fbpx
Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Martedì, Mar Nov 2020
  • MotoGP Aragon e Superbike Estoril: Suzuki da mondiale, Davies desmo nel cuore

    Il doppio appuntamento della MotoGP ad Aragon e della Superbike all’Estoril regalano tante emozioni e tante sorprese, Jonathan Rea sesto titolo di fila, una Suzuki torna in testa al motomondiale.

  • MotoGP Aragon in TV: a casa di Marquez tutti contro Marquez

    Dopo una sola settimana il campionato MotoGP torna in pista con i suoi paladini, reduci dall'infuocato week end di Misano il circus si trasferisce in casa degli spagnoli, e attende ancora fuoco e fiamme dopo i duelli a cui ha dato vita Marc Marquez prima con Valentino Rossi durante le qualifiche, e poi con Fabio Quartararo in pista.

    Non accolto benissimo dal pubblico italiano, questa volta Marc gioca in casa, ad Aragon la MotoGP parla spagnolo e il vento è a favore. A insidiare la sua supremazia sono chiamati ancora i piloti che nella stagione hanno dimostrato di avere velocità e guizzo per batterlo, a partire da Alex Rins, Maverick Vinales e Andrea Dovizioso. Proprio quest'ultimo, deludente a Misano, è atteso al riscatto insieme alla Ducati, che dopo l'Austria sembra aver perso nuovamente smalto.

    Da tener d'occhio Fabio Quartararo ovviamente, che sulla pista di Misano dove la Yamaha MotoGP era a suo agio ha scoperto le carte del suo talento, ora siamo tutti pronti per una riconferma.

    Chi manca? Beh, siamo sempre pronti a rivedere una grande prestazione di Valentino Rossi.

    Programmazione TV su Sky e TV8

  • MotoGP Aragon: gran colpo di Marc Marquez, bravo Valentino!

    Colpo di reni di Marc Marquez che ad Aragon strappa la classifica e distanzia Andrea Dovizioso, mentre un buon Valentino Rossi fa sognare per metà gara. Occhio al ritorno di Jorge Lorenzo e Dani Pedrosa.

  • MotoGP Aragon: Marquez imprendibile, ma il Dovi da spettacolo

    Marc Marquez demolisce il gran premio di Aragon, e la MotoGP si risveglia da un sogno di qualche gara dove il trono è stato traballante, ma a dare uno sprazzo di gioia a questa domenica incolore ci pensa Andrea Dovizioso, risorge dalle retrovie e dà un tocco di rosso alla domenica spagnola.

  • MotoGP Aragon: Marquez un macigno sulle Ducati

    Gara della MotoGP di casa per Marc Marquez che vince ad Aragon, l'incognita impossibile da risolvere stravolge i calcoli del team giapponese e inforca una morbida poco prima della partenza, che lo porta a rompere la resistenza di un Andrea Dovizioso indomito. Convince Andrea Iannone con la Suzuki che arriva sul podio ad un soffio dai due primatisti. Fatica Rossi ma ci mette una malapezza.

  • MotoGP Jorge Lorenzo: stop per altre due gare?

    Dopo il ritorno in pista a Silverstone, sembra che per Jorge Lorenzo ci siano ancora problemi. Gli strascichi dell'infortunio avvenuto nel week end di MotoGP ad Aragon, che gli hanno procurato la frattura a due vertebre, continuano a rallentare il rientro al pilota maiorchino.

    Dopo la due giorni di test a Misano dove ha primeggiato Fabio Quartararo con la Yamaha, dove Jorge Lorenzo ha concluso i test dopo una sola mattinata in pista proprio a causa del dolore e delle non perfette condizioni fisiche, indiscrezioni parlano di un forfait per i prossimi due gran premi, dove Jorge potrebbe saltare Misano e Aragon.

    Un brutto infortunio quello del maiorchino, che si somma alle difficoltà di adattamento alla Honda RC213V, con Honda concentrata su Marc Marquez e poco incline a rischiare di snaturare un duo che porta risultati, Jorge non ha mai trovato feeling con la moto, e si ritrova con sempre più tempo sottratto dagli strascichi degli infortuni.

    L'unica speranza è che le nuove voci sui dubbi a proposito del futuro in Honda ma anche nelle corse, siano solo temporanee e subordinate al rientro totale dall'infortunio. Se non sarà poi in Honda il suo futuro, un campione del suo calibro troverà sicuramente una sella.

  • MotoGP KTM: fuori Johann Zarco, dentro Mika Kallio

    Sarà Mika Kallio a prendere il posto in sella alla KTM RC16 nelle prossime date della MotoGP fino a fine stagione, è diventata ufficiale la separazione tra la casa austriaca e il francese Johann Zarco.

    La separazione tra le due parti era già stata ufficializzata al termine del gran premio d'Austria, quando Zarco aveva annunciato di non avere le motivazioni per rimanere in KTM con una moto che non riusciva a far sposare con il suo stile di guida e che non era indispensabile rimanere con la casa austriaca se il motorsport doveva diventare un peso.

    La casa austriaca dalla sua parte non ha fatto mistero nelle settimane precedenti di mal digerire le dichiarazioni del pilota francese nei confronti delle moto nate nella factory racing di KTM.

    Non pareva possibile la separazione prima della fine del campionato, anche se Zarco l'aveva esternata come una possibilità, ma già ad Aragon e fino e fine stagione sarà Mika Kallio e portare in pista la KTM MotoGP, come già fatto in diverse occasioni come Wildcard. La scelta di Mika è arrivata dopo il rifiuto di Dani Pedrosa di tornare in attività per alcune gare, condizione che aveva messo già nero su bianco sul contratto, ma che KTM ha tentato di forzare.

    Non resta che attendere le mosse di Zarco sul mercato.

  • MotoGP: Andrea Iannone copia il setting di Alex Rins

    Fa discutere la dichiarazione del dopo gara di Andrea Iannone. Il pilota di casa Suzuki, in procinto di lasciare la moto di Hamamatsu per approdare a Noale, nel dopo gara dichiara di aver copiato in tutto e per tutto il setup della moto di Rins, il compagno di squadra, e che grazie a quello ha avuto a disposizione la moto che gli serviva per stare con i primi.

    Difficile capire il messaggio dietro la dichiarazione, Andrea prosegue dicendo che con la moto competitiva se la può giocare con chiunque, ma a questo punto il problema è chi deve preparare quella moto. I detrattori parlano di incapacità di mettere a punto la moto, problema molto importante per un pilota della caratura di Iannone, che lasciata Ducati è caduto in un ottimo progetto, ma che ora sembra stia per fare uno scivolone ancora indietro verso un progetto ancora acerbo come quello di Aprilia, anche se in forte miglioramento.

    Gli estimatori di Andrea invece parlano di un comparto tecnico non in grado di tramutare le richieste di Andrea in un setting che dia risultati in pista come accadeva quando era in Ducati, e che quindi mettono in difficoltà il pilota.

    Nel 2019 Iannone dovrà dare indicazioni di sviluppo sull'Aprilia MotoGP, si vedrà se c'è il giusto feeling, di sicuro resta il riferimento di Espargaro, che visto il sesto posto di Aragon sta facendo un ottimo lavoro.

  • MotoGP: Valentino Rossi positivo al coronavirus, pronto Jorge Lorenzo

    Valentino Rossi è positivo al coronavirus e salterà gli impegni MotoGP sul circuito di Aragon.