fbpx
Mappa motore moto
Categoria: Biker World

Quattro chiacchiere con uno specialista dei motori per capire e imparare quanto vale un motre ben regolato specialmente dopo qualche modifica

Spesso il motociclista immagina di mettere le mani su qualche parte del motore della propria moto, ma la frenesia e l’opera creativa non sempre coincide con la consapevolezza che le diverse parti sono state sincronizzate e regolate tra loro, con una centralina che le regola secondo quanto la casa ha deciso fosse la regolazione migliore. E’ un equilibrio precario, basta davvero poco per sballare quel bel miscuglio, insomma si rischia di far impazzire la maionese.

Grafico mappatura motore

In pochi sanno che anche la semplice sostituzione del terminale di scarico può incasinare i dati di regolazione delle moderne (a volte primordiali) centraline, il must per un motociclista è che sul catalogo ci sia scritto che fa un bel baccano e che ti regala ben 5 cavalli in più. Se poi come capitato su un nostro progetto si mette mano su impianto di scarico completo e sui filtri dell’aria, ecco che la maionese diventa folle, la moto i 5 cavalli invece di guadagnarli li lascia sul terreno, può diventare più scorbutica, si possono verificare delle detonazioni indesiderate, consumi anomali e chissà cos’altro.

Per questo motivo esistono officine come quella di DesmoLupo a Milano, che tra le varie attività di officina e un parco Ducati davvero impressionante, è rinomato per il suo banco prova e la costruzione di mappature motore personalizzate, che siano per moto di ultimissima generazione, più facili forse da gestire grazie alle moderne centraline nate per permetterne un maggior grado di manipolazione, o che siano centraline di prima generazione come nel caso della nostra café racer su base Moto Guzzi V11, una vecchietta insolente con due pugni enormi dentro le teste che scazzottano come Mike Tyson.

Officina Desmolupo


IL BANCO GIUSTO VINCE SEMPRE

L’intervento richiede qualche giorno di lavoro, l’officina offre un servizio completo. Nel nostro caso mancavano i tappi della sonda lambda utilizzati per inserire i sensori del banco, l’officina si è quindi occupata di smontare i collettori e portatli a fare le predisposizioni. La moto a quel punto va al banco e si attende la sentenza: nel nostro caso la sentenza è stata un molto positivo “è completamente fuori parametri”.

Il banco utilizzato da Desmolupo ha una correzione cavalli albero “EC”, che tiene conto di una stazione barometrica presente nel banco e quindi piu’ veritiera ma meno alta che la correzzione albero “DIN” che normalmente le case costruttrici usano.

Durante il test, in questo caso in cui i parametri erano molto fuori regolazione e l’erogazione molto magra, l’addetto ha proceduto con una serie di lanci progressivi, aumentando di molto l’apporto di benzina per evitare detonazioni indesiderate e dannose per il motore e segnando sull’arco dei giri diversi punti di misurazione da cui partire per poi via via regolare la giusta miscela aria benzina. Lancio dopo lancio, da un vecchio motorone Moto Guzzi sono spuntati 99 buoni cavalli distribuiti con una curva di erogazione davvero costante, come si può vedere dal grafico qui sotto.


QUANTO E' SERVITO FARE QUESTA MAPPATURA?

E’ servito perché senza togliersi il dubbio saremmo andati a spasso con una moto che, con un erogazione così magra e con qualche manata di gas eccessivo, avrebbe anche potuto subire dei danni. E’ servito perché in effetti adesso il motore ai medi gira molto più fluido e allunga con maggiore facilità. E’ servito anche perché a livello psicologico si è consci di avere una moto ben a punto. Inoltre l’officina conserva le mappature delle moto, così da poter intervenire nuovamente se necessario, conoscendo già la storia dell’ultima regolazione.

Alcuni lo considerano un servizio extra, ma per chi vuole davvero la massima resa dalla propria moto è un servizio per il quale vale la pena spendere qualche soldo.

 

 

 
Back To Top