Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Giovedì, Gio Ott 2020
  • Ad Adria la quarta tappa del Trofeo Moto Guzzi Fast Endurance

    Tre vincitori diversi in tre gare e una avvincente lotta al vertice della classifica generale: è con queste premesse che il Trofeo Moto Guzzi Fast Endurance torna in pista questo fine settimana all’Adria International Raceway, in provincia di Rovigo.

    Giunta alla quarta tappa stagionale, la nuova serie monomarca organizzata da FMI e Moto Guzzi e dedicata alle Moto Guzzi V7 III equipaggiate con il Kit Racing GCorse e con le gomme Pirelli Phantom Sportscomp RS sta riscuotendo un grande successo grazie all’inedito format che offre a tutti i motociclisti l’opportunità di correre in circuito in una atmosfera di grande amicizia e divertimento.

    Con l’arrivo del nuovo team Gaffe salgono a 20 le squadre iscritte al Trofeo: sul tracciato veneto saranno ben 40 i piloti che si alterneranno in sella alle Moto Guzzi V7 III, dando vita a un altro weekend all’insegna della passione in pista e nel paddock, in pieno stile “guzzista”. Al via ci sarà ovviamente anche la V7 III del Team The Clan, sulla quale si alterneranno due nuovi piloti votati online dagli appassionati Guzzisti della community ufficiale Moto Guzzi “The Clan”.

    Alla vigilia dell’appuntamento veneto la classifica generale vede un emozionante testa a testa tra il Team Circuito Internazionale d’Abruzzo - in caccia della prima vittoria dopo tre piazzamenti a podio - e il Team Biker’s Island, impostosi a Magione lo scorso 23 giugno. La tappa di Adria sarà perciò molto importante in vista della gara che si preannuncia decisiva, il gran finale in programma a Misano.

    Nel cuore del paddock spazio anche agli appassionati, con lo Shop dell’Aquila, porta di accesso al mondo Moto Guzzi anche per chi motociclista non è, o non è ancora, grazie alla ricca offerta di abbigliamento e merchandising originali.

    Il quinto e ultimo appuntamento del Trofeo Moto Guzzi Fast Endurance 2019 si terrà all’autodromo di Misano il 13 ottobre. L’iscrizione ai singoli appuntamenti del Trofeo è possibile fino a due settimane prima della gara.

    Per rimanere aggiornati su tutte le novità relative al trofeo Moto Guzzi Fast Endurance 2019 è sufficiente consultare le pagine web del Trofeo, fastendurance.motoguzzi.com, e il sito della Federazione Motociclistica Italiana, www.federmoto.it.

  • Al via la settimana di gare del Tourist Trophy 2019

    Il Touristi Trophy sta per entrare nel vivo, la corsa motociclisticva più adrenalinica del mondo, sta per dare il via al weekend di gare, dove i piloti tenteranno di essere i più veloci sullo Snaefell Mountain Course, un circuito che si snoda per tutta l'Isola di Man, passando tra campagne, insediamenti urbani e sulle montagne, per un totale di 37,730 miglia (60,720 km).

    Il fitto week end di gare prevede la partenza domani con la Superbike TT Race, una delle più attese, per concludersi Mercoledì con la Senior TT Race. Categorie particolari in gara saranno la gara dei sidecar e la categoria più giovane che è quella delle Zero TT Race, ovvero le moto a emissioni zero.

    Sarà come sempre una gara votata all'adrenalina, ma anche a correre su quel filo sottile in bilico tra la vita e la morte. Ma che come ogni anno è in grado di catalizzare l'attenzione e la fantasia del pubblico appassionato. Un viaggio all'Isola di Man in occasione del TT, diventa un'occasione per essere trasportati in una realtà diversa, fuori da ogni tempo, dove la frenesia di un'isola trasportata da pazzia ed eroismo, diventano un posto e un momento perfetto.

    Sabato 1 Giugno
        12:00 Superbike TT Race (6 laps)
        15:00 Sidecar TT Race 1 (3 laps)
        
    Lunedì 3 Giugno
        10:45 Supersport TT Race 1 (4 laps)
        14:15 Superstock TT Race (4 laps)
        
    Mercoledì 5 Giugno
        10:45 Supersport TT Race 2 (4 laps)
        12:45 Zero TT Race (1 lap)
        14:10 Lightweight TT Race (4 laps)
        
    Venerdì 7 Giugno
        10:30 Sidecar TT Race 2 (3 laps)
        12:45 Senior TT Race (6 laps)
        
    www.iomtt.com

    Per vedere il Tourist Trophy www.itv.com/hub/itv4

  • Apre il museo privato del grande Giacomo "Ago" Agostini

    15 titoli mondiali, 123 Gran Premi vinti, 18 titoli italiani, 10 Tourist Trophy e un totale di 311 vittorie in gara: questi i numeri impressionanti della carriera agonistica di Giacomo Agostini, che si estende dagli inizi degli anni ’60 fino alla seconda metà dei ’70, gran parte della quale in sella ad una MV Agusta.

