Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Mercoledì, Mer Ago 2020
  • MotoGP Andalusia: ancora Quartararo in pole, Marquez abbandona

    Qualifiche del MotoGP di Andalusia che regala la seconda pole stagionale al velocissimo Fabio Quartararo, il pilota francese ha regolato ancora una volta tutti i piloti in pista.

  • MotoGP Andalusia: domina Quartararo, ma che Valentino Rossi!!!

    Buona anche la seconda per Fabio Quartararo, partito in testa domina il GP di Andalusia senza mai lasciare a nessuno la possibilità di dare un’occhiata anche da lontano alla prima piazza del podio, le Yamaha dominano una gara orfana di Marquez, ma i motori preoccupano.

  • MotoGP Aragon in TV: a casa di Marquez tutti contro Marquez

    Dopo una sola settimana il campionato MotoGP torna in pista con i suoi paladini, reduci dall'infuocato week end di Misano il circus si trasferisce in casa degli spagnoli, e attende ancora fuoco e fiamme dopo i duelli a cui ha dato vita Marc Marquez prima con Valentino Rossi durante le qualifiche, e poi con Fabio Quartararo in pista.

    Non accolto benissimo dal pubblico italiano, questa volta Marc gioca in casa, ad Aragon la MotoGP parla spagnolo e il vento è a favore. A insidiare la sua supremazia sono chiamati ancora i piloti che nella stagione hanno dimostrato di avere velocità e guizzo per batterlo, a partire da Alex Rins, Maverick Vinales e Andrea Dovizioso. Proprio quest'ultimo, deludente a Misano, è atteso al riscatto insieme alla Ducati, che dopo l'Austria sembra aver perso nuovamente smalto.

    Da tener d'occhio Fabio Quartararo ovviamente, che sulla pista di Misano dove la Yamaha MotoGP era a suo agio ha scoperto le carte del suo talento, ora siamo tutti pronti per una riconferma.

    Chi manca? Beh, siamo sempre pronti a rivedere una grande prestazione di Valentino Rossi.

    Programmazione TV su Sky e TV8

  • MotoGP come un fulmine: Quartararo al posto di Rossi nel 2021

    Sembra un fulmine a ciel sereno, una bomba buttata nel momento più tranquillo dell'anno per la MotoGP, ma i segnali c'erano già tutti.

  • MotoGP crisi Yamaha: la via del samurai è sbagliata?

    Alla vigilia del Gran Premio di Silverstone Yamaha fa i conti con il rincorrersi di voci e dichiarazioni in relazione alla crisi che ha colpito la casa di Iwata. Il digiuno di successi che l'ha colpita ha dato il via alla ricerca di colpe e colpevoli, coinvolgendo a tratti anche il nove volte campione del mondo Valentino Rossi, con continue allusioni sul suo possibile ritiro, che se non lontano, sicuramente non ha ancora una data.

  • MotoGP Giappone: è Marc Marquez piglia tutto

    MotoGP in Giappone che segna un’altra tappa importante per Marc Marquez, una delle ultime roccaforti che gli resistevano è caduta, novantesima pole, vittoria e titolo costruttori per la Honda, non un buon week end, un vero e proprio trionfo.

  • MotoGP Jerez: Quartararo buona la prima, Marquez che botta!

    Protagonista nel bene e nel male di questa MotoGP, Marc Marquez vittima di un incidente spettacolare, spalanca la porta alla prima vittoria di Fabio Quartararo, e ora si apre il toto rientro.

  • MotoGP Jerez: Quartararo, pole del ragazzaccio molesto

    Una prima qualifica della MotoGP per il 2020 tutta da gustare, una confusione di posizioni, che regala certezze, spunti, delusioni per questo tardo inizio di stagione.

  • MotoGP Misano: vince Marc Marquez, ma Quartararo emoziona

    Duro, coriaceo, insaziabile, scaltro, Marc Marquez vince di forza questo MotoGP di Misano, battendo all’ultimo giro la resistenza di un Fabio Quartararo che si dimostra sempre più il futuro di questa MotoGP, paladino della Yamaha e di tutti quelli che vorrebbero l’interruzione di un dominio che sembra sempre più lontano dal tramontare. Week end appannato per le Ducati, Valentino Rossi ad un passo dal podio.

