fbpx
Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Sabato, Sab Nov 2020
  • Andrea Dovizioso e Chaz Davies: illustri defenestrati

    Qualcuno si è già arrabbiato nel sentire additata quella Ducati come una strana e bizzarra gestione, quindi ci limiteremo a dire che per coincidenza due dei migliori piloti dei massimi campionati di velocità proveneniente da Ducati, Chaz Davies e Andrea Dovizioso, sono a piedi.

  • EICMA Press Premiere 2017

    Eicma fa rima con anticipazioni sempre... ma da qualche anno i big... anticipano le anticipazioni. Cosi prima che la fiera apra i battenti come da tradizione (o competizione?) Ducati prima di tutti organizza una serata che mi piace definire "di gala", o una premiere come la definiscono i ragazzi di Bologna.

  • Gara2 Superbike Imola annullata: tutti concordi, ma Davies...

    Tutti concordi i piloti della Superbike, nel definire le condizioni atmosferiche di Imola, alla vigiglia di Gara2, troppo pericolose per provare ad affrontare un round in condizioni accettabili di sicurezza, ma qualcuno più di altri è rimasto deluso per quanto poteva ottenere.

    I piloti consultati dalla direzione gara sono stati i tre a podio nelle prime due gare, Jonathan Rea, Chaz Davies e Alvaro Bautista. Sotto accusa l'accoppiata tra le condizioni meteo davvero difficile, e la particolarità del circuito di imola, formato da molti scollinamenti e falsipiani che favoriscono l'accumularsi dell'acqua in alcuni punti.

    Anche Chaz Davie e Jonathan Rea, probabili vincitore di Gara2, pur dispiaciuti per la ghiotta occasione persa prima di tornare su circuiti più conosciuti da Alvaro Bautista, non hanno potuto far altro che arrendersi a madre natura.

    Il più rammaricato resta Chaz Davies, che non ha fatto mistero di questo affiatamento ormai vicino con la Paniga V4, un affiatamento che lo aveva portato sul secondo gradino del podio nella Superpole Race, e che quindi lo rendeva fiducioso per una vittoria che dovrà rimandare ad un prossimo round.

  • Melandri infuriato: ne ho sentito parlare dai media

    Dichiarazioni al vetriolo di Marco Melandri sulla sua esclusione dal team Ducati Aruba, dai test in Portogallo fasapere che "“Sapete qual è il colmo? Finora nessuno mi ha detto che sono fuori". Un caso quanto meno imbarazzante per il team Aruba e per la casa di Borgo Panigale, perchè il buon Macho Melandri non ha risparmiato di raccontare i retroscena di quanto accaduto.

    Se un sospetto c'era sui problemi di ingaggio, Melandri ricorda che il suo è uno degli ingaggi più bassi del paddock, 150.000€ per due stagioni contro più di un milione pagato a Chaz Davies. Senza contare che, dice Marco, con lui non è stata impostata nemmeno una trattativa. C'è poi il giallo del proprietario di Aruba.it Stefano Cecconi, caro amico fino a questo episodio dove Marco dice "Stefano mi aveva assicurato che lui era il capo del team, e che sarebbe stato lui ad avallare la scelta dei piloti", ma a scelta avvenuta Cecconi gli ha risposto che sulla scelta dei piloti non poteva fare nulla.

    Quest'ultima esternazione lascia aperti molti interrogativi sulle pressioni che possono essere arrivate da Borgo Panigale, e perchè tanto impegno per trovare un posto in Superbike su una moto di spicco per un pilota spagnolo che non si sta nemmeno dimostrando molto competitivo.

    Ora per Melandri comincia l'impegno per trovare una nuova sella, un pilota della sua caratura e a quel prezzodovrebbe far gola a team che non hanno piloti competitivi. Si parla di costi troppo alti in una Superbike, ma a quanto pare si vuole un campionato mondiale che costi come uno nazionale, e si lasciano a piedi i Sykes e i Melandri.

  • MotoGP Aprilia: sella rovente, nessuno la vuole

    Non si vorrebbe parlare di Aprilia in questi termini, ma il problema c'è, o meglio... il pilota non c'è.

  • MotoGP Aragon e Superbike Estoril: Suzuki da mondiale, Davies desmo nel cuore

    Il doppio appuntamento della MotoGP ad Aragon e della Superbike all’Estoril regalano tante emozioni e tante sorprese, Jonathan Rea sesto titolo di fila, una Suzuki torna in testa al motomondiale.