  • Aprilia riporta i giovani in pista con la RS 250 SP

    Nasce nel 2020 il Campionato Italiano FMI Aprilia Sport Production. Un vero campionato nazionale che riprende il filo di una storia unica, che ha visto le moto di Noale accompagnare in pista e avviare alla pratica del motociclismo sportivo intere generazioni di giovanissimi.

  • Aprilia Tuono vince la Pikes Peak nella categoria Heavyweight

    La Aprilia Tuono, condotta dal pilota australiano Rennie Scaysbrook, ha corso e vinto nella categoria Heavyweight che mette in gara le moto di produzione di più alta cilindrata e maggiori prestazioni. Rennie ha raggiunto i 4.302 metri della vetta in 9 minuti, 44 secondi e 963 millesimi, tempo che rappresenta il record della categoria.

    Ma al termine della gara, corsa nello scorso weekend, Scaysbrook ha avuto parole solo per ricordare l’amico e avversario Carlin Dunne che ha perso la vita in un drammatico incidente. Dunne correva nella categoria Exhibition Powersport che avrebbe certamente dominato senza il tragico incidente che lo ha coinvolto quando, con un tempo record, già era in vista del traguardo.

    “È stata una gara spettacolare - ha commentato Scaysbrook - ma solo fino a quando non abbiamo saputo dell’incidente. Carlin era una parte enorme di tutta la mia esperienza in questa gara, è stato la mia guida quando mi sono presentato come rookie nel 2016, fino al nostro testa a testa nella Pikes Peak del 2018 che lo vide trionfare. Carlin era un vero gentleman, siccome siamo stati gli ultimi due a partire, mi ha stretto la mano, mi ha augurato buona fortuna e ci siamo dati appuntamento al traguardo, in cima alla montagna. Abbiamo perso un vero campione”.

    E riguardo alla gara ha aggiunto: “La gara è stata una di quelle occasioni nelle quali sei tutt’uno con la tua moto. Abbiamo lavorato per questo tutta la settimana, migliorando sempre, prova dopo prova, per questo voglio ringraziare il team fantastico che mi ha permesso di cogliere questo risultato”.

  • Chiuso il Tourist Trophy 2019: Senior TT a Harrison

    Il Senior TT ha chiuso la settimana della gara stradale più famosa del mondo, a vincere l'ultima gara delle Superbike stradali è stato Dean Harrison, a bordo della Kawasaki ZX10RR del team Silicone Engineering. La gara è partita nelle migliori condizioni meteo di questo Tourist Trophy 2019 a detto di un plurititolato Michael Dunlop, condizioni che hanno permesso di dare vita ad un'altra battaglia da una manciata di secondi, in qualche caso anche meno di un secondo, di cui protagonista è stato ancora una volta Peter Hickman, già vincitore del TT Superbike.

    Hickman, a bordo della BMW S1000RR del team Smiths Racing, ha tenuto a bada Harrison per 5 dei sei giri sullo Snaefell Mountain Course lungo 37 miglia, ma la pit stop qualcosa non è andato bene. Il motore della S1000RR ha iniziato ad avere problemi di surriscaldamento, così che Hickman è passato da aver un vantaggio su Harrison di 17.683 secondi a perdere via via terreno da Harrison, fino ad avere un ritardo di 18.386 secondi.

    Hickman è riuscito a mantenere la seconda posizione con un distacco di soli 5.817 secondi dal terzo.

    I due piloti che quest'anno hanno dominato le gare del TT hanno fatto il balzo in avanti più drastico nella speciale classifica Double Duke Road Race Rankings Champion, con Peter Hickman che sale di 38 posizioni fino al secondo posto e Dean Harrison che sale di ben 40 posizioni arrivando al terzo. Guida la classifica Derek McGee.

    Classifica:
    1. Dean Harrison - Kawasaki
    2. Peter Hickman - BMW
    3. Conor Cummins - Honda
    4. Michael Dunlop - BMW
    5. James Hillier - Kawasaki
    6. Davey Todd - BMW
    7. Michael Rutter - Honda
    8. Jamie Coward - Yamaha
    9. Brian McCormack - BMW
    10. Dominic Herbertson - Kawasaki

  • Goodbye Jorge!

    Il caso di Jorge Lorenzo ha segnato questo finale di stagione 2019 della MotoGP quasi rubando la scena al neo, ma vecchio, campione del mondo della MotoGP.

  • Guy Martin assolto: guidava con patente falsa

    Vicenda giudiziaria chiusa per Guy Martin. Il simpatico e veloce pilota del Tourist Trophy, divenuto anche una celebrità dello schermo, era stato fermato in possesso di una licenza di guida falsa rilasciata in Irlanda per la guida di veicoli commerciali pesanti.

  • Michael Dunlop in sella alla Ducati V4R per vincere il Tourist Trophy

    Con questa foto Michael Dunlop, la star del road racing e soprattutto del Touristi Trophy, ha annunciato sui social che prenderà parte alla corsa su strada più famosa del mondo a bordo di una Ducati Panigale V4R.

  • MotoGP e Superbike Dorna: cancellazione campionato ultima opzione

    I campionati mondiali Superbike e MotoGP sono in attesa di vedere le luci rosse spegnersi per ripartire con un campionato che necessariamente ha già visto alcune date uscire dal calendario.

