fbpx
Marc Marquez
Categoria: Sport

E' il vecchio Marc Marquez quello tornato alla vittoria che ha riconfermato il suo predominio sul circuito di Austin, fatica Bagnaia nelle fasi iniziali, gestisce il suo vantaggio in campionato Quartararo.


Forse il più deluso è il nostro Pecco Bagnaia, che dopo aver ricevuto l’investitura in MotoGP da Valentino Rossi, non ha trovato il giusto feeling in gara. Sarà stata la classica ansia da prestazione, ma le cose sono andate sicuramente diversamente da quello che ci si aspettava, Pecco ha dovuto attendere la seconda parte di gara per tornare sé stesso riuscendo a metterci una pezza. L’assalto alla fortezza di Marquez è rimandato.

Marquez che ha messo le cose in chiaro una volta di più, cioè al di là delle difficoltà fisiche “il re della MotoGP non è morto”. Anche se preventivabile, nessuno era davvero sicuro che potesse fare la differenza come nei tempi migliori, ma forse quei tempi sono vicini a tornare, un grosso guaio per la banda di giovinastri che si preparava a spartirsi le vestigia del re. Abbiamo visto di nuovo il vecchio Marc Marquez, quello che ad Austin lascia solo gli avanzi, gli scarti, agli avversari.

Nel frattempo ragiogner Quartararo gestisce l’avvicinamento alla corona mondiale, un secondo posto davanti a Bagnaia che sà molto di antipasto della prima corona MotoGP. Il pilota francese prova a stare con Marquez nelle fasi iniziali, ma quando le cose si fanno difficili si fa due conti in tasca e decide di tenere la posizione. I conti dicono una cosa molto semplice: se a Misano dovesse arrivare davanti a Bagnaia, il titolo finirebbe dritto in saccoccia.

Gara che ha poco da raccontare, alla partenza la prima curva è di Marquez, e da lì sarà un assolo. Dovrà resistere solo pochi giri dalla pressione di Quartararo, fino a quando Martin lo ingaggerà in una piccola bagarre che gli farà perdere la coda di Marquez. Intanto Bagnaia, dopo essere sprofondato fino al sesto posto, da metà gara in poi inizierà un faticoso lavoro di ricucitura che a due giri dalla fine lo porterà sul terzo gradino del podio. Nel finale c’è ancora tempo per un confronto acceso tra Miller e Rins per un contatto dello spagnolo.

Gara americana, che ha destato forse più attenzione per il ritorno di Marquez e per il ritorno del pubblico sugli spalti più, che per lo spettacolo, poco, visto in pista. L’interrogativo resta per tutti lo stesso: quale sia il valore fisico di Maruqez in questo momento, perché quello competitivo è chiaro che è rimasto immutato, è ancora l’uomo da batterein MotoGP.

Prossimo appuntamento a Misano per il GP dell’Emilia-Romagna tra tre settimane.

Risultati e classifiche

 

 

 

 Classifica MotoGP Austin

Back To Top