  • MotoGP Austin e Superbike Assen all'insegna del verde, Marquez e Kawasaki

    Week end di gare cariche di aspettative con la MotoGP a Austin e la Superbike ad Assen. Mantiene le promesse Assen e la Superbike, che specialmente in Gara1 mette in scena un bello spettacolo, mentre la MotoGP viene messa a ferro e fuoco dal Marquez furioso.

  • MotoGP Misano delusione Bagnaia, Superbike Catalunya finalemente Chaz!

    Un week end doppio sue due bellissime piste, tra MotoGP che regala un altro vincitore a Misano e la Superbike che ritrova un campione amato. Scommettere alla roulette si rischia meno.

  • Nolangroup Shop Tour: incontra Chaz Davies a Torino

    Una data davvero speciale quella del Nolangroup Shop Tour del 30 Marzo a Torino, presso il 4.7 Biker Store, dove gli appassionati potranno incontrare Chaz Davies, pilota molto amato e paladino degli ultimi anni della Ducati Superbike.

    Il Nolangroup Shop Tour sta attraversando l’Italia da nord a sud, un percorso che continuerà fino all’8 giugno per dare modo a tutti i motociclisti di incontrare i tecnici Nolangroup presso i migliori rivenditori.  Ora, a renderlo ancora più ricco, arriva l’annuncio di due ospiti speciali! Il prossimo 30 Marzo Chaz Davies sarà presente dalle 11.00 alle 13.30 da 4.7 Biker Store a Torino, mentre Danilo Petrucci parteciperà alla chiusura dell’intero tour, domenica 9 Giugno da Valeri Sport a Cornuda (TV).

    Ad ogni tappa, lo staff tecnico Nolangroup è a disposizione dei clienti per presentare la nuova gamma 2019 e consigliare il modello Nolan o X-lite più adatto alle singole esigenze. Inoltre, tutti possono testare su strada i nuovi modelli N70-2 X, il primo crossover on-off (da strada e fuoristrada) sul mercato dotato di mentoniera amovibile, e X-903, l’integrale touring top di gamma d’ispirazione sportiva caratterizzato dall’esclusivo sistema di assemblaggio magnetico della visiera (MVA Magnetic Visor Assembly).
     
    Per i #Nolanriders è inoltre un’occasione per ricevere un check completo e gratuito del proprio casco, mentre chi acquista un casco Nolangroup o un sistema di comunicazione N-Com riceverà uno speciale omaggio.

    Per conoscere il calendario completo del Nolangroup Shop Tour è possibile consultare la sezione News all’indirizzo https://www.nolan.it/it/news/ecco-le-date-del-nolan-shop-tour-2019/1177 oppure seguire la pagina Facebook: www.facebook.com/nolangroup

  • Superbike Aragon: bagarre in pista, ma tutto inutile, è assolo Ducati

    Un dominio annunciato quello della Ducati di Alvaro Bautista sulla pista di Aragon, il binomio mette il sigillo su altre tre vittorie mentre i piloti restanti fanno gara a sé, insieme alla regia della gara che a poco da inquadrare nella testa della gara. Ma qualcosa sta cambiando, anche le altre Ducati sono pronte a monopolizzare le gare.

  • Superbike Aragon: le Ducati dominano, ma quel Johnny Rea...

    Uno pari palla al centro, il week end della Superbike ad Aragon è stato monopilizzato da Jonathan Rea e da Chaz Davies, che nelle due gare si sono scambiati posizione portando a casa un bel bottino. Gare combattute ma musi lunghi al paddock, qualcosa non gira.

  • Superbike Aragon: Rea-Redding 2 a 1, che testa a testa!

    La Superbike ha trovato in questa stagione anomala una dimensione più combattuta, l’inglese dalla British Superbike sta rendendo più duro questo titolo a Jonathan Rea, mentre dalle retrovie torna Chaz Davies, il gallese ringalluzzito. Ma occhio all’ombra della Honda HRC che incombe sulla Superbike.

  • Superbike Argentina in TV: titolo assegnato? Tutti liberi di fare bagarre!

    Superbike che attraverso l'oceano per atterrare in Argentina, sul circuito di Villicum, con il titolo mondiale già assegnato e qualche sella già cambiata, resta in ballo il titolo costruttori, che Ducati non ha ancora abbandonato.