  • MotoGP Motegi: Marquez regala il titolo cosruttori a Honda

    MotoGP in Giappone a favore di Marc Marquez, che doina la gara di casa Honda tenendo a distanza il giovane Quartararo. Lo spagnolo perde la prima posizione solo un per un paio di curve, poi controlla la corsa e regala anche il titolo costruttori alla casa giapponese.

  • MotoGP Sepang: pole per Quartararo, volano le Yamaha

    Qualifiche MotoGP in Malesia che vedono ancora una volta primeggiare lo squadrone Yamaha, nel finale corpo a corpo tra Maverick Vinales e Fabio Quartararo, ed è il giovane pilota francese ad avere la meglio con un giro perfetto.

  • MotoGP test Brno: volano le Yamaha, Quartararo il migliore

    Giornata di test per la MotoGP terminata a Brno, i piloti della MotoGP sono scesi nuovamente in pista per trovare una migliore messa a punto o per testare nuove parti, come accaduto per Yamaha, con importanti novità in vista della M1 in versione 2020, o per Honda con Marc Marquez impegnato a testare fino a tre telai differenti.

    I tempi parlano ancora di un velocissimo Fabio Quartararo, il rookie della Yamaha clienti ancora una volta ha dato prova delle sue doti veocistiche, ma portandosi dietro altri due piloti della stesa casa, Maverick Vinales a soli 12 millesimi e Franco Morbidelli. Non molto staccato Valentino Rossi, sesto preceduto da Alex Rins e Cal Crutchlow, come già accaduto in gara.

    Marc Marquez invece si posiziona ottavo impegnato nei test. Giornata caratterizzata da poca pioggia caduta nel primo pomeriggio e da una paurosa caduta occorsa al suzukista Joan Mir. Anche Michelin ha portato alcune novità per i suoi pneumatici, impegnando i piloti anche in test aggiuntivi.


    1    Fabio Quartararo FRA Petronas Yamaha (YZR-M1) 1m 55.616s
    2    Maverick Vinales SPA Monster Yamaha (YZR-M1) +0.012s
    3    Franco Morbidelli ITA Petronas Yamaha (YZR-M1) +0.139s
    4    Alex Rins SPA Suzuki Ecstar (GSX-RR) +0.221s
    5    Cal Crutchlow GBR LCR Honda (RC213V) +0.324s
    6    Valentino Rossi ITA Monster Yamaha (YZR-M1) +0.399s
    7    Joan Mir SPA Suzuki Ecstar (GSX-RR) +0.548s
    8    Marc Marquez SPA Repsol Honda (RC213V) +0.621s
    9    Francesco Bagnaia ITA Pramac Ducati (GP18) +0.632s
    10    Danilo Petrucci ITA Mission Winnow Ducati (GP19) +0.729s
    11    Takaaki Nakagami JPN LCR Honda (RC213V) +0.754s
    12    Andrea Dovizioso ITA Mission Winnow Ducati (GP19) +0.775s
    13    Jack Miller AUS Pramac Ducati (Desmosedici) +0.898s
    14    Pol Espargaro SPA Red Bull KTM Factory (RC16) +1.065s
    15    Miguel Oliveira POR Red Bull KTM Tech3 (RC16) +1.195s
    16    Aleix Espargaro SPA Factory Aprilia Gresini (RS-GP) +1.442s
    17    Tito Rabat SPA Reale Avintia (GP18) +1.801s
    18    Karel Abraham CZE Reale Avintia (GP18) +1.836s
    19    Hafizh Syahrin MAL Red Bull KTM Tech3 (RC16) +1.994s
    20    Johann Zarco FRA Red Bull KTM Factory (RC16) +2.153s
    21    Andrea Iannone ITA Factory Aprilia Gresini (RS-GP) +2.416s

  • MotoGP Test Misano: Quartararo ancora il più veloce

    Prima giornata di test a Misano per la MOtoGP terminata. Con un nutrito gruppo di piloti con vari acciacchi, qualche pilota ha terminato anzitempo le qualifiche, qualcuno ha tenuto semplicemente un profilo basso, Parliamo di Dovizioso, Quartararo, Oliveira, Mir ma soprattuto Jorge Lorenzo, che ha preso parte al test per un periodo davvero breve.

