fbpx

Warning: getimagesize(/web/htdocs/www.amotomio.it/home/images/stories/News/askoll_green.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.amotomio.it/home/plugins/content/social2s/features/opengraph.php on line 353
Askoll scooter elettrico
Categoria: News Novità Moto

30 volte la circonferenza dell'equatore il totale dei km percorsi, 76 le tonnellate di CO2 risparmiate grazie all’utilizzo dei veicoli Askoll a disposizione di eCooltra e MiMoto, i due principali operatori di scooter sharing elettrico sul mercato italiano. Questi sono i dati raccolti nel 2018, un risultato davvero prestigioso per il marchio italiano Askoll del 100% Made in Italy.

Il motore elettrico degli scooter Askoll eS2 Keyless, in dotazione a eCooltra e MiMoto , permette di ridurre del 90% le emissioni di anidride carbonica: lo scooter elettrico realizzato dall’azienda vicentina produce indirettamente (cioè nella fase di generazione dell’energia elettrica da fonti non rinnovabili) solo 7 g/km di CO2 rispetto ai 70 g/km di CO2 di un motociclo da 50 cc endotermico e ai 100 g/km di una macchina utilitaria.

Ad oggi, le flotte di eCooltra e MiMoto motorizzate da Askoll comprendono un numero di circa 1200 scooter distribuiti nelle città di Milano, Roma e Torino. Dati che confermano la preferenza per una mobilità sempre più condivisa e soprattutto pulita: sono infatti circa 1,2 mln i km percorsi, pari a 30 volte la circonferenza della terra.

A poco più di un anno dal lancio di MiMoto a Milano, il primo servizio di scooter sharing elettrico nazionale che da subito ha creduto nelle potenzialità dei mezzi dell’azienda vicentina, gli scooter Askoll a disposizione sulle strade della metropoli sono più che raddoppiati, con una flotta di circa 250 mezzi, rispetto ai 100 iniziali. Un successo testimoniato anche dall’arrivo di MiMoto a Torino, dove circolano circa 150 scooter.

Con eCooltra, leader europeo nel segmento dello scooter sharing elettrico, la partnership è ancora più solida. I mezzi Askoll compongono infatti il 100% della flotta di Milano e Roma con 900 mezzi totali e da qualche mese hanno superato anche i confini nazionali.

Numeri importanti che sono destinati ad aumentare nei prossimi mesi e che provano l’alto potenziale di crescita del settore dell’e-mobility sharing in Italia.

Back To Top