fbpx
Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Sabato, Sab Nov 2020
  • Bering C-Protect Air Fluo

    È disponibile nei negozi la nuova versione del C-Protect Air Bering, dedicata al mondo del turismo, per tutti coloro che utilizzano la moto anche oltre i confini urbani, macinando chilometri nelle condizioni più disparate.

  • Bering Cancun

    Con il grande caldo arriva anche la voglia di montare in sella alla propria moto e partire. Durante la stagione estiva, tuttavia, i capi protettivi risultano pesanti e ingombranti, così spesso giacca e pantaloni sono i primi a essere accantonati, sostituiti da indumenti più leggeri.

  • COMPLETO BERING SANTIAGO

    Con l’arrivo del grande freddo, la tentazione di lasciare la moto in garage è forte anche per i motociclisti più tenaci. Bering però ha pensato a chi non vuole rinunciare ad aggredire la strada anche durante il rigido inverno e ha progettato il completo tecnico Santiago, performante e versatile, grazie alla sua struttura a tre strati ad alta resistenza termica e dall’elevata traspirabilità.

  • Definitivo l'accordo di acquisizione di Nolan

    E' diventato definitivo l'accordo tra la 2 Ride Holding e Nolan per l'acquisizione dell'iconico marchio di caschi italiano dopo il l'ok arrivato dall'antitrust. I marchi Nolan, X-lite, Grex e N-Com passano quindi alla holding francese, andando ad affiancarsi ai marchi Shark Helmets, Bering, Bagster, Segura e Cairn.

    Soddisfazione da parte di tutti gli attori in campo, a partire da Alberto Vergani che si attende un futuro dove la maestria italiana nella costruzione dei caschi rivesta un ruolo di rilievo nella nuova holding.

    Di sicuro la speranza dei motociclisti, e chi oggi ruota intorna a quel punto di eccellenza che è la sede Nolan vicino a Bergamo, è che l'entusiasmo di Patrick François, presidente della 2 Ride Holding, nel mettere in campo il know-how "francese", tenga nella dovuta considerazione che ha appena acquisito un'eccellenza italiana, sia dal punto di vista tecnologico che produttivo.

    Il nuovo gruppo ha un potenziale di 150 milioni di fatturato, con esportazioni in tutto il mondo. I due brand sono tra i più conosciuti al mondo, e anche i rappresentanti delle due società che investono in questa operazione, Eurazeo PME e Naxicap Partners, si preparano a investire in tecnologia per la crescita del gruppo.

  • Nolan ceduta al gruppo francese 2 Ride Holding

    Nolan, lo storico marchio italiano che ha contibuito a forgiare la storia imprenditoriale dei caschi nel nostro paese, passa all'azienda francese 2 Ride Holding, già proprietaria dei marchi SHARK, Bering, Bagster, Segura e Cairn.

    E' proprio nell'ottica della sinergia, necessaria per combattere il potere economico dei marchi provenienti dall'estremo oriente, e nell'ottica di salvaguardare il Made In Italy dei caschi che vestono la testa di molti campioni, che la Helmet Invest ha deciso di cedere le sue azioni al gruppo francese.

    La decisione è arrivata a fronte di una strategia che, ribadisce Nolangroup, è atta a salvaguardare la produzione, il know-how e la produzione italiana, in un'ottica capace di affrontare i mercati globali. Con 360 dipendenti nei suoi stabilimenti di Brembate di Sopra sviluppati su più di 30.000 mq. dove produce circa 400.000 caschi all’anno ed è il più grosso produttore di caschi da motociclista in Europa, con la 2 Ride Holding arriverà a 150 milioni di euro di entrate e 1.000 dipendenti.

    Nolangroup ci tiene a sottolineare il suo DNA italianao, ribadendo che Nolangroup S.p.A.  ha sempre pagato le imposte e versato gli oneri sociali in Italia come continuerà a farlo in base alla legge a prescindere dalla nazionalità dei suoi azionisti. L’operazione di acquisizione è di fatto un investimento estero in Italia.

    Non c'è da sperare il meglio per questo nostro pezzo d'Italia, un'eccellenza che nasce dalle sue radici capace di appassionare il mondo.

  • Richiamo da Bering per l'airbag a cavo C-Protect Air

    Un richiamo spesso viene visto come un problema da un cliente, ma è soprattutto un sintomo di serietà da parte di un'azienda produttrice, soprattutto di sistemi di sicurezza, che antepone a tutto la sicurezza dei propri clienti.