fbpx
Sardegna Gran Tour 2022
Categoria: Turismo

Perché tornare al Sardegna Gran Tour per la quarta volta? Perché allargare la partecipazione a ben due membri della redazione?


Le risposte sono ben più semplici della domanda; la sostanza è che il Sardegna Gran Tour alla fine è una bella vacanza da vivere in sella insieme agli amici, siano questi quelli con cui hai condiviso le edizioni passate, siano invece quelli nuovi che già dalla prima tappa sono coinvolti in questo evento particolare che fa della condivisione il suo forte.
Una vacanza a tutti gli effetti dicevamo ed in effetti l’unica cosa a cui devi pensare è guidare seguendo i tuoi desideri, il tuo ritmo e la precisa traccia che gli organizzatori ti hanno inviato. Traccia che può essere totalmente stradale se non vuoi mettere le ruote fuori dall’asfalto, oppure On-off, se ami il tassello e vuoi andare a scoprire la Sardegna più selvaggia e immergerti completamente nella natura.

Sardegna Gran Tour 2022 1

Libertà che significa poter nel caso passare da una traccia all’altra in ogni momento seguendo le voglie o i bisogni del momento.
Già ma la libertà è anche quella di non seguire la traccia  per divagazioni culturali o paesaggistiche che vuoi inserire nel tuo personale viaggio in Sardegna.
Il vincolo essenziale è quello di rispettare gli orari, soprattutto quelli legati al traghetto per ovvi motivi, e comunicare sempre all’organizzazione le proprie intenzioni.

 

Un gruppo viaggiante quindi che seppur si divida al mattino sulle due diverse tracce poi si ritrova ai ristori del mezzogiorno e alle cene in albergo per una condivisone estesa delle emozioni, tante realtà, personaggi, vite ed esperienze che si confrontano, creano legami, attraverso la comune passione delle due ruote a motore.

Sardegna Gran Tour 2022 2

Nonostante il meteo abbia fatto di tutto per provare a rovinare questa edizione con la pioggia nella prima tappa di trasferimento da Milano a Livorno e poi nella seconda tappa, la prima in Sardegna, con climi più autunnali che primaverili, lo spirito non ha subito contraccolpi, anzi è stato sconfitto dalla voglia comune di divertirsi sempre e comunque, sarà anche per la posizione dell’Hotel praticamente in spiaggia che fungeva da campo base per questa edizione.
Così in effetti è stato con il sole che ha regalato poi due giorni splendidi per gustare in pieno delle bellezze dell’isola che non significa solo mare, ma anche panorami mozzafiato, natura rigogliosa, storia e cultura condita con profumi che si percepiscono guidando su strade bellissime.

Sardegna Gran Tour 2022 3

Potrebbe bastare questo, ma aggiungiamo che ogni edizione ha percorsi diversi che nello specifico quest’anno si sviluppava nella zona Nord orientale dell’isola, da Olbia a Cala Gonone con divagazioni nell’interno verso la Barbagia e i caratteristici paesi dell’interno.
Invece va aggiunta una organizzazione che si avvicina alla perfezione con ogni garanzia di sicurezza grazie alla costante presenza del preparato Staff di Adventure Riding capitanato da Renato Zocchi. Una garanzia sia dal punto di vista meccanico con un fuoristrada con carrello portamoto sul percorso pronto ad intervenire con a bordo un Soccorritore in grado di intervenire velocemente in caso di problemi fisici che per fortuna non si sono verificati, ma sempre meglio essere previdenti.

Sardegna Gran Tour 2022 5

Può bastare come risposta? A voi dite che manca la seconda!
Quest’anno infatti oltre a Flap, ormai veterano del SGT con partecipazione sia al percorso stradale, sia on-off abbiamo voluto esagerare e coinvolgere anche Fagna, così da far comprendere anche a lui la magia di questo evento che strega.
Doppia presenza quindi con  la Ducati Multistrada V2 di Davide pronta a seguire la traccia completamente asfaltata, mentre Flap con la Triumph Tiger 900 Rally Pro riprova l’esperienza in on-off.

Sardegna Gran Tour 2022 6

Una doppia visone accumunata dalla soddisfazione di entrambi a fine tappa, dove il lo stradista amante delle traiettorie perfette, della bella guida, ha potuto esprimersi sulle strade quasi sempre perfette della Sardegna.
Una nuova sfida invece per il fuoristradista con una moto nuova, ma potenzialmente adatta, ha voluto scoprire i nuovi percorsi tracciati da Zocchi in questa terra che fa della diversità di terreni e di panorami la sua forza.
Un percorso che si snoda e va ad attraversare terreni privati e parchi naturali normalmente limitati al traffico, dove Adventure Riding richiede, anche pagando, il permesso di transitare, posti unici, quindi altrimenti inaccessibili legalmente.

Sardegna Gran Tour 2022 4

Seguendo la logica della libertà permessa dai due tracciati abbiamo scelto di dedicarci entrambi alla traccia stradale per il terzo giorno inserendo una sosta a Orgosolo, famosa per i suoi Murales, e alla Tomba dei Giganti di Dorgali, per poi tornare sui nostri rispettivi percorsi il giorno successivo.
Dicevamo una selezione di percorsi davvero varia, ma anche una scelta di punti di ristoro e alloggio capaci di coniugare confort, qualità e tradizione in una soluzione senza continuità che rende particolare il Sardegna Gran Tour.

Sardegna Gran Tour 2022 7

Una partecipazione consolidata che non smette di piacere a Flap e una nuova esperienza per Fagna che è tornato entusiasta… mi sa che non sarà l’ultima.

Per gli altri eventi visitate il sito di ADVENTURE RIDING

GALLERY



ABBIAMO UTILIZZATO
Per navigare senza mai perderci abbiamo seguito le tracce sui nostri Garmin il poliedrico Zumo XT perfetto per l’uso stradale e il più avventuroso Montana 700i, entrambi dotati di mappe stradali così da poter essere usati normalmente anche nell’uso quotidiano.
Per comunicare tra noi ci siamo serviti di interfoni Midland BTX2 ProS e quando distanti del sistema PTT sempre di Midland tramite specifica APP, sempre della stessa casa anche le Action Cam H9 Pro.

Sardegna Gran Tour 2022 8

Per le moto la scelta stata ovvia per un Ducatista che non ha perso l’occasione per portare sulle curvose strade sarde una Multistrada V2, ottima per viaggiare, comoda, ma anche con un motore e una ciclistica capace di divertire.
Per il fuoristrada era d’obbligo la scelta di un modello con ruota anteriore da 21”, che fosse sufficientemente comoda e prestazionale per i lunghi trasferimenti, avesse una buna capacità di carico, rimanendo abbastanza “leggera” e facile nell’uso off-road da parte di un principiante; la Triumph Tiger 900 Rally Pro si è rivelata la scelta ottimale.

Sardegna Gran Tour 2022 9

Di entrambe le moto leggerete prossimamente il test specifico su aMotoMio.it

ABBIGLIAMENTO
Fagna: Giacca e pantaloni GTS-4,  guanti Clover – Casco Nolan N70-2 X – Stivali Forma Jasper HDry– Intimo SIXS
Flap: Giacca Dakar-2, pantaloni Light Pro-3 e guanti Airtouch-2 Clover – Casco Caberg Tourmax – Stivali Forma Adventure HDry – Intimo SIXS

 

 

Back To Top