fbpx
Moto Guzzi elettrica
Categoria: trafiletti

Probabilmente nel parcheggiarla lì, la mia detestabile imbratta etere avrà pensato “mi hai appena cambiato batteria, che ci facciamo qui?”


Il problema sta nell’incompatibilità della nostra passione con la modernità, dopotutto i primi veicoli  a due ruote motorizzati, che nel vocabolario anglofono hanno acquisito i cosiddetti rider, avranno incontrato la stessa difficoltà mentale nel sostituire il cavallo con qualcosa che andava a cavalli vapore, che poi questo tipo di equino non credo si sia mai visto.

In sfregio al green e alla milanesotta radical battelapesca che impone alle euro-troppo-poco di non entrare più nella chicchissima cerchia della milano che beve (… e hanno bevuto tanto), mi sembrava un atto dovuto parcheggiarla lì, a ostentare le sue grosse te...ste alettate capaci di ingurgitare litri di combustibili fossili, vicino a un dispenser di corrente, ma soprattutto come capita con le cose un po’ sconce, capace di fermare lo sguardo di alcuni passanti che apprezzano più l’arte meccanica che la lista delirante di divieti redatti da chi ha preferito proteggere gli interessi economici dei salotti buoni.

Storicamente poi noi motociclisti siamo sempre preda di incompresioni e dibattiti, come quello che nei primi anni 2000 ha visto ducatisti integralisti contro giapponesisti interessati solo a mangiar bene a metà del viaggio, poco integrali. Il mitico e intoccabile bicilindrico a L prima si è un po' inclinato, diventando a V con buona pace delle copie sbagliate giapponesi, poi si è moltiplicato e allargato, ma non per questo igli appassionati di Borgo Panigale hanno smesso di andare in moto. Ma anche quelli che "piscio sui pomponi e sui cilindri dispari" sono stati avvistati qua e là a viaggiare su bicilindrici di qualche genere, qualche mucca rapida magari, non appena il passare degli anni ha mutato le esigenze o il gusto.

E’ pura incomprensione, anzi è un dibattimento interiore, qualcuno denuncia che le moto rimarranno benzinofole tutta la vita, ma è il nuovo avanza e pian piano i chiassosi pistoni verranno sostituiti da qualcos’altro, o forse alimentati da qualcos’altro. Saranno le moto Pegperego, cioè quelle a batteria, o altre non lo si può sapere con certezza, la tecnologia è in movimento e questo tipo di elettrico potrebbe essere solo una parentesi, Ma la passione è passione come il fuoco è fuoco, e chi ce l’ha dentro in moto ci andrà sempre, dovessero andare anche a peti.

 

 
Back To Top