fbpx
Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Sabato, Sab Nov 2020
  • 8 ore di Suzuka: vince Kawasaki con un colpo di scena

    Rocambolesco finale per la 8 ore di Suzuka, che ha visto trionfare il team Kawasaki nel quale milita la compagine Superbike, il 4 volte campione del mondo Jonathan Rea e il compagno Leon Haslam, ma anche la giovane promessa della Superbike Toprak Razgatlioglu.

    La gara si è decisa a pochi minuti dalla fine, quando il team Kawasaki, in pista in quel momento con Rea, era al comando della gara. Proprio in quel frangente la Suzuki del team SERT ha rotto il motore inondando la pista di olio. Rea è arrivato su quel tratto di pista scivolando sull'olio e finendo rovinosamente fuori pista.

    A quel punto i commissari espongono bandiera rossa dichiarando la fine delle ostilità, la gara sarebbe dovuta terminare con la classifica del giro precedente e quindi con la Kawasaki ZX10RR sul gradino più alto del podio, ma il regolamento Superbike che prevede che le moto debbano essere portate al parco chiuso entro 5 minuti, ha tolto di fatto la vittoria alle Kawasaki, consegnandola alla Yamaha di Michael van der Mark e Alex Lowes.

    La regola è quella assurda vista quest'anno in azione contro il povero Tom Sykes, ma il team Kawasaki non si è arreso, inoltrando un ricorso in quanto il regolamento della 8 ore di Suzuka non è del tutto uguale a quello della Superbike, e infatti non menziona l'obbligo dei 5 minuti.

    Jonathan Rea e compagni quindi possono festeggiare, riportando l'iconica gara tanto cara alle 4 sorelle del motociclismo nipponico, nelle mani della casa di Akashi dopo più di 25 anni.

    Titolo riconsegnato alla Kawasaki, mentre la rottura della Suzuki consegna anche il titolo endurance al team SRC-Kawasaki.

  • Superbike Alvaro Bautista: Razgatlioglu ha chiuso la mia linea

    Alvaro Bautista si dice davvero molto dispiaciuto per il triplo zero rimediato a Laguna Seca, ma se ammette l'errore in Gara1 per la scivolata che lo ha portato a ripartire dal fondo della classifica, per Gara2 e la Superpolerace punta il dito contro il turco della Kawasaki Toprak Razgatlioglu.

    Secondo lo spagnolo, Toprak ha chiuso la linea della sua curva senza dargli modo di evitare la sua ruota posteriore, provocando così la caduta che lo ha messo fuori gioco nella Superpolerace, ma che ha causa del dolore alla spalla non gli ha permesso di correre Gara2.

    Un brutto week end quello di Laguna Seca, non così difficile da strappare alla Kawasaki e a Jonathn Rea come ha fatto vedere Chaz Davies, che in Gara2 ha imposto il risultato al campione del mondo con un'andatura davvero indiavolata. I divario in classifica tra Rea e Bautista è ora molto ampio, con 4 round e 12 gare da disputare però nulla è perduto, l'aiuto di Chaz contro lo statista Rea potrebbe diventare fondamentale per strappare più punti possibili a Rea gara dopo gara.

    Se Alvaro vincesse ogni gara e Rea arrivasse sempre secondo, il vantaggio accumulato da Rea sarebbe sufficiente a incoronarlo un'altra volta, diverso se fra loro si frapponesse Davies.

  • Superbike Australia: troppo spettacolo per un solo round!

    Il primo round della Superbike ha regalato spettacolo e tanta adrenalina, le tre gare disputate sul circuito di Phillip Island hanno fotografato una situazione caotica, buon presupposto per una stagione piena di sorprese. Da questo caos sono emersi tre nomi: Toprak Razgatlioglu, Jonathan Rea e Alex Lowes.

  • Superbike Laguna Seca: Rea allunga, torna Davies, triplo zero per Bautista

    Un triplo zero di Alvaro Bautista consegna a Jonathan Rea un dominio assoluto del round di Laguna Seca, perentorio ora il distacco in classifica che però sarà duro da difendere fino a fine campionato. Alvaro in crisi, ma Chaz Davies è tornato.

  • Superbike Magny-Cours: quinta corona per re Jonathan Rea

    Jonathan Rea si laurea campione del mondo con due round di anticipo, con cinque titoli mondiali Superbike consecutivi il nord irlandese entra nella leggenda delle corse mostrando che anche a parità di moto e di velocità, il vero talento è fatto di testa, consistenza e tenacia.

  • Superbike test Portimao: Toprak Ragzatlioglu chiude al comando

    Seconda giornata di test a Portimao dove il leader assoluto è stato Toprak Ragzatlioglu a bordo della Yamaha del team Pata.

  • Superbike: Gara1 a Phillip Island al fotofinish, la spunta Ragzatlioglu

    Gara di avvio della stagione 2020 della Superbike in Australia andata al nuovo paladino della Yamaha, il giovane turco Toprak Razgatlioglu, che alla fine di una gara molto combattuta con un duello che si è protratto per tutta la gara con un drappello di contendenti, l’ha spuntata sul photo-finish contro Alex Lowes e Scott Redding.

  • Superbike: Leon Haslam scaricato dalla Kawasaki

    Leon Halslam lascerà la Kawasaki ufficiale a fine stagione Superbike 2019, il team di Akashi ha dato l'addio al pilota inglese che dovrà trovarsi un'altra sella.