Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Giovedì, Gio Ott 2020
  • A Mirabilandia apre il Ducati duelling coaster Desmo Race

    Evento a sorpresa a #ducatiworld, la nuova area di #mirabilandia dedicata alle Rosse di Borgo Panigale, dove la sera di giovedì 25 luglio ha aperto al pubblico Desmo Race, il primo duelling coaster interattivo a doppio binario. Su questa nuova attrazione, a bordo di una #moto biposto che riproduce una Panigale V4, è possibile sfidarsi lungo due tracciati paralleli per una gara testa a testa. Frenata e accelerazione sono nelle mani del guidatore che deve affrontare ogni curva come in sella a una vera #moto. Tutti possono provare l’emozione di sentirsi un pilota, unici requisiti: età superiore ai 6 anni e altezza minima 120 cm.

    All’inaugurazione dell’attesissima attrazione era presente anche il pilota #ducati Michele Pirro, salito ovviamente in sella per provare il duelling coaster. Per l’occasione l’area #ducatiworld è rimasta aperta fino a tarda notte ed è stata invasa da visitatori vestiti di rosso, requisito richiesto per accedere alla serata. Ai primi mille Desmo Riders è stata regalata una maglietta speciale a tiratura limitata per celebrare la serata.

    Nei giorni che hanno preceduto l’inaugurazione ufficiale, il duelling coaster è stato provato in anteprima dal pilota ufficiale del MotoGP #ducati Team Andrea Dovizioso: “Desmo Race è davvero emozionante! Mi sono sentito come in sella alla mia #moto: puoi accelerare e frenare proprio come si fa in una vera gara! Sono molto contento di essere stato il primo a provarla e mi auguro che tutti possano vivere la stessa esperienza”.

    Ducati World è la prima area tematica al mondo ispirata a un brand motociclistico inserita in un parco divertimenti. Desmo Race va ad aggiungersi alle altre attrazioni già operative dell’area tematica del parco, quali Diavel Ring, Kiddy Monster e l’area dell’Experience Building. Quest’ultima è dotata di simulatori di ultima generazione che, utilizzando vere #moto #ducati, regalano un’esperienza ultra realistica ed emozionante. Inoltre, dal pomeriggio di venerdì 26 luglio, apre ufficialmente al pubblico anche Scrambler Run, l’attrazione ispirata al mitico Scrambler #ducati, l’iconico brand sinonimo di libertà e divertimento.

    Di grande richiamo per i visitatori di #mirabilandia anche l’esposizione permanente delle Rosse di Borgo Panigale e il #ducati Shop, con gadget personalizzati e merchandising ufficiale #ducati. Non mancano i punti ristoro adatti a soddisfare tutti i gusti e le esigenze dei visitatori: Paddock Cafè, Pit Stop e Scrambler BBQ.

    Per scoprire di più su #ducatiworld: ducatiworld.mirabilandia.it

  • All'asta la Ducati Panigale Anniversario 916 per Carlin Dunne

    120 vittorie, 8 titoli costruttori e 6 titoli piloti, di cui 4 con Carl Fogarty. Sono i numeri della stupenda, ancora oggi, Ducati 916 con cui Massimo Tamburini ha cambiato per sempre l'idea di design di una moto sportiva. Dei 500 esemplari di Ducati Panigale V4 Anniversario 916 che Ducati ha deciso di costruire e mettere in vendita, una sarà del tutto speciale.

    La presentazione, avvenuta durante il round di Laguna Seca negli Stati Uniti, paese che ama particolarmente le moto di Borgo Panigale, è stata anche l’occasione per ricordare Carlin Dunne, il pilota californiano del team Spider Grips Ducati, recentemente scomparso alla Pikes Peak. Jason Chinnock ha annunciato la decisione di Ducati di “ritirare” dal mercato l’esemplare contrassegnato dal 5, numero che Dunne usava in gara. La moto verrà battuta all’asta e il ricavato sarà destinato alla raccolta fondi per offrire supporto alla madre di Carlin.

    Nonostante la partenza amara per il team Ducati Aruba del round del cavatappi, la Panigale V4R vestita con i colori della mitica 916 ha potuto festeggiare una doppia vittoria in Gara2, quella del gradino più alto del podio e il ritorno alla vittoria di Chaz Davies. Idealmente tutte le Ducati a Laguna Seca vestivano il numero 5.

