Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Giovedì, Gio Giu 2020

Siamo tutti SuperEroi

Già, uno slogan nato per scherzo qualche anno fa quando, durante l’edizione 2017 della RedBull Epic Rise,  vestivo i panni di un improbabile SuperEroe, VioLento, e che voleva essere un inno alla normalità e alla realtà difficile con cui ognuno di noi si trova a scontarsi e lottare ogni giorno nella vita quotidiana.


Ora la vita quotidiana è sconvolta, travolta, disintegrata dal Covid19 che silenziosamente ha invaso il mondo e ha dato un senso alla parola crisi.
Crisi mondiale, sanitaria, economica e umana dove esce il meglio e il peggio di ogni singolo individuo.
Ci vorrebbe davvero, ora, un SuperEroe, ma Marvel o chi per lui non l’ha ancora creato ed ecco che i veri SuperEroi stiamo diventando noi.
Persone normali che si danno da fare, con in prima linea i Medici, gli infermieri e sanitari in genere che quotidianamente, con fatica e sacrificio, cercano di salvaguardare e salvare la vita, anche purtroppo a scapito a volte della loro.
SuperEroi anche le forze dell’ordine impegnate a far rispettare delle norme che il buon senso suggerisce ma che non è patrimonio di tutti e che lo stato è costretto a far rispettare con la forza.
Lo sono tutti quelli impegnati nei servizi indispensabili, un esempio non esaustivo po’ essere quello dei sempre dimenticati Operatori Ecologici, ma l’elenco sarebbe lungo.
Tante persone impegnate in volontariato, nel darsi da fare anche solo nel mettersi a costruire, insieme a diverse aziende che hanno riconvertito la linea produttiva, magari mascherine o altri strumenti utili.
Non sono SuperEroi a tutti gli effetti, sono semplicemente persone che hanno capito il senso del sociale, che hanno un credo e un sentimento nei confronti del prossimo e dell’umanità, oltre che un senso del dovere.
SuperEroi, in fondo come VioLento, normali ma eccezionali come potremmo esserlo tutti con un  po’ di buona volontà, anche solo rispettando la regola base di uscire il meno possibile per evitare il diffondersi del virus.
Siamo tutti SuperEroi, normalissimi, tanti che insieme ce la possono fare.

Flap