Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Mercoledì, Mer Lug 2020
  • Al Mugello è Aprilia Allstars, una giornata da vero racer

    Finisce l’inverno e Sabato 23 marzo, nel primo weekend di primavera, Aprilia invita tutti gli appassionati di motociclismo a una festa straordinaria sul circuito moto più affascinante al mondo, il Mugello, vero tempio del motociclismo mondiale. E’ il momento di far uscire dal garage l’amata due ruote e correre sulle colline toscane per vivere una giornata speciale, seguita dai canali Sky Sport e Sky MotoGP, per festeggiare uno dei marchi moto più vincenti al mondo, la sua storia, le sue moto, i suoi campioni di oggi e di ieri.

    La festa è gratuita e aperta a tutti gli appassionati, alle loro famiglie, a gruppi di amici e a tutti motociclisti, non solo ai possessori di una Aprilia. Sarà una occasione irripetibile per incontrare di persona i piloti del team MotoGP Andrea Iannone, Aleix Espargaró e Bradley Smith e vedere in azione le straordinarie RS-GP che corrono nella classe regina del Motomondiale.

    Il momento clou sarà la presentazione in pista del team Aprilia MotoGP, condotta da Guido Meda e Vera Spadini. I piloti dell’Aprilia Racing Team Gresini, Iannone e Espargaró, e il test rider Smith saranno festeggiati da tutti i componenti della grande famiglia di Aprilia Racing.

    Molte le star, anche del mondo dello sport e dello spettacolo, che saranno al Mugello mentre scenderanno in pista tutti insieme Max Biaggi, Loris Capirossi, Manuel Poggiali, Lorenzo Savadori e altri grandi piloti che hanno scritto la storia di Aprilia e sarà in pista la nuova RSV4 1100 Factory, la superbike Aprilia da 217 CV che tra i cordoli del Mugello si svelerà in anteprima mondiale.

    Il paddock si animerà dalle 10 del mattino, fino a sera sarà protagonista l’animazione di Virgin Radio, condotta sul palco da Ringo con musica, eventi e un susseguirsi ininterrotto di giochi a premi che daranno la possibilità di vincere centinaia di premi Aprilia, dai pass per le tappe della MotoGP, all’abbigliamento, dagli accessori alle memorabilia racing e dei piloti. Fino al grande premio finale, una fiammante Aprilia Shiver 900.

    Ad accogliere nel paddock le migliaia di appassionati ci saranno le aree dei partner di Aprilia Racing: Sky, Diadora, Gulf apriranno i loro stand per accogliere i fans mentre al ricco shop targato Aprilia ci sarà l’occasione di acquistare a condizioni straordinarie abbigliamento e merchandising targato Aprilia e Aprilia Racing.

    Su aprilia.com e allstars.aprilia.com l’elenco ditutte le attività che dalle 10 alle 18 animeranno la pista, il paddock e, grazie ai test ride gratuiti della gamma Aprilia 2019, anche le magnifiche strade del Mugello:

    • MEET&GREET CON I PILOTI APRILIA MOTOGP 2019
    • SHOW-LAPS DEI PILOTI E TANTE ALTRE SORPRESE IN PISTA
    • TEST RIDE SU STRADA CON PRENOTAZIONE IN LOCO ED ESPOSIZIONE MOTO GAMMA 2019 CON ANCHE LO STRAORDINARIO CONCEPT RS660
    • ATTIVITÀ SPECIALI E ACCESSO TRIBUNA CENTRALE PER LA COMMUNITY #BEARACER CLUB
    • PARKING RISERVATO, CON AREA DEDICATA NEL PADDOCK PER LE MOTO APRILIA
    • AREA FOOD ALL'INTERNO DEL PADDOCK
    • PARATA CONCLUSIVA, TUTTI IN PISTA CON LA PROPRIA APRILIA


    E per chi ama il viaggio in moto è disponibile l’iniziativa Road to Aprilia All Stars, un tour di tre giorni per vivere “on the road” e in gruppo l'evento del Mugello. Anche tutte le info su questa iniziativa sono disponibili sulla pagina web allstars.aprilia.com

  • Aprilia All Stars, un grande successo di appassionati

    L'Aprilia All Stars è stato un grande successo, oltre ogni previsione probabilmente. Oltre diecimila spettatori sono accorsi a onorare un marchio che per molti rappresenta presente e passato della passione motociclistica, spesso oggetto di desideri proibiti. Sulla pitlane, nei box e in pista è stato schierato la storia delle competizioni di Aprilia fino ai giorni nostri, 54 titoli mondiali che raccontanto molto del DNA dell'azienda di Noale, oggi parte del gruppo piaggio.