  • MotoGP Jorge Lorenzo: stop per altre due gare?

    Dopo il ritorno in pista a Silverstone, sembra che per Jorge Lorenzo ci siano ancora problemi. Gli strascichi dell'infortunio avvenuto nel week end di MotoGP ad Aragon, che gli hanno procurato la frattura a due vertebre, continuano a rallentare il rientro al pilota maiorchino.

    Dopo la due giorni di test a Misano dove ha primeggiato Fabio Quartararo con la Yamaha, dove Jorge Lorenzo ha concluso i test dopo una sola mattinata in pista proprio a causa del dolore e delle non perfette condizioni fisiche, indiscrezioni parlano di un forfait per i prossimi due gran premi, dove Jorge potrebbe saltare Misano e Aragon.

    Un brutto infortunio quello del maiorchino, che si somma alle difficoltà di adattamento alla Honda RC213V, con Honda concentrata su Marc Marquez e poco incline a rischiare di snaturare un duo che porta risultati, Jorge non ha mai trovato feeling con la moto, e si ritrova con sempre più tempo sottratto dagli strascichi degli infortuni.

    L'unica speranza è che le nuove voci sui dubbi a proposito del futuro in Honda ma anche nelle corse, siano solo temporanee e subordinate al rientro totale dall'infortunio. Se non sarà poi in Honda il suo futuro, un campione del suo calibro troverà sicuramente una sella.

  • MotoGP MIsano: Jorge Lorenzo sarà regolarmente in pista

    Mancano poche ore all'inizio del week end del MotoGP di Misano, data attesa quanto quella del Mugello per noi italiani, ma ancora di più da molti piloti che hanno casa non lontano dal circuito adriatico. Occhi puntati su Jorge Lorenzo, che dopo alcune indescrezioni che lo davano fuori per altri due MotoGP a causa dei postumi dell'infortunio alle vertebre, sarà regolarmente al via del GP di Misano.

    Le indiscrezioni erano arrivate dopo che Jorge aveva interrotto i test MotoGP alla fine della mattinata del primo giorno a causa del forte dolore che ancora accusava. Da lì alcune indiscrezioni, forse ipotesi, arrivate dall'angolo di Lorenzo, ipotesi fortunatamente tramontata. Il termine anticipato dei test è stata più che altro una mossa per allungare il periodo di recupero e avere più possibilità di scendere in gara gà da Misano.

    Evidentemente il maiorchino e il suo staff non hanno reputato fondamentale i risultati dei test sulla moto, in una stagione ormai segnata da infortuni e problemi di adattamento.

  • MotoGP Motegi in TV: Marquez libero dalla classifica, chi lo fermerà?

    Gran Premio del Giappone per la MotoGP, con il titolo già assegnato, Marc Marquez sarà ancora più linero da ogni pensiero e preoccupazione, aprendo la manetta senza alcun timore di fare uno zero in classifica.

  • MotoGP Sepang: domina Maverick Vinales, Rossi quasi podio

    Gara MotoGP a Sepang vinta e dominata da Maverick Vinales, che saluta la compagnia in partenza e non lascia dubbi per la sua vittoria.

  • MotoGP Sepang: Maverick Vinales domina la gara e Marc Marquez

    MotoGP a Sepang diventata il momento di acuto stagionale per Maverick Vinales, un percorso di crescita arrivato troppo tardi, ma che ha permesso allo spagnolo della Yamaha di dominare la gara.

  • MotoGP Sepang: pole per Quartararo, volano le Yamaha

    Qualifiche MotoGP in Malesia che vedono ancora una volta primeggiare lo squadrone Yamaha, nel finale corpo a corpo tra Maverick Vinales e Fabio Quartararo, ed è il giovane pilota francese ad avere la meglio con un giro perfetto.

  • MotoGP Silverstone: Rins fulmina Marquez sul traguardo, Dovizioso che botta!

    Il MotoGP di Silverstone tra le stalle e le stelle, un inizio di brivido mette fuori Andrea Dovizioso, ma un finale da pelle d’oca scuote la passione e regala una splendida vittoria ad Alex Rins e alla Suzuki, beffato anche questa volta Marc Marquez.

  • MotoGP Suzuki: a Silverstone Guintoli al posto di Mir

    Sarà Sylvain Guintoli a prendere il posto di Joan Mir nel gran premio di Silverstone a bordo della Suzuki GSX-RR. Il collaudatore dei prototipi della casa di Hamamatsu, ex campione del mondo della Superbike 2014, prenderà il via domenica prossima per sostituire l'infortunato Mir, non ancora totalmente recuperatop.

    Il pilota spagnolo della Suzuki aveva subito una brutta contusione polmonare durante il week end del GP in Austria, si attendeva un suo rientro, ma dalla Spagna fanno sapere che da un check-up risulta ancora non totalmente recuperato, questione che mette a rischio il pilota specialmente in caso di ulteriore caduta e contusione.

    Davide Brivio ha detto di essere confidente di vedere Mir di nuovo in pista per i test di Misano, per lo meno per testare le sue condizioni fisiche.