Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Venerdì, Ven Lug 2020
  • Anteprima EICMA: Energica e Samsung, nasce Bolid-e

    Serata tutta tecnologica per l'avanguardia Delle due ruote, Energica e Samsung insieme per una serata pre-Eicma, una delle eccellenze italiane che progetta e costruisce il futuro Delle mobilità a due ruote, con uno dei marchi più noti della tecnologia consumer.

    Nella Smart Arena Samsung gran mattatore è Nico Cereghini, che questa volta invece di svelare i segreti di una moto, svela i segreti di un nuovo progetto che unisce Samsung e Energica. Il colosso dell'estremo Oriente, spesso impegnato nell'introdurre tecnologie vincenti in campi che non sono naturalmente nel proprio campo di business, questa volta ha scelto Energica come brand innovativo, per introdurre il progetto SmartRide.

    Insieme a Nico sul palco c'è l'Head of Marcom di Samsung di Samsung Italia e l'AD di Energica Livia Cevolini, rappresentante della punta di diamante dell'innovazione proveniente dalla Motorvalley italiana.

    Un progetto durato un anno, dal nome davvero passionale, Bolid-e. Lo spirito del progetto è l'integrazione tra tecnologia Samsung e delle moto elettriche Energica, concretizzate in una moto dall'estetica aggressiva. L'accensione della Bolid-e avviene attraverso il Galaxy Watch, dove è possibile vedere tutta una serie di informazioni sullo stato della moto, che possono essere poi scaricare, come carica residua, km, autonomia, stato della moto, punti di ricarica disponibili.

    La parte più ludica dell'integrazione è che il Galaxy Watch registra anche tutti i dati durante i percorsi,velocità, angolo di piega, curve, unita ai dati biometrici misurando e riproponendo lo stato emozionale durante i tratti di strada più divertenti e riproponendo poi le performance in qualsiasi momento. Samsung e Energica ci portano il 3D del modo di rivivere le emozioni vissute in moto, le foto e i filmati saranno forse cose d'epoca.

    Agli specchietti sono stati sostituiti due schermi Samsung con un complesso sistema di telecamere in grado di segnalare in maniera più intelligente informazioni come problemi sugli angoli ciechi e ostacoli sulla strada.

    I dati di richiesta di mobilità Green è continuamente in crescita, con questo passo Samsung entra dalla porta principale nel mondo tecnologico a due ruote con Energica, i motociclisti avranno di che divertirsi.

    Wolf

    Ritratto di Wolf

    GALLERY

     

  • Askoll inaugura nel cuore di Milano il nuovo store

    Askoll Eva, produttore e distributore di veicoli elettrici Made in Italy, inaugura un nuovo store nel cuore di Milano. Ubicato in Via Marangoni 8, nei pressi dell’avveniristico quartiere di Porta Nuova, ospiterà l’intera gamma di e-bike e scooter elettrici dell’azienda vicentina.

    Uno spazio sviluppato su un’area totale di 200 mq su tre livelli suddivisi tra showroom, uffici e officina che incarna il mondo, lo stile e i valori Askoll in un format rinnovato. All’interno del nuovo flagshipstore vivranno, in un’esposizione essenziale finalizzata alla valorizzazione dei veicoli Askoll, i mezzi della gamma 2019: dal modello eS2, lo scooter elettrico più veduto in Italia a eS3, e-scooter che spicca per la potenza del motore da 3 kW, fino alle nuovissime eB4 e eB5, terza generazione di biciclette a pedalata assistita dall’attitudine sportiva.

    Il nuovo indirizzo milanese nasce dalla volontà di dare un servizio ancora più accurato alla clientela sia in termini di accessibilità che di assistenza anche a fronte del consenso sempre maggiore del pubblico per i mezzi Askoll. All’interno del nuovo store i visitatori potranno vivere un’esperienza diretta con il brand, testare i nuovi mezzi e scoprire tutte le potenzialità dell’elettrico.

    Un trend di mercato, quello degli scooter elettrici per una mobilità sostenibile e quello delle e-bike, in costante aumento che premia il produttore italiano per numeri e consensi.

    L’azienda ha consolidato la propria presenza in Italia e in Europa nel corso dell’ultimo anno affacciandosi a nuovi mercati come la Germania, il Belgio e l’Olanda. Ad oggi Askoll Eva conta oltre oltre 250 punti vendita e di assistenza e 11 distributori/importatori indipendenti.

  • eCooltra tra i protagonisti dell’Osservatorio Nazionale sulla Sharing Mobility

    eCooltra, il più diffuso servizio di sharing di scooter elettrici in Europa, è tra i principali sostenitori dell’Osservatorio Nazionale sulla Sharing Mobility che recentemente ha reso disponibili i risultati del secondo anno di analisi svolte sul terriotorio italiano.