  • All’asta su eBay le dodici Panigale V4 della Race of Champions

    Il conto alla rovescia è ormai terminato e manca veramente pochissimo alla pacifica invasione “ducatista” che, dal 20 al 22 luglio animerà la Riviera Adriatica e il Misano World Circuit “Marco Simoncelli” per il WDW2018.
     
    A identificare il momento clou dei tre giorni del WDW sarà la “Race of Champions”. Dovizioso, Lorenzo, Petrucci, Miller, Davies, Melandri, Rinaldi, Pirro, Abraham, Rabat, Fores ma anche un campione che ha fatto la storia Ducati come Troy Bayliss, saranno i protagonisti di una avvincente competizione in sella alle Panigale V4 S, preparate appositamente in edizione limitata.
     
    I piloti si sfideranno sabato 21 luglio alle ore 13.00, la gara sarà seguita e trasmessa in diretta dal canale satellitare di SKY Sport dedicato alla MotoGP (Ch.207), con il commento di Guido Meda, Mauro Sanchini e Antonio Boselli, presenti a Misano per questo imperdibile appuntamento.
     
    Le dodici moto speciali che gareggeranno sono pezzi unici e potranno essere acquistate tramite un’asta pubblica su eBay. Un sogno che diventa realtà per i tifosi, che avranno l’opportunità di aggiudicarsele a partire da sabato 21 luglio alle ore 18.00, fino alla chiusura delle offerte sabato 27 luglio sempre alle ore 18.00. eBay ha dedicato a questa vendita speciale uno Store Ducati a tema “Race of Champions”. Da giovedì saranno disponibili le foto di tutte le livree.
     
    Le moto avranno una livrea con grafiche dedicate a ogni pilota, ispirandosi ai colori della moto usata nelle gare di MotoGP o SBK. Sulla testa di sterzo una targhetta riporterà il nome del pilota e il suo numero di gara, il cui autografo verrà apposto con inchiostro indelebile sul serbatoio prima del via della gara. Un certificato di autenticità , firmato direttamente da Claudio Domenicali, Amministratore Delegato Ducati Motor Holding, darà ulteriore valore e credibilità all’acquisto, che può vantare anche una serie di componenti speciali utilizzati durante la “Race of Champions”, così come tutte le parti originali, scarichi compresi, necessari all’omologazione e all’utilizzo stradale della moto. Le foto in alta risoluzione di tutte le moto saranno disponibili giovedì 19 luglio su mediahouse.ducati.com.

  • Asta record per la Ducati Panigale V4S di Troy Bayliss

    Conclusa al WDW2018 la Race of the Champions, le 12 Panigale V4S con la livrea dei piloti Ducati che le hanno usate in gara più quelle dell'infortunato Chaz Davies sono andate regolarmente all'asta.

    L’asta è stata molto movimentata e combattuta e, sin dalle prime offerte, ha evidenziato un grande interesse per la moto di Troy Bayliss, che ha generato una vera propria corsa al rialzo, fino ad arrivare ad un’offerta record di 120.000 euro. Altrettanta attenzione per le moto di Dovizioso, Melandri, Lorenzo, Pirro (vincitore della “Race Of Champions”) e Petrucci, che hanno ricevuto offerte tra i 40.000 e i 62.400 euro, seguite da quelle di Miller, Davies, Rabat, Forés, Abraham, Rinaldi, e Siméon.

    Dopo le verifiche e le procedure amministrative che seguono le offerte di acquisto per un'asta su eBay, tutte le tredici Panigale V4 S (12 della gara oltre a quella preparata per Chaz Davies, infortunatosi alla vigilia del WDW e impossibilitato a partecipare) sono state aggiudicate.
     
    Le moto sono caratterizzate da un’esclusiva livrea ispirata alla grafica della moto usata da ogni pilota in MotoGP e SBK. Sulla testa di sterzo una targhetta riporta il nome del pilota e il suo numero di gara. L’autografo indelebile apposto sul serbatoio da ogni pilota ed il certificato di autenticità, firmato direttamente da Claudio Domenicali Amministratore Delegato Ducati Motor Holding e dal pilota stesso, danno ulteriore valore a ciascuna moto. Una serie di componenti speciali utilizzati durante la “Race of Champions”, così come tutte le parti originali, scarichi compresi, necessarie per l’omologazione per uso stradale, arricchiscono ciascuna moto.