    Alla fine della giornata è di nuovo Fabio Quartararo a imporsi davanti al compagno di squadra Franco Morbidelli, segno che la compagine del team clienti Yamaha continua a funzionare bene, e che i due giovani piloti stanno emergendo sempre di più. Sul terzo gradino del podio si piazza idealmente il campione del mondo Marc Marquez, il pubblico attende con impazienza il momento in cui in pista arriverà il confronto tra la generazione attuale e il nuovo che avanza.

    Bene in generale la compagine Yamaha, con Vinales 4° e Rosii 5°. In buon spolvero la compagine KTM con il dimissionario Johann Zarco settimo tempo dietro al compagno Pol Espargaro.

    Ducati un po' in sofferenza, con Miller primo dei ducatisti solo decimo, mentre l'acciaccato Dovizioso si piazza dodicesimo.

    In pista anche il nuovo collaudatore della KTM Dani Pedrosa, che chiude penultimo a due secondi dal primo, ma serve un po' di tempo per l'adattamento e per togliersi la ruggine.

    CLASSIFICA
    1 Fabio Quartararo - Petronas Yamaha 1m 32.996s
    2 Franco Morbidelli - Petronas Yamaha +0.023s
    3 Marc Marquez - Repsol Honda +0.226s    
    4 Maverick Viñales-    Monster Yamaha +0.251s
    5 Valentino Rossi - Monster Yamaha +0.300s
    6 Pol Espargaro - Red Bull KTM Factory +0.592s
    7 Johann Zarco - Red Bull KTM Factory +0.694s
    8 Joan Mir - Suzuki Ecstar +0.767s
    9 Takaaki Nakagami - LCR Honda +0.781s
    10 Jack Miller - Pramac Ducati +0.806s

  • MotoGP test Sepang: brilla Fabio Quartararo, Pedrosa e Lorenzo star

    Test della MotoGP a Sepang terminati, con il rrokie dell'anno 2019 ancora in testa dopo la tre giorni di prove.

  • MotoGP Thailandia: Marc Marquez mette in buca l'ottavo titolo, ma quel Quartararo...

    Otto titoli mondiali a soli 26 anni, il talento di Marc Marquez raggiunge l’apice quando ha già in cassaforte più della metà dei titoli di Giacomo Agostini e uno solo in meno di Valentino Rossi. È un dominio consolidato, una dimostrazione di forza che si chiude con quattro gare MotoGP ancora da disputare.

  • MotoGP Valencia: sesta pole per Fabio Quartararo

    Ultima pole position ancora a Fabio Quartararo, il giovane pilota francese è diventato ormai un cliente fisso della prima casella della griglia, anche la pista di Valencia si inchina al nuovo velocista della MotoGP.

  • MotoGP Valentino Rossi: prima fumata del week end

    Un week end partito in modo complicato per Valentino Rossi. Il ritorno dopo le vacanze estive sul tracciato del motomondiale a Brno, è stato all'insegna delle domande sul suo futuro e sulla Yamaha.

    In entrambe le situazioni Valentino ha trovato le parole e l'umore giusto per rispondere alle due spinose questioni. Alla domanda sul suo ritiro ha reagito tra il divertito e il seccato, il nove volte campione del mondo ha detto chiaramente che non ha intenzione di ritirarsi, non c'è una data, e per ora ha un contratto fino a fine 2020 che vuole sfruttare fino in fondo.  Il gossip estivo lo conosce, è normale, ma non  lo ha divertito continuare a leggere di questioni sul suo ritiro anticipato.

    Poi si passa alla questione M1, la sua Yamaha con cui fatica a trovare le prestazioni giuste, ma che riconosce che nelle mani di Vinales, Quartararo e Morbidelli stanno andando bene, quindi una competitività ritrovata ma al quale non riesce a trovare il feeling giusto. E' nella conferenza di inizio week end che Valentino dice di essere alla ricerca di un miglior feeling con questa M1 con la quale i suoi compagni riescono a lottare per la vittoria. Se l'anno scorso era il migliore dei piloti Yamaha, quest'anno rischia di essere l'ultimo.

    Il week end poi inizia in salita, con la sua M1 che va in fumo, qualcuno ha temuto che avesse inondato il circuito di olio visto che ha persistito a percorrerlo tutto con la moto con una vistosa uscita di fumo. Ma non ci sono state perdite in pista, il pesarese ha tenuto costantemente d'occhio eventuali perdite di olio, cosa che non è avvenuta.