    I dati pubblicati dall’Osservatorio, confermano che sono più di 18 milioni gli italiani (28% della popolazione) che possono usufruire di almeno un servizio di mobilità condivisa. Circa i due terzi dei cittadini conosce i servizi di sharing e più della metà (il 54,4% degli intervistati) è disposto ad utilizzarlo in alternativa agli spostamenti con la propria auto privata.

    In particolare, si registra un forte incremento dei veicoli a zero emissioni nei servizi di sharing, sia auto sia scooter, cresciuto di 3,5 volte in 3 anni, passando dai circa 650 mezzi del 2015 ai più di 2.200 del 2017.

    Una novità importante dell’ultimo anno, il 2017, è rappresentato dalla rapida diffusione dello scootersharing elettrico di cui eCooltra è uno dei principali attori di mercato in Italia, guidando la crescita degli scooter elettrici complessivi a disposizione di ben il 68%: si tratta di un servizio considerato ancora di nicchia e, proprio per questa caratteristica, con le maggiori potenzialità di crescita e popolarità.

    Un successo che eCooltra ha già registrato raggiungendo i 300.000 utenti in Europa in soli due anni di presenza. Il servizio è attualmente presente a Barcellona, Madrid, Lisbona, Roma e Milano e conta su una flotta di circa 3.000 scooter elettrici, che sarà ulteriormente ampliata entro la fine dell'anno.

  • Harley-Davidson Livewire: svelati prezzo e caratteristiche

    Harley-Davidson e i suoi 115 anni di storia, un'esperienza che ha saputo trasformarsi regalando alla motocicletta u'idendità sempre al passo con i tempi all'utilità della moto.  Harley-Davidson ha presentato la sua prossima generazione di veicoli a due ruote al Consumer Electronics Show di Las Vegas, svelando per la prima volta tutte le specifiche di prodotto, le caratteristiche di connettività e il prezzo di LiveWire™, la prima motocicletta elettrica di Harley-Davidson. Il modello LiveWire™ e l'esperienza motociclistica più connessa di sempre saranno in vendita e pronte per la consegna ai clienti nel corso del 2019.

    La moto elettrica LiveWire™ rappresenta il futuro di Harley-Davidson, mettendo a disposizione dei motociclisti più evoluti di oggi e di domani, propulsione elettrica ad alte prestazioni, design di ispirazione Harle-Davidson e connettività basata sulla tecnologia cellulare. Primo prodotto di un nuovo portafoglio chiamato ad offrire un'esperienza completamente nuova a chi utilizza le due ruote, la moto elettrica LiveWire™ offre accelerazione entusiasmante, maneggevolezza, materiali e finiture di alta qualità e una dotazione completa di funzioni elettroniche per l’interfaccia col pilota al fine di dare vita a un'esperienza completamente connessa.

    Le prestazioni della moto elettrica LiveWire™ consentiranno una guida esaltante ai motociclisti più esperti, mentre la mancanza della frizione renderà l'esperienza per i nuovi motociclisti più facile e accessibile che mai. Harley-Davidson vuole costruire la prossima generazione di motociclisti in tutto il mondo e affermare l'azienda come leader sul fronte dell'elettrificazione nel trasporto a due ruote.

    Accelerazione bruciante: da 0 a 60 mph in meno di 3,5 secondi.
    Servizio H-D™ Connect: la moto elettrica LiveWire è dotata del sistema H-D™ Connect, che mette in collegamento il motociclista e la propria moto
    Prestazioni e autonomia ottimizzate con la possibilità di percorrere circa 180 km nel ciclo urbano con una singola carica
    Il modello LiveWire è progettato per produrre un nuovo suono distintivo Harley-Davidson

    Harley-Davidson LiveWire™ sarà in vendita nel corso del 2019 a un prezzo di € 34.200.

  • Harley-Davidson sceglie IBM per la Livewire

    La rivoluzione delle motociclette elettriche, come la LiveWire di Harley-Davidson, portano con sé anche un nuovo modo di intendere questo mezzo di viaggio da sempre simbolo di un modo di viaggiare ruvido, passando ad una modalità più connessa e più spostata nel futuro.

    Harley-Davidson ha scelto IBM come partner per tenere aggiornati i possessori della nuova LiveWire, una l'app H-D Connect da scaricare sul proprio smartphone scambierà dati attraverso il cloud di IBM per dare informazioni anche a distanza sullo stato della motocicletta, a partire dalla carica, allo stato di eventuali guasti, alla posizione della moto fino a registrando anche le reazioni della moto durante il viaggio.

    Una nuova modalità non impossibile sulle moto tradizionali, ma che con l'avvento delle nuove moto elettriche sembra ormai aver imboccata una strada di maggior interattività con la propria moto.

  • La nuova linea 2020 di Zero Motorcycles pronta all'avventura

    Zero Motorcycles rinnova sempre di più la spinta verso il futuro delle moto elettriche, riunendo la passione per le due ruote con un'anima sempre pronta per l'avventura lanciando il modello globale Zero DSR Black Forest Edition come parte dell'innovativa gamma di modelli base 2020.