    Le moto che hanno vinto in 125, in 250 e nel campionato mondiale Superbike, sono state schierate insieme alle Aprilia RS-GP 2019 con Andrea Iannone e Bradley Smith ad accompagnare i due prototipi. Poi è stato tempo di impegnare la pista, con piloti del calibro di Max Biaggi, Loris Capirossi, Manuel Poggiali, Alex Gramigni e Roberto Locatelli in sella alle moto storiche, come alla nuovissima punta di diamante in ambito sportivo per Aprilia, la RSV4 1100 Factory da 217 CV.

    La festa è stata condivisa dai tanti appassionati, che hanno potuto partecipare all'animazione pensata per questa occasione, alla tiratissima gara dei grandi campioni a bordo dello scooter SR 150 vinta da Manuel Poggiali e alla fine partecipare alla parata in pista dedicata alle moto Aprilia.

    L'affetto per questo grande marchio non si spegne, speriamo di rivederlo presto, e vincente, in Superbike.

  • Husqvarna rientra in Moto3 con il team di Max Biaggi

    Husqvarna Motorcycles è lieta di annunciare il suo rientro nelle corse di velocità su pista con il campionato del mondo FIM classe Moto3, nel quale supporterà ufficialmente il team Max Racing.

  • Il motociclismo perde Ivano Beggio, patron di Aprilia

    Scompare all'età di 73 anni il patron di Aprilia, quell'Ivano Beggio che ha portato la sua passione motociclistica al di là di ogni più ardito sogno, da un piccolo comune del Veneto, alla ribalta mondiale nello sport e nell'immaginario collettivo , costruendo il mito Aprilia.

    Padre e padrone della storia motociclistica di Aprilia, quella vincente e quella dei grandi campioni che ancora oggi incantano il mondo, Ivano Beggio lascia nel ricordo dei tanti motociclisti pietre migliari della storia delle due ruote, con modelli di cui si parlerà ancora per molti anni.

    Per capire il personaggio, l'uomo, basta leggere la dichiarazione di Romano Albesiano, Direttore Sportivo di Aprilia Racing: “Bisogna pensare ai campioni che Aprilia ha fatto crescere, alle vittorie che ha collezionato, per capire l’importanza del progetto di Ivano Beggio. Pensare di sfidare in pista i Giapponesi, andare a misurarsi contro i costruttori più grandi partendo da zero e alla fine vincere significa mettere insieme testa e cuore. Grandi capacità manageriali e tanto amore per il nostro mondo”.

    Ivano Beggio, classe 1944, ha iniziato la passione per le due ruote nella fabbrica artigianale di biciclette Aprilia del padre, innovandone e diversificando la produzione, con l’introduzione di motociclette e scooter.

    Nel 1975 costituisce un piccolo team per la produzione di motociclette da competizione che, grazie all’innovazione tecnico-produttiva, si afferma in breve tempo, tanto da aggiudicarsi nel 1977 il campionato italiano cross nelle classi 125 e 250 cc. Dal 1980 Aprilia inizia a produrre in serie motociclette di piccola cilindrata (50 e 125cc) e in seguito lancia sul mercato modelli di grande successo destinati alla mobilità urbana, esteticamente e tecnologicamente innovativi: nel 1991 lo Scarabeo, il primo scooter a ruote alte del mercato europeo; nel 1992 il primo scooter e la prima moto due tempi con marmitta catalitica; nel 1993 il primo scooter targato; nel 1998 entra nel settore delle moto di grande cilindrata con la RSV Mille.

    Nel Motomondiale, dove ha esordito nel 1985 nella classe 250, Aprilia ha portato al successo grandi campioni di livello mondiale, tra cui Max Biaggi, Marco Simoncelli, Valentino Rossi, Casey Stoner, Alvaro Bautista, Loris Capirossi, Marco Melandri, Manuel Poggiali e Alessandro Gramigni.

     

    aMotoMio.it

     

  • Iniziate le consegne delle Aprilia RSV4 X

    Aprilia RSV4 X, speciale versione celebrativa della V4 di Noale realizzata da Aprilia Racing in tiratura di dieci esemplari per festeggiare il decennale di un progetto che ha conquistato sette titoli mondiali WSBK, è in consegna ai fortunati acquirenti della super sportiva più esclusiva.