  • MotoGP: in Yamaha si respira ottimismo, cauto

    Dopo i test post stagionali sul circuito spagnolo dagli ambienti Yamaha arrivano segnali positivi. I quattro piloti hanno avuto modo di provare la moto in configurazione 2020 e ne hanno saggiato i progressi, con un giudizio quasi unanime.

  • MotoGP: Marc Marquez extramotivazioni contro Valentino Rossi

    Valentino Rossi e Marc Maruqez, e tra poco potremo aggiungere il terzo che gode! Scaramucce in pista trasformate in reazioni anche ad azione ritardata, sembra quasi che Valentino Rossi prima di lasciare il motomondiale si sia dato il compito di scalfire la tenuta mentale granitica di Marc Marquez.

    Sta di fatto che Marquez ha dichiarato a fine gara che la scaramuccia in pista con Valentino Rossi a fine qualifica il sabato, gli ha dato un extra motivazione per dare di più nella lotta per vincere la gara, seguita lla dichiarazione piccata del sabato dove sempre all'indirizzo di Valentino, aveva detto che lui lottava per il campionato e non per una gara. La risposta di Valentino è stata più che altro la sua classica risatina sorniona, da qui forse l'intenzione di giocare con Marquez fuori dalla pista, visto che sull'asfalto è diventato complicato per tutti.

    L'episodio è andato in scena durante l'ultimo giro lanciato della qualifica del sabato, quando i due piloti si sono trovati sulla pista e, pur nullo il giro di entrambi perché entrati nella zona verde della pista, si sono dati fastidio fino alla curva dove incrociando le traiettorie hanno di fatto annullato il giro.

    Sta di fatto che sembra essere più lo spagnolo ad avere un astio mai sazio nei confronti di Rossi, tanto da usarlo ancora come "extramotivazione" per correre una gara come quella di ieri.

    In tutto questo si affaccia Fabio Quartararo, che Valentino e non solo, agita nelle interviste a monito di un futuro spauracchio per Marc Marquez, che di sicuro ieri ha dovuto faticare parecchio contro il francese.

  • MotoGP: Valentino Rossi e i tormentoni sul suo ritiro

    Valentino Rossi è al centro di molte chiacchiere, che vengano fatte dallo stesso pilota o da alcuni altri esponenti di Yamaha o in generale del mondo delle corse. E' in dubbio che in molti si facciano domande se e quando il nove volte campione del mondo appenderà la tuta al chiodo, e di solo tuta si tratta visto che già si parla di una sua partecipazione al DTM quindi il casco resterebbe, ma come scherza spesso Valentino di questa fatidica data o del fatto che sia vecchio, se ne parla ormai da anni.

    Ovviamente di questi tempi se ne parla di più perchè è in atto un apiccola crisi "tecnica" per la Yamaha M1 numero 46, Valentino ha rimediato 3 out e una prestazione al Sachsenring di poco pregio, senza contare le vistose difficoltà delle qualifiche. Si è vociferato spesso di un possibile rimpasto nel suo comparto tecnico, ma è lo stesso Valentino a dire che si trova molto bene con il suo attuale team e con Silvano Galbusera.

    Intanto però da Yamaha Lin Jarvis, manager del team Yamaha, rilascia una dichiarazione dove dice che ormai la MotoGP è pronta a vivere anche senza Valentino, sulla scena ci sono altri piloti e lo spettacolo è ad alti livelli. Di sicuro il fatto che Valentino Rossi abbia deciso di partecipare alle competizioni anche nella fase calante della sua carriera, sta aiutanto questo passaggio, intanto si profila all'orizzonte un fine contratto definitivo con il team Yamaha ufficiale nel 2020, le parole di Jarvis, la mancanza di risultati e l'arrivo sulla scena di Quartararo che la casa giapponese vorrebbe nel team ufficiale, aprono un grosso interrogativo: se Rossi nel 2021 volesse ancora correre, dove si accaserebbe?

    Intanto Yamaha sembra che porterà per la prima volta nei prossimi test di metà stagione la moto per l'anno successivo, come a voler ammettere per lo meno che per battere Marquez e la Honda qualcosa in più ci vuole, anche per Vinales e Quartararo. Intanto Valentino pur sapendo che l'ultima vittoria è lontana, non si dà per finito, se l'anno scorso è andata abbastanza bene, dopo pochi mesi non può essere lui la causa. Questa la convinzione del pesarese.