Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Giovedì, Gio Giu 2020
  • 71° Mostra Scambio di Novegro

    Immancabile l’appuntamento autunnale con la Mostra scambio del Parco Esposizioni di Novegro, una tradizione che ormai ci vede coinvolti da anni a cercare tra i banchetti quel pezzo particolare che ci manca per finire un restauro, piuttosto che la moto tanto sognata, oppure banalmente semplicemente lustrarsi gli occhi perdendoli poi su sogni impossibili a due ruote.  

  • Campagna di reclutamento volontari motociclisti

    Questo periodo difficile dove dovremo fare i conti con questo lockdown e con i prossimi mesi che saranno particolarmente difficili per il nostro paese, ci dobbiamo mettere tutti nell'ottica di dare il massimo della solidarietà e nel fare le scelte corrette nei prossimi mesi per avvantaggiare l'economia dell'Italia.

  • Caso Ducati MotoGP: interviene la Corte d'Appello FMI

    La contestazione aperta da 4 case costruttrici contro il team Ducati finirà davanti alla Corte D'Appello della FIM, così è stato deciso dalla corte d'appello nel dopo gara del Qatar, dichiarando di non avere abbastanza elementi per pronunciarsi sulla vicenda che ha visto trionfare Ducati nel GP di Losail, utilizzando alcune appendici che Honda, Suzuki, Aprilia e KTM non erano regolamentari.

    L'appendice in questione è quella posizionata nella parte inferiore della moto, davanti alla ruota posteriore, montata da Ducati per migliorare il raffreddamento della gomma posteriore. Il regolamento, secondo Ducati, è stato rispettato seguendo anche quanto scritto su un'ultima circolare rilasciata proprio dalla Dorna, relativamente all'utilizzo delle appendici aerodinamiche. Sembra che però le altre case non la pensio allo stesso modo, e quindi prosegue la loro azione, che come detto ' in appello, in quando la commissione nel dopo gara se era già pronunciata a favore di Ducati.

    A capo dell'operazione c'è come sempre Gigi Dall'Igna, sempre in prima linea in queste operazioni, la nuova Superbike è nata all'insegna dello stessa strategia, come detto dallo stesso Dall'Igna, regolamento alla mano. Giusto o sbagliato lo decideranno le varie commissioni.

    Era inevitabile che una volta avventuratasi nel mondo delle appendici aerodinamiche, anche la MotoGP iniziasse il percorso complicato che è toccato alla Formula1 molti anni fa, dove ingegneri e tecnici passano il tempo a trovare una interpretazione ai regolamenti e alle limitazioni. Forse davvero sarebbe il caso di proibirle del tutto, onde evitare più competizione al tavolo di lavoro che in pista?

    Per ora resta una vittoria sospesa,

  • Da Moto Guzzi il nuovo campionato FMI Fast Endurance

    Moto Guzzi torna a correre facendo rivivere un patrimonio di sportività e mettendo in pista la passione per le gare intese come momento di divertimento, passione e amicizia. Valori autentici che la Casa di Mandello porta in gara nel Moto Guzzi Fast Endurance 2019.
    Un trofeo completamente nuovo, organizzato dalla FMI - Federazione Motociclistica Italiana e Moto Guzzi le cui iscrizioni si aprono l’1 febbraio e che scatterà sul circuito di Varano il prossimo 14 aprile. Un vero campionato dedicato a coppie di amici che vogliono cimentarsi tra i cordoli assaporando l’atmosfera leggendaria delle corse più classiche, ma con uno spirito giovane e di puro divertimento.
    Il Trofeo vedrà al via equipaggi composti da due piloti in sella a Moto Guzzi V7 III Stone, allestite con un kit, ovviamente uguale per tutti, così da garantire il massimo equilibrio e divertimento, in piena sicurezza. Fratellanza e spirito di squadra sono in tal modo premiati rispetto all’individualità, recuperando così il clima di aggregazione tipico delle corse di una volta.
    Saranno cinque gli appuntamenti in pista: si parte da Varano il 14 aprile per poi proseguire sulle piste di Vallelunga (19 maggio), Magione (23 giugno), Adria (1 settembre) e arrivare al gran finale a Misano il 13 ottobre.

    Dall’1 febbraio e fino al 31 marzo 2019 è possibile iscriversi all’intero campionato al costo agevolato di 1250 Euro a team (equivalenti perciò a 125 Euro a pilota per ogni gara). In alternativa, è possibile iscriversi alle singole gare al costo di 350 Euro a team.
    Per partecipare al Trofeo è necessario essere tesserati FMI ed essere in possesso della licenza agonistica di tipo Velocità (o Fuoristrada con Estensione Velocità); l’iscrizione può essere effettuata comodamente online, accedendo al portale MyFMI sul sito www.federmoto.it e compilando l’apposito modulo. Al momento stesso dell’iscrizione l’equipaggio può anche scegliere il nome da attribuire al proprio Team e il numero di gara.

    Per qualsiasi tipo di informazione relativamente a tesseramento, richiesta della licenza e iscrizione al Trofeo è possibile contattare l’indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..


    KIT DI PREPARAZIONE

    La trasformazione si realizza con il Kit Racing sviluppato da Guareschi Moto, apprezzato preparatore Moto Guzzi anche in ambito sportivo. Per scendere in pista la moto deve essere allestita obbligatoriamente con questo kit che - oltre a dispositivi di sicurezza tra cui ad esempio sottocoppa e protezione della leva del freno anteriore - comprende un pacchetto di modifiche funzionali ed estetiche. Tra queste cupolino, semimanubri, impianto di scarico completo, pedane rialzate, fianchetti laterali, sella monoposto e parafango posteriore, tabelle portanumero, kit cartucce sospensioni anteriori e ammortizzatori posteriori. Completano l’equipaggiamento una specifica mappatura della centralina motore e pastiglie freno anteriori dedicate.