  • Superbike Brno: Johnny Rea schianta King Carl Fogarty

    Jonathan Rea festeggia il record di vittorie in Superbike imponendo il suo ritmo a Gara1, ma in Gara2 cade e lascia pista libera alle Yamaha, che con Lowes dimostrano ancora una volta di essere in crescita. Una domenica sfumata per Melandri, che però vede il sereno dopo la tempesta.

  • Superbike Ducati: fuori Melandri, dentro Bautista

    Annunciato ufficialmente il cambio di line up per il team ufficiale Aruva Ducati, che dalla stagione 2019 schiererà accanto al riconfermato Chaz Davies lo spagnolo Alvaro Bautista, che abbandona dopo 16 anni il motomondiale per trasferirsi nelle derivate di serie. Un salto importante quello dello spagnolo, ma un'acquisizione importante per Ducati che sarà impegnata a sviluppare in pista il nuovo 4 cilindri a V, dal quale la casa di Borgo Panigale si aspetta il ritorno al titolo mondiale.

    Ducati da sempre investe in quello che è la sua moto simbolo, la superbike che incarna lo spirito della motocicletta sportiva, quindi il ritorno al titolo mondiale resta un punto focale della sua strategia, specialmente ora che ha deciso il passaggio al quattro cilindri.

    Pesa ora l'incertezza sul destino di Marco Melandri, che negli ultimi due anni ha faticato a far sua la Panigale, con effetti in pista anche vistori, nonostante tutti pensassero che questo fosse l'anno giusto. Sulla separazione quindi potrebbero aver pesato i risultati, forse questioni monetarie, o forse alcune pressioni (si mormora) per dare una sella ad un pilota "gradito".

    La crisi della Superbike forse parte anche da qui, da episodi come questi, con piloti di valore che hanno dovuto lasciare la Superbike per serie minori, mentre altri piloti di basso valoro continuano ad avere selle anche importanti.

  • Superbike Imola in TV: il popolo Ducati attende l'assolo

    Week end di gare per il campionato mondiale Superbike, le derivate di serie arrivano sul tracciato italiano di Imola, dove i piloti saranno impegnati ad arginare lo strapotere della Ducati Panigale V4R di Alvaro Bautista. Con le Yamaha diventate più competitive e alcune moto che possono aspirare ad entrare nel gruppo dei contendenti, è per gli altri gradini del podio che si giocheranno curve. staccate e accelerazioni.

    Sul circuito di casa, sarà Chaz Davies l'osservato speciale, atteso a chiudere il periodo di adattamento sulla 4 cilindri di Borgo Panigale. Restano le incongnite di alcune moto, come la BMW S1000RR e la Honda CBR1000RR a cui i regolamenti hanno fatto alcune concessioni.

    Le gare saranno trasmesse su TV8, Sky MotoGP e Eurosport

    Programmazione TV su Sky e TV8

    Programmazione Eurosport

  • Superbike Imola: Chaz Davies domina e festeggia la Ducati

    Doppietta imperiosa di Chaz Davies e della Ducati Panigale numero 7, che per festeggiare i 90 anni della casa bolognese regala una prestazione meravigliosa e una festa colorata di rossa sul circuito di casa. Inseguono senza poter arginare lo strapotere desmodromico Jonathan Rea e Tom Sykes, ma in questo week end il verde non era il colore vincente. Argina Rea che tiene ben salda la testa del campionato.

  • Superbike Imola: prima Superpole stagionale per Chaz Davies

    Superpole del round della Superbike a Imola che ha visto imporsi Chaz Davies sulla Ducati Panigale V4. Il gallese torna a calcare le posizioni che contano dopo un lungo periodo di adattamento alla nuova quattro cilindri. I primi segni di ripresi si erano già visti ad Assen, è ancora presto per sapere come andranno le tre gare, ma è sicuramente sulla via della ripresa.

    Alle sue spalle di piazza Jonathan Rea a poco più di un decimo, mentre il dominatore della stagione, Alvaro Bautista, chiude la prima fila dello schieramento a quasi un secondo dal compagno, segno che lo spagnolo deve ancora prendere confidenza con il tracciato italiano. Segue poi Haslam, che chiude il quartetto delle due case di testa, e poi le accoppiate di Yamaha e BMW.

    Solo dodicesimo Marco Melandri, sul circuito di casa, arrancano ancora fine schieramento le Honda nonostante l'aiuto regolamentare.