  • DUCATI 2020 - Le novità svelate alla premiere di Rimini

    Parto dalla fine, ovvero dal momento esatto in cui sul palco è comparsa la Streetfighter V4. Una bestia, con la faccia che ricorda vagamente quella di Joker, che solo a guardarla fa tremare i polsi. In senso ampio intendo.

  • Ducati in crescita anche nel 2019, quinto anno consecutivo

    Non è solo tempo di brutte notizie per le aziende italiane, una in particolare, una nostra portacolori (rosso) del mondo delle due ruote ha comunque di che festeggiare.

  • Ducati Panigale V4 Anniversario 916: 25 anni dal mito

    Venticinque anni fa nasceva la Ducati 916, la moto destinata a rivoluzionare il design motociclistico sportivo e a far innamorare gli appassionati di tutto il mondo. Una moto unica per stile, eleganza, leggerezza e innovazione tecnologica: un’autentica bandiera del Made in Italy motoristico.

    Per celebrare questo anniversario, Ducati presenterà a Pebble Beach, in California, il prossimo 12 luglio alle ore 20:00 (PDT), la Panigale V4 25° Anniversario 916. La moto sarà caratterizzata da una livrea originale, da componentistica di derivazione racing e verrà realizzata in serie numerata e limitata a sole 500 unità.

    La Panigale V4 25° Anniversario 916 sarà svelata alla presenza di “King” Carl Fogarty, quattro volte campione mondiale Superbike negli anni ‘90 in sella alle Rosse di Borgo Panigale.

    In occasione della gara del mondiale SBK di Laguna Seca, che si disputerà sabato 13 e domenica 14 luglio, un ulteriore tributo alla 916 arriverà anche dal team Aruba.it Racing – Ducati, che scenderà in pista con le moto di Alvaro Bautista e Chaz Davies caratterizzate da una speciale livrea, ispirata a quella della Panigale V4 25° Anniversario 916.

  • EICMA 2017 - ALFABETO aMotoMio

    Diciamocelo…Eicma è il prefetto prolungamento della stagione motociclistica. Inizio di novembre, inizio del freddo o della brutta stagione, moto che nell’80% dei casi vengono nascoste in garage. Così gli appassionati hanno una valvola di sfogo, un prolungamento appunto della bella stagione, portando i sogni e la passione dalle curve di una affascinate strada di montagna a quelle di una modella seduta su una ancora più affascinante due ruote.

  • Il Mondiale anche per questa volta non lo posso vincere!

    Ducati Panigale V4, bella, rossa, spettacolare, un sogno per chi, nonostante non sia mai stato in grado di sfruttarle appieno, ha sempre ammirato e amato le supersportive.
    Poi la vedi nella versione “Speciale” in quella livrea tricolore, tanto bella quanto patriottica, e il cuore comincia a palpitare forte.

  • Jack Miller su una Superbike? Ci spiega perchè

    Jack Miller su una Superbike, è la notizia che per qualche giorno ha fomentato eroticamente la fantasia di molti appassionati, specialmente ducatisti. Il tutto è avvenuto sul circuito di Catalunya, in Spagna, durante la sessione di test della Moto2 e della Moto3. Dopo l'arrivo di Alvaro Bautista, qualcuno ha ipotizzato la costituzione di un super team comprensivo anche del pilota della Ducati Pramac, che ha girato in sella ad una Panigale V4R.

    Ma era facile immaginare che non potesse essere quello il motivo, Jack Miller è attualmente in sella alla terza moto ufficiale dello squadrone Ducati, con prestazioni che stanno mettendo in luce tutta il suo talento. E' stato lo stesso Jack Miller a chiarire che si è trattato niente di più che di un allenamento, visto che i piloti Ducati sono stati forniti di una Panigale V4R in allestimento di serie, per quello che può essere di serie una V4R.

    Miller ha fatto il paragone con quanto già accade con Valentino Rossi, che gira per allenarsi con una Yahama R1M fornita dalla case dei tre diapason.

  • La Race of Champions infiamma il WDW2018

    La Race of Champions del WDW è stato il pezzo forte del WDW2018, che anche per questa edizione ha raccolto migliaia di appassionati del cuore rosso Ducati, ma anche tanti appassionati delle due ruote. La gara tra i piloti Ducati a Bordo di speciali Panigale V4S ognuna con i colori delle moto da gara dei pilota provenienti da MotoGP e Superbike, è stata avvincente e piena di sorprese.

