istruttori qualificati per affinare le mie poche certezze, ma soprattutto per apprendere e migliorare quelle nuove.

incantevole teatro di questa esperienza il già citato Luxury Resort Castello Dal Pozzo e i suoi 24 ettari di parco pronti per offrire ai partecipanti tutte le condizioni necessarie per sperimentare le varie possibilità e tecniche di guida.

in moto col gigi 6

Al corso si può partecipare con la propria moto, purché gommata con almeno un moderato tassello, oppure usufruendo, con un piccolo sovrapprezzo, delle moto messe a disposizione dalla Scuola che sono le ottime KTM 890 Adventure e 390 Adventure.

Ho scelto questa soluzione non avendo nel box la moto adatta e soprattutto perché avendo avuto la fortuna di provarle in off-road  volevo avere una conferma delle sensazione e allo stesso tempo la percezione dei miglioramenti. Sono partito con la 890 Adventure R per poi scegliere negli esercizi tecnici la più leggera 390 Adventure per sentirmi più a mio agio, ma anche per provare la piccola KTM che non conoscevo.

Istruttori d’eccezione Giordano Manzoni, fondatore della Scuola In Moto col Gigi e Aimone Dal Pozzo, tra l’altro CEO del Castello Dal Pozzo.

in moto col gigi 7

In questa versione autunnale la “Casina della Frutta”, un elegante villino nel parco del Castello lascia il posto alla sala conferenze dell’Hotel dove Jordy e Aimone danno le informazioni sulla giornata e le prime indicazioni sulla posizione corretta in sella, mani, gomiti, busto, gambe e piedi che molti danno per scontate ma ho imparato che non sempre è così.
Il mattino è dedicato a un giro lungo su asfalto lungo le colline adiacenti il Lago Maggiore ricche di stradine in salita e discesa con stretti tornanti per sperimentare la gestione dei comandi al manubrio e al pedale.

in moto col gigi 8

Sembra un controsenso l’utilizzo della strada in funzione del fuoristrada ma, pensandoci bene una corretta postura affinata in una situazione “Facile” è più facilmente assimilabile che non in difficoltà. Diverse pause lungo il percorso servono per fare piccole correzioni e dare nuove indicazioni, nel frattempo gli Istruttori possono iniziare a valutare le capacità dei partecipanti per suddividerli poi nei due gruppi di lavoro del pomeriggio.

La pausa pranzo, elegante e raffinata, serve per conoscersi meglio e cominciare a confrontarsi sugli esercizi e i risultati del mattino, il tempo giusto di rilassarsi ed è ora di tornare in sella.

in moto col Gigi 9

Due gruppi da tre persone ciascuno ad alternarsi sui quattro settori del parco per altrettanti aspetti da mettere a punto: la guida in piedi sulle pedane, la posizione in sella in salita e in discesa, le curve e il terreno smosso.
In realtà in ogni settore c’è molto di più e un continuo intreccio dei vari aspetti, ma le zone riescono a offrire altresì anche diverse configurazioni di terreno per acquisire una sensibilità maggiore in sella, che alla fine si traduce in sicurezza e consapevolezza delle proprie capacità.

In moto col gigi 10

Continue correzioni durante gli esercizi, anche utilizzando filmati e a ogni cambio di settore un veloce de briefing alla “Casina della Frutta”, immersa nel parco del Castello, per le correzioni dei precedenti esercizi e la spiegazione dei successivi, ma soprattutto riprendere fiato, tutto in una atmosfera easy, amichevole, decisamente piacevole.

La giornata passa veloce e termina con la consegna dei gadget, ma soprattutto la richiesta ad ognuno di noi di identificare il proprio punto debole, quello su cui lavorare…

In moto col gigi 11

Questa è l’essenza di un corso, dare gli strumenti al motociclista su cui lavorare, da mettere in pratica ogni volta che sale in sella e secondo la situazione in cui si trova.
Un corso non può, per stessa ammissione di Jordy e Aimone, in una giornata insegnarci tutto, non può trasformarci in piloti, ma ci da quella consapevolezza di movimenti provati sul campo da trasferire poi nell’uso comune.

In moto col gigi 12

Eppure i miglioramenti sono tangibili anche durante il corso, giro dopo giro, esercizio dopo esercizio e ora dopo ora, maggiore confidenza con la moto, col terreno e con se stessi, insomma meno fatica e più sicurezza.

Dall’altra parte della cattedra dicevo, eppure con quel senso critico che non mi abbandona, soprattutto nell’osservare e analizzare la capacità di chi ha il ruolo di insegnante/istruttore di trasmettere in modo giusto, comprensibile e preciso il messaggio e il gesto tecnico, una dote spesso innata, come quella di riuscire a dare sicurezza agli allievi.

in moto col gigi 13

Ecco che promuovo a pieni voti Jordy e Aimone, anche per la pazienza che riescono ad avere, che se gli riesce con noi grandi bambini sicuramente sarà eccezionale quando hanno i piccoli allievi.

Un corso efficace che se non esaustivo fino in fondo può essere l’inizio di una serie, magari completandolo con un corso più completo di due giorni che è tra le tante proposte di cui potrete essere sempre aggiornati iscrivendovi alla Newsletter che trovate nella sezione “Contatti” del Sito IN MOTO COL GIGI.

in moto col gigi 14

E se pensate che un corso costi una follia vi invito a curiosare e nel caso chiedere le quotazioni, anche questa potrebbe essere una piacevole sorpresa.  

Tra l’altro visto che ormai si avvicina il Natale potrebbe essere una buona idea regalo, a buon intenditor…

Foto Alex Piantanida

GALLERY



Abbiamo utilizzato: Completo Clover Laminator - Casco Nolan N53 - Stivali Forma Adventure HDry - Guanti Clover Airtouch - Maschera Ariete 8K -Occhiali Emblema

 

 



GLI ISTRUTTORI:

in moto col gigi 15

Jordy Manzoni
Dottore Magistrale in Scienze e Tecnica dello Sport
Tecnico Sportivo di Guida FMI
Istruttore di Tecniche di Guida Stradali FMI
Fondatore di IN MOTO COL GIGI

in moto col gigi 17

Aimone Dal Pozzo D’Annone
Tecnico Sportivo di Guida FMI
Istruttore di Tecniche di Guida Stradali FMI
CEO Castello Dal Pozzo

Back To Top