  • MotoE: Energica e lo spirito tenace italiano

    Sono ancora in corso le indagini che devono accertare le reali cause che settimana scorsa ha distrutto il quartier generale della MotoE a Jerez, dove erano stipate le moto e le attrezzature che avrebbero dovuto prendere il via a Maggio per il campionato mondiale MotoE.

    Sono danni ingenti quelli subiti dall'azienda italiana Energica, la casa che costruisce motociclette elettriche sportive e naked che, viste le sue qualità come costruttore innovativa, aveva vinto l'appalto per la fornitura e il supporto alle moto in pista per il nuovo campionato MotoE dedicato alle moto a propulsione elettrica. Tutto era pronto e le moto in fase avanzata di preparazione, 18 i piloti schierati e tanto il materiale stipato sul circuito di Jerez che doveva servire ai test delle varie squadre.

    L'incendio, scoppiato nella notte tra il 13 e il 14 Marzo, sembra divampato da un cortocircuito e poi propagato dalla batteria ad alta densità necessaria per la ricarica delle moto, che però al momento dell'incidente non erano collegate. Ma tutto è ancora in fase di accertamento dalle autorità spagnole. Per ora i test sono sospesi.

    I comunicati di Livia Cevolini, CEO di Energica, e Franco Cevolini, CEO del gruppo CRP, fanno trasparire in maniera netta la tenacia di questa azienda della Motor Valley, in attesa che gli eventi vengano chiariti dalle indagini, Livia Cevolini dichiara che verrà fatto il massimo per permettere il regolare svolgimento del campionato, come Franco Cevolini dichiara che il gruppo CRP darà il massimo supporto a Energica.

    Che sia a benzina o elettrico, è la grande Italia che va in moto. A Energica va tutto il nostro supporto, a cominciare da una bellissima Energica MotoE invece che quella del rogo.

  • MotoE: Sete Gibernau prova a riaccendere i sensori

    Il ritorno di Sete Gibernau alle competizioni desta molte domande e qualche sorriso, a 47 anni il pilota spagnolo ormai ritirato da tempo, ha deciso di prendere parte al campionato MotoE, quello dedicato alle moto Elettriche costruite dall'azienda italiana Energica.

    E' lo stesso pilota spagnolo a dire che è un'esperienza difficile, che molti "sensori" si sono spenti dopo il ritiro, e che quindi la confidenza con le gare ad alto livello dovrà tornare. In lui pone la sua fiducia Sito Pons, che lo ha convinto a tornare in pista, complice le prestazioni più limitate delle MotoE rispetto alle faticose ed estreme MotoGP di oggi, ma specialmente di ieri, e complice una durata di gara molto più limitato e di sole sei gare.

    Insomma un impegno che dovrebbe permettere a Sete di gareggiare e vedere se ha ancora abbastanza manico per dare del filo da torcere a qualche giovane, per ora si è dovuto accontentare della 15^ posizione nella gara simulata durante i test in Spagna.

  • MotoGP: la MotoE riparte con tre giorni di test

    Riprendono i preparativi per il campionato mondiale MotoE, il campionato dedicato alle moto elettriche costruite dall'azienda italiana Energica. Dopo la battuta d'arresto dovuta all'incendio che ha devastato l'intero parco moto che doveva prendere il via per il campionato mondiale, si attendeva il via definitivo da Energica e Dorna per le date che avrebbero sostituita quelle del primo calendario. Il rogo ha bruciato le moto, che il costruttore italiano ha dovuto costrure da zero e preparare insieme al resto dell'attrezzatura andata distrutta.

    La prima gara sarà quella del Sachsenring a Luglio, ma i primi test ufficiali di avvicinamento alla partenza del campionato, sarà la tre giorni di Valencia dal 17 Giugno. I test saranno importanti sotto molti punti di vista, a partire dai piloti che potranno riprendere confidenza con le moto elettriche, ma anche per il costruttore e l'organizzatore, che dovranno mettere a punto alcune procedure diverse per le MotoE.

    Sarà data la possibilità ai team di simulare una partenza dalla griglia, una qualifica e una gara, dove a quanto pare Energica metterà in palio una Energica Eva per il vincitore.

    Per recuperare le gare di calendario perse verrà disputata una gara al Sachesenting, una in Austria, due a Misanoe e due a Valencia.

    Non resta che attendere il via di questo nuovo capitolo delle competizioni mondiali.

  • Nuovo factory service in Europa per Zero Motorcycles

    Il nuovo Factory Service Center di Zero Motorcycles ha aperto i battenti presso la sede EMEA della società, nei Paesi Bassi. Il Centro offrirà un maggiore supporto ai clienti attraverso la rete di rivenditori in espansione.

  • Zero Motorcycles equipaggia la Polizia di Pistoia

    Le Zero DSR entrano a far parte della flotta della Polizia Municipale di Pistoia. Agili da guidare, potenti e non inquinanti, rappresentano il mezzo perfetto per il pattugliamento del territorio in città e fuori.