    Il “via” alle consegne di RSV4 X è stato tenuto a battesimo da un tester d’eccezione, Max Biaggi, che ha voluto portare la sua RSV4 X subito in pista e, a conferma che questa è una moto speciale per appassionati speciali, una è in arrivo per Andrea Iannone, pilota Aprilia in MotoGP. Max e Andrea sono stati tra i primi a prenotarla dopo averla provata in anteprima mondiale lo scorso 23 marzo al Mugello, durante Aprilia All Stars, la grande festa alla quale hanno partecipato oltre 10.000 appassionati.

    “Affrontare le curve del Mugello in sella alla RSV4 X è sempre un’emozione fantastica! - ha commentato il sei volte campione del mondo, sceso in pista l’1 e il 2 settembre - Su questa moto le sensazioni sono esattamente quelle di una moto da corsa e sin dal primo momento in cui ci sono salito mi sono sentito come se non avessi mai smesso di gareggiare”.

    Realizzata sulla base di Aprilia RSV4 1100 Factory, l’esperienza di Aprilia Racing si è concretizzata attraverso mirati interventi di alleggerimento, che hanno permesso di raggiungere l’eccezionale traguardo dei 165 kg a secco. La speciale preparazione del motore V4 da 1078cc prevede l’assemblaggio a mano e la conseguente messa a punto di tutte le tolleranze, come per i motori destinati alle gare.

    L’impianto di scarico Akrapovic dispone di collettori in titanio e di terminale in carbonio, mentre il filtro dell’aria è stato sostituito con un elemento Sprint Filter: si tratta del filtro aria dalla più alta permeabilità disponibile sul mercato (oltre a essere waterproof), è la medesima unità utilizzata da Aprilia Racing in MotoGP. La messa a punto elettronica è garantita da una mappatura specifica della centralina. Tali componenti assicurano un aumento della potenza massima dai già eccellenti 217 CV del modello di serie fino al traguardo dei 225 CV. Il V4 Aprilia è dotato del sistema ANN (Aprilia No Neutral), il cambio con la folle posizionata sotto la prima marcia che velocizza i cambi marcia dal primo al secondo rapporto, evitando errori in scalata. Una soluzione derivata direttamente dall’esperienza Aprilia in SBK e in MotoGP ed è per la prima volta in assoluto messa a disposizione su un modello in vendita al pubblico.

    Un’altra novità mondiale è costituita dall’impianto frenante Brembo, che ha scelto Aprilia RSV4 X per il debutto delle pinze GP4-MS ricavate dal pieno che agiscono su una coppia di dischi in acciaio con tecnologia T-Drive e sono comandate da una pompa radiale da 19x16 ricavata dal pieno.

  • Max Biaggi ambasciatore Aprilia nel mondo

    Il sei volte campione del mondo Max Biaggi sarà ambasciatore nel mondo del marchio Aprilia: un ruolo che non avrebbe neppure bisogno di essere istituzionalizzato, tanta è la storia del motociclismo che Max e Aprilia hanno scritto insieme, ma che ora diventa un rapporto ufficiale.

    Grazie alle innumerevoli vittorie iridate conquistate in sella alle moto di Noale, Max Biaggi ha contribuito come nessun altro a portare in cima al mondo il marchio Aprilia. Una storia di grande passione, talento e amore per il proprio lavoro, che ha contribuito a traghettare Aprilia nell’olimpo dei marchi più vincenti nella storia del motociclismo sportivo, vantando oggi un palmarès di ben 54 titoli mondiali.

    Max Biaggi incarna così il perfetto testimonial del DNA sportivo di Aprilia, ma non solo: il campione romano darà anche un prezioso contributo nell’affrontare le grandi sfide che Aprilia ha davanti a sé, mettendo a disposizione la sua esperienza per promuovere il brand, la sua tradizione racing e i suoi prodotti.

  • Max Biaggi e Loris Capirossi tornano in Aprilia

    Max Biaggi e Loris Capirossi si sono trovati fianco a fianco sugli stupendi saliscendi del Mugello, così come accaduto in tante stagioni di Motomondiale. In sella alle loro Aprilia RSV4 sono scesi in pista approfittando del sedicesimo appuntamento stagionale con gli Aprilia Racers Days 2018.

    Gli appassionati arrivati al Mugello per godere di una giornata in sella su una delle più belle piste del Motomondiale hanno così avuto la sorpresa di avere compagni tra i cordoli due pluricampioni del Mondo, piloti che hanno scritto pagine leggendarie della storia Aprilia.

    Max e Loris non si sono risparmiati, né in pista con una lunga serie di turni, né al box dove sono stati presi d’assedio dai motociclisti più o meno esperti alla ricerca di una foto ricordo o, ce ne sono stati molti, a caccia di un consiglio sull’assetto giusto o su come meglio affrontare la pista toscana.