    Dopo le sessioni di prove libere e qualifiche per l’ordine di partenza in griglia, la gara ha visto Michele Pirro, già autore della pole, è scattato subito al comando, imponendo un ritmo che gli ha permesso di allungare il vantaggio sul gruppetto di inseguitori, che ha visto la spettacolare rimonta di Rabat, partito male, ma secondo al traguardo dopo una serie di duelli e sorpassi bellissimi con Melandri, Miiller e Forées, che hanno letteralmente infiammato il pubblico presente al Misano World Circuit e gli appassionati sintonizzati in diretta su SKY da casa, con emozioni degne di una competizione iridata. Miller, Melandri e Rinaldi seguono nell’ordine, quindi Dovizioso, Simeon, Petrucci, Lorenzo, Abraham e Bayliss, a completare il parterre eccezionale della “Race of ChampiosnChampions”. La pioggia, che fortunatamente ha smesso di cadere dopo pochi minuti, ha costretto la direzione gara a dare la bandiera a scacchi al sesto passaggio, con due giri di anticipo, ma senza nulla togliere allo spettacolo e alla vittoria del pilota collaudatore del Ducati MotoGP Team.

    Le bellissime Panigale V4S in gara andranno all'asta su eBay a partire da Sabato 28 Luglio alle 18.

    Race of Champions World Ducati Week 2018, Results Race:
          No.     Rider     Nat     Bike     Laps     Time     Gap     Ref.     Fastest Lap
    1     51     Pirro Michele     ITA     Ducati Panigale V4     5     8'16.622                 2     1'38.030
    2     53     Ra bat Esteve     ESP     Ducali Panigale V4     5     8'19.010     2.388     2.388     4     1'38.171
    3     12     Forés Javier     ESP     Ducali Panigale V4     5     8'19.692     3.070     0.682     5     1'36.610
    4     43     Miller Jack     AUS     Ducati Panìgale V4     5     8'22.460     5.838     2.768     3     1'39.304
    5     33     Melandri Marco     ITA     Ducali Pamgale V4     5     8'22.766     6.144     0.306     2     1'39.264
    6     21     Rinaldi Michael ITA     Ducali Panigale V4     5     8'23.320     6.698     0.554     5     1'39.168
    7     4     Dovizioso AndreaITA     Ducali Panigale V4     5     8'24.410     7.788     1.090     3     1'39.149
    8     10     Simeon Xavier     BEL     Ducali Panigale V4     5     8'26.328     9.706     1.918     5     1'39.860
    9     9     Petrucci Danilo ITA     Ducall Panigate V4     5     8'28.946     12.324     2.618     5     1'39.877
    10     99     Lorenzo Jorge     ESP     Ducat• Panigale V4     5     8'31.035     14.413     2.089     5     1'40.252
    11     17     Abrham Karel     CZE     Ducali Panìgale V4     5     8'32.330     15.708     1.295     2     1'40.750
    12     21     Bayliss Troy     AUS     Ducali Panigale V4     5     8'53.681     37.059     21.351     3     1'39.662

  • Michael Dunlop in sella alla Ducati V4R per vincere il Tourist Trophy

    Con questa foto Michael Dunlop, la star del road racing e soprattutto del Touristi Trophy, ha annunciato sui social che prenderà parte alla corsa su strada più famosa del mondo a bordo di una Ducati Panigale V4R.

  • Superbike mercato piloti: Eugene Laverty passa a BMW

    Se il mercato della MotoGP è fermo, salvo la questione Johann Zarco e KTM, c'è invece ancora molto da fare in Superbike per il 2020. Mentre tutti attendono il colpaccio di Yamaha in procinto di portarsi a casa Toprak Razgatlioglu dopo lo sgarbo di Kawasaki alla 8 ore di Suzuka, è BMW ha far segnare il primo importante cambio di sella nel mercato piloti, atto a rafforzare la compagine della casa bavarese che intente rendere vincente la sua nuova S1000RR per il 2020.

    E' Leon Haslam ha cambiare sella, lasciando la Ducati Panigale V4 del team GoEleven per passare alla 4 cilindri bavarese, dove troverà Tom Sykes già rodato della BMW. Il pilota irlandese prenderà il posto del tedesco Reitinberger, al quale BMW ha preferito un pilota con maggiore esperienza e sicuramente in grado di esprimere prestazioni di rilievo se messo in condizioni. Termina così il peregrinaggio di Eugene Laverty su moto sicuramente non alla sua altezza, iniziato con la conclusione della sua avventura con le Aprilia ufficiali.