    Brutto infortunio durante le prove libere di Eugene Laverty, che quindi non sarà al via del Gran Premio di Imola.

    1 7 C. DAVIES GBR ARUBA.IT Racing - Ducati Ducati Panigale V4 R 1'45.180
    2 1 J. REA GBR Kawasaki Racing Team WorldSBK Kawasaki ZX-10RR 1'45.307
    3 19 A. BAUTISTA ESP ARUBA.IT Racing - Ducati Ducati Panigale V4 R 1'46.081
    4 91 L. HASLAM GBR Kawasaki Racing Team WorldSBK Kawasaki ZX-10RR 1'46.288
    5 22 A. LOWES GBR Pata Yamaha WorldSBK Team Yamaha YZF R1 1'46.306
    6 66 T. SYKES GBR BMW Motorrad WorldSBK Team BMW S1000 RR 1'46.358
    7 28 M. REITERBERGER GER BMW Motorrad WorldSBK Team BMW S1000 RR 1'46.599
    8 60 M. VAN DER MARK NED Pata Yamaha WorldSBK Team Yamaha YZF R1 1'46.794
    9 81 J. TORRES ESP Team Pedercini Racing Kawasaki ZX-10RR IND 1'46.844
    10 11 S. CORTESE GER GRT Yamaha WorldSBK Yamaha YZF R1 IND 1'47.073
    11 54 T. RAZGATLIOGLU TUR Turkish Puccetti Racing Kawasaki ZX-10RR IND 1'47.169
    12 33 M. MELANDRI ITA GRT Yamaha WorldSBK Yamaha YZF R1 IND 1'47.222
    13 87 L. ZANETTI ITA Motocorsa Racing Ducati Panigale V4 R IND 1'47.418
    14 80 H. BARBERA ESP Orelac Racing VerdNatura Kawasaki ZX-10RR IND 1'48.254
    15 23 R. KIYONARI JPN Moriwaki Althea Honda Team Honda CBR1000RR 1'48.290
    16 46 T. BRIDEWELL GBR Team Goeleven Ducati Panigale V4 R IND 1'48.743
    17 21 M. RINALDI ITA BARNI Racing Team Ducati Panigale V4 R IND 1'48.783
    18 52 A. DELBIANCO ITA Althea Mie Racing Team Honda CBR1000RR IND 1'49.084
    19 2 L. CAMIER GBR Moriwaki Althea Honda Team Honda CBR1000RR 2 272,2

  • Superbike Imola: torna Rea, fatica Buatista, e poi la pioggia...

    La Superbike nel round di Imola prende una pausa dal dominio di Alvaro Bautista e della Ducati, Jonathan Rea torna alla vittoria ma la fortuna non è dalla sua parte, Gara2 viene annullata dalla pioggia e beffa lui e il redivivo Chaz Davies.

  • Superbike in vacanza, ma il mercato si muove

    Superbike che prova a muoversi mentre si dibatte dalla crisi d'identità in cui è precipitata, con l'organizzatore impegnato a trovare le risposte in un sondaggio tra gli appassionati, il mercato delle moto e dei piloti diventa vorticoso. Non mancano i cambiamenti eccellenti, alcuni sorprendenti, come l'arrivo di Alvaro Bautista in Ducati che per ora non conferma ne Chaz Davies ne Marco Melandri, il cambio di casacca non ancora definito per una pedina di grande spessore come Tom Sykes in attesa di capire se Yamaha gli affiderà una R1M, ma soprattutto i punti interrogativi su due case italiane che non è chiaro se saranno in griglia nel 2019, si parla di Aprilia e MV Agusta.

    Mentre la casa di Noale ormai impegnata in MotoGP potrebbe essere scaricata dal team Milwaukee per la BMW, MV Agusta potrebbe decidere il disimpegno dalla Superbike per dedicarsi al debutto in Moto2, lasciando la Superbike orfana di ben due case. Ci potrebbe essere il debutto di Suzuki, ma per ora non è chiaro.

    In arrivo altri team privati, sia per Yamaha che per Ducati, si va così componendo un puzzle gradito a Dorna, con molti team privati e poche presenze ufficiali, ma senza per ora il consenso del pubblico, che sta abbandonando la Superbike un po' per lo spettacolo impoverito da un progressivo impoverimento di identità con regolamenti complicati e formule strambe, un po' per il progressivo declassamento della serie a campionato minore. E come abbiamo sempre detto, il pubblico vuole la serie A o Champions.