    Max Biaggi: “Bellissimo! Certo, quello che facevamo in gara è irripetibile ma con questa moto si va veramente forte e Loris ha sempre il suo stile, così è stato come fare un tuffo nel passato. Questa RSV4 è una moto nata per il circuito, mi è sembrato di tornare sulla mia SBK, si va veramente forte e il divertimento è tanto. Un’esperienza certamente da ripetere”.

    Loris Capirossi: “Avere il circuito tutto per noi, e proprio qui al Mugello è stato emozionante. Max è il solito che non molla mai e da un sacco di gas. Mi sono goduto tantissimo la RSV4, soprattutto nella versione Factory Works, al Mugello potenza e coppia contano tantissimo e mi sono davvero divertito tanto”.

    Biaggi e Capirossi hanno girato sia con la RSV4 RF sia con la V4 italiana equipaggiata con il kit Factory Works, preparata da Aprilia Racing e ancora più performante. Alla fine della giornata, insieme ai saluti, l’impegno a ritrovarsi presto in pista anche negli Aprilia Racers Days della prossima stagione.

  • Presentato il team Sterilgarda Max Racing di Max Biaggi

    E' il turno anche per Max Biaggi di fare ingresso nel motomondiale come Team Principle. Il team Sterilgarda Max Racing, che da tre anni gareggia nel CIV Moto3 spagnolo e italiano, entra nel campionato mondiale, riportando il 6 volte campione del mondo negli ambienti della MotoGP.

    Pilota scelto per l'importante debutto è Arón Canet, spagnolo classe 1999, al quarto anno di impegno nel Mondiale. Motociclisticamente cresciuto nel CEV, Arón ha debuttato in #moto3 nel 2016 cogliendo subito un podio. Nel 2017 il giovane iberico ha mostrato una costante crescita, sancita da tre vittorie e due piazzamenti a podio che gli permettono di ottenere il terzo posto tra i piloti. Non altrettanto fortunata la stagione 2018 dove, nonostante quattro secondi posti, deve accontentarsi della sesta piazza finale.

    La presentazione è andata in scena a Montecarlo, dove Max Biaggi ha residenza, alla presenza del Pricnicpe Alberto II di Monaco. A guidare il lavoro dello Sterilgarda Max #racing Team sarà Peter Oettl. La scelta della moto con cui correre è la KTM.

    Max Biaggi: "Sia per me sia per gli appassionati, la #moto3 è la categoria più entusiasmante dopo la MotoGP. C'è sempre battaglia, i distacchi sono contenuti ed è quindi naturale per me iniziare l'avventura mondiale da qui. Per noi è un grande passo, un sogno che si realizza, ma subito dopo il sogno vengono la programmazione e il lavoro. Da questo punto di vista sento di poter dire che ci siamo preparati nel migliore dei modi. La squadra è formata da tecnici che hanno grande esperienza nel Motomondiale, ed ha avuto modo di amalgamarsi con le esperienze nei campionati italiano e spagnolo. Arón è un pilota che mi è piaciuto da subito per la grinta e la tenacia, anche se dovrà imparare a gestire  la pressione per fare il definitivo salto di qualità. Abbiamo scelto KTM, un marchio europeo con un grande potenziale".

  • Torna l'Aprilia All Stars, al Mugello la festa dei racers

    Sabato 9 maggio, al Mugello, torna la grande festa di Aprilia sul circuito più bello al mondo protagonisti i piloti del team Aprilia Motogp, insieme ai grandi campioni e alle moto che hanno fatto la storia di Aprilia e che ne disegnano il futuro.

  • Uccio: Valentino Rossi preferisce Biaggi a Marquez

    Negli ultimi giorni tiene banco l'evento legato al quarantesimo compleanno di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia, con nove titoli in tasca, sembra essere l'emblema di unetà anagrafica, oltre che atletica, che si va allungando, con possibilità per persone così dotate, di scendere in pista e riuscire ad essere ancora tra i protagonisti di uno sport dove si corre al limite, non solo con i sensi ma anche con il fisico.

    In una lunga intervista rilasciata da Alessio Uccio Salucci, suo fedele collaboratore fin dagli eserdi nonché amico d'infanzia, al magazine Dueruote, Uccio parla di due rivalità che hanno caratterizzato la carriera molto longeva di Valentino Rossi. Quella all'alba della sua avventura con Max Biaggi e quella attuale con Marc Marquez. Ma Uccio sembra non avere dubbi, quella con Biaggi era più genuina e sincera, come pane e mortadella.

    Quella con Marquez a quanto pare non sembra essere così genuina, o forse l'ultimo sgarro è sempre il peggiore.