    Le questioni di mercato aperte però sono ancora tante, a partire dalla sella sulla Ducati Aruba lasciata libera da Alvaro Bautista, alla questione Honda ufficiale, alla Ducati del team Go Eleven, ma anche alle moto lasciate libere da Marco Melandri e al pilota eventualmente appiedato da Yamaha per Razgatlioglu.

  • Superbike test Jerez: Rea argina la Ducati Panigale V4 R

    Due giornate di test per il campionato mondiale Superbike, che da subito mette l'accento sulla competizione tra la plurititolata Kawasaki ZX10RR e la debuttante italiana, Ducati Panigale V4. Nelle due giornate però la giovane contendente ha dovuto cedere le armi al campione del mondo Jonathan Rea, che anche in questo pre stagionale per il campionato 2019, è riuscito a mettere in fila tutti con una notevole differenza.

    Jonathan è riuscito ad abbassare il tempo della prima giornata di quasi un secondo, mentre gli avversari si sono avvidendati. Mentre nella prima giornata a inseguire Rea era stata proprio l'accoppiata di debuttanti, Alvaro Bautista e la Panigale V4R, nella giornata di chiusura è stata la Yamaha R1-M di Alex Lowes a contendere il primato del campione del mondo, anche se da lontano.

    Per questi test in pista c'era il team Kawasaki ufficiale, il team Ducati Aruba, Yamaha ufficale e Yamaha GRT, con un Melandri che deve ancora prendere le misure con la moto di Iwata.

    Jonathan Rea - Kawasaki Racing Team 1.38.713
    Alex Lowes - Pata Yamaha Official 1.39.377 (+0.664)
    Leon Haslam - Kawasaki Racing Team 1.39.766 (+1.053)
    Alvaro Bautista - Ducati Aruba.it 1.39.845 (+1.132)
    Chaz Davies Ducati Aruba.it 1.39.852 (+1.139)
    Michael van der Mark - Pata Yamaha Official 1.40.092 (+1.379)
    Marco Melandri - GRT Yamaha 1.40.235 (+1.522)
    Sandro Cortese - GRT Yamaha 1.40.592 (+1.879)

  • Superbike test Phillip Island: super Ducati, dove sei Johnny?

    Ultima giornata di test prima del via al campionato del mondo Superbike ancora a favore di Alvaro Bautista, lo spagnolo trapiantato dalla MotoGP ha messo in fila tutte le moto e i piloti del folto gruppo di inseguitori, con ancora due buoni decimi di distacco sul primo degli inseguitori.

    Primo degli inseguitori che è ancora Tom Sykes sulla nuova BMW S1000RR, tutti attendevano Jonathan Rea alla riscossa, ma il nord irlandese si è fermato al quarto tempo, dietro al compagno Leon Haslam. Un test che lascia qualche incognita, se è vero che il circuito australiano è da sempre in grado di mischiare le carte, molti sono gli interrogativi, compreso interrogarsi sul fatto che Rea si stia nascondendo prima dell'inizio del campionato.

    Di certo da contr'altare a Bautista lo fa Chaz Davies, ancora in forte difficoltà tanto da arrivare ultimo delle Ducati in pista, in fondo alla classifica. I ducatisti sono in attesa che il rosso delle rosse, che tanto ha infiammato le folle di appassionati, torni a lottare davanti, ma a questo punto il verdetto sarà quello della pista, non resta che attendere.

    A centro classifica qualcuno sale e qualcuno scende, da segnalare l'ottima performance della Kawasaki clienti del team Puccetti di Razgatlioglu, che ha fermato i cronometri alla quinta posizione. Sarà probabilmente il turco e Simone Cortese le pedine impazzite del campionato, Cortese che però ha convinto meno nell'ultima giornata fermandosi al decimo posto.

    Chiusi i test, mancano solo due giorni prima che inizino i giochi, un altra stagione sorge dall'altra parte del mondo.

  • Superbike Thailandia: assolo Ducati e qualche polemica

    Dominio Ducati con Alvaro Butista che sul circuito thailandese di Buriram lascia solo le briciole agli avversari e a Jonathan Rea, che nonostante una strenua resistenza e a un piccolo serbatoio di fiducia residua cede su tutte le gare senza poter reagire. Bene la Yamaha di Lowes in forte crescita, deludono le altre Ducati. Polemica tra Rea e Bautista, per uno scontro in Gara1, Bautista "Rea ha cercato il contatto", Rea "normale episodio di gara".