    Il costo del kit, acquistabile rivolgendosi alla rete vendita Moto Guzzi o direttamente presso la concessionaria Guareschi Moto, è pari a 3.330 Euro (più IVA). L’installazione del kit può essere eseguita in autonomia oppure gestita dalla rete vendita Moto Guzzi.


    FORMATO DELLE GARE

    Ogni fine settimana di gara prevede al sabato due turni di prove cronometrate, entrambi della durata di 20 minuti per ciascun pilota. La media dei migliori rilievi cronometrici ottenuti dai due piloti dell’equipaggio determinerà la posizione di partenza di ciascun team nello schieramento della gara della domenica. Un evidente richiamo alle leggendarie corse endurance di un tempo risiede proprio nella partenza della gara, che avverrà in stile “Le Mans”, ovvero con le moto allineate su un lato della pista e i piloti che allo start attraversano di corsa il nastro d’asfalto per salire in sella e partire.
    In corsa, ciascun pilota non potrà guidare per più di 15 minuti + 2 giri consecutivi: ciò significa che la gara - della durata di 60 minuti - sarà movimentata da almeno tre cambi pilota, che avvengono nella corsia box. Al termine della gara verranno assegnati punteggi ai primi 15 team classificati

    Maggiori informazioni su www.motoguzzi.com e su www.federmoto.it

     

  • Disponibile la polizza assicurativa FMI per moto moderne

    Dopo il grande successo della polizza assicurativa per moto d'epoca, la collaborazione tra FMI, Marsh e UnipolSai dà vita ad una nuova Convenzione per i motoveicoli, gli autoveicoli e le abitazioni di proprietà dei Tesserati FMI e dei loro familiari conviventi.

  • I Motociclisti e la FMI in aiuto per l’emergenza Covid19

    I motociclisti, una delle categorie più deboli sulla strada, un grande popolo poco considerato anche dallo Stato che si dimostra spesso poco attento ai pregi delle due ruote nella mobilità urbana e pronto di contro a vessazioni ingiustificate.

  • ITMA 2019 - International Three-Days MaxiEnduro Adventure

    Che il fuoristrada, l’enduro più propriamente, stia tornando in auge e che sempre più motociclisti vengano coinvolti in questa disciplina dove moto e natura entrano strettamente a contatto alla faccia di chi li vuole, invece, opposti.

  • MotoGP: Cal Crutchlow tuona contro Loris Capirossi

    Le ire e le furie di Cal Crutchlow, il pilota in forza al team LCR di Luca Cecchinello, si abbattono su tutta la MotoGP e soprattutto sulla Race Direction di cui è responsabile Loris Capirossi. Cal il matto, così viene soprannominato il pilota inglese per il suo sguardo da matto e per le sue guasconate che rallegrano un po' un ambiente forse troppo ingessato, tuona contro le decisioni prese dalla commissione, che anche nell'ultimo GP sono state molto discutibili, lasciando correre le prove libere della Moto2 con la pista sporca di olio o penalizzando Franco Morbidelli.

    Cal non esita a definire i piloti timidi al limite dell'omertoso, un'accusa molto pesante, ma che è giustificata da un sistema in cui molti piloti hanno paura di perdere il contratto in caso di dichiarazioni "problematiche", in un sistema sul quale si stende sempre la pesante mano del gestore, in grado di veicolare la destinazione delle selle, e nel quale la FMI, che dovrebbe garantire una completa neutralità del sistema, è ormai solo una sigla su una targa, niente di più.

    Insomma il pilota in forza alla Honda non si fa problemi a esternare le sue idee, forse qualcosa si potrebbe tremare, speriamo non sia la sua sella.

  • Superbike: Dorna ci riprova, arriva la terza Gara

    Dorna ci riprova, altro tentativo. Sbagliare è umano per Dorna è impossibile, così si potrebbe titolare la notizia con il promoter con titoloni sensazionali prova a mescolare ancora i regolamenti e ad aggiustare il tiro verso gli appassionati, che della Superbike marchiata Dorna, si disinnomarano ad ogni gara sempre di più.

    La Superbike introduce la terza gara, che si disputerà la Domenica alle 11, tra le due attuali gare, e sarà una short sprint race. Un notevole cambiamento per i team che dovranno preparare un'altra gara, ma come da considerazione iniziale un sistema per recuperare alcuni capisaldi per gli appassionati della Superbike.

    La short sprint race non fa che recuperare l'adrenalina che regalava la vecchia Superpole, quella con i tre turni, tutti tirati e molto catalizzanti. La qualifica odierna, che porta ancora lo stesso nome, è solo il fantasma di quella passata, tanto che non viene quasi mai citata nelle programmazioni o nelle schedulazioni. Il secondo riempitivo riguarda invece la vecchia schedulazione che prevedeva Gara1 la Domenica mattina, altra mancanza per gli appassionati, specialmente guando le gare non sono in casa e vanno viste in TV (se le vedremo ancora). E' noto che la schedulazione del Sabato piace a qualche circuito, ma nulla di più.

    Insomma un altro tentativo del promoter di aggiustare le cose, senza però tornare sui suoi passi e dichiarare un errore. Da capire come saranno organizzati i complicati shake delle griglie di partenza.