Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Mercoledì, Mer Ott 2020

The Distinguished Gentleman’s Ride

Una gradevole scampagnata su due ruote vestiti un po’ strani.

Questa è un po’ la direzione che ha preso questa manifestazione nella testa di molti motociclisti, un momento di aggregazione con la voglia di risultare un po’ strani, un po’ particolari, di far vedere quanto riusciamo ad essere alternativi anche ai “normali” motociclisti, anche se normale non potrà mai essere definito un tizio che corre a cento all’ora su un trabiccolo dall’equilibrio precario.

In molti ci siamo dimenticati che questo stupendo momento di aggregazione motociclistico, questo festival dei sorrisi un po’ strani attraverso caschi e barbe da hypster, ha uno scopo benefico, che chi lo ha messo in piedi lo ha fatto per raccogliere fondi per la ricerca contro alcune malattie che affliggono l’uomo. Curiosamente le nostre braccia il più delle volte arrivano comodamente alle manopole della moto, per darci su del gas, per pinzare, per impennare, ma per qualche motivo anomalo faticano ad arrivare alla tasca dove sta il portafogli. Su dai ragazzi, siamo motociclisti, siamo il meglio che c’è, e lo dobbiamo essere sempre.

Pessimo fare i conti in tasca alle persone, si vero, ma alcune volte è doveroso, specialmente se parliamo di piccole cifre, perché una donazione è un gesto di responsabilità, di maturità, di cuore, quindi anche una cifra piccola, quella che si spende in una sciocchezza che per una volta possiamo evitare, è qualcosa di importante.

Dopodiché tutto diventa davvero divertimento, colore, rumore, sorrisi, abbracci (ma solo virtuali), il  gusto di un viaggio lungo una giornata che ci trasporta in un’altra dimensione di quella bellezza estrema che è andare in modo, o come dice il motto di quest’anno del Gentleman’s Ride, Ride together with the world, ma soprattutto quest’anno è Ride solo together. Una sfida, una bellissima sfida che i motociclisti sanno accettare e sanno soprattutto vincere, noi che dentro il casco, nel nostro viaggio, siamo sempre positivamente soli.

www.gentlemansride.com

Michele Rubin (Wolf)

Avatar di Wolf