Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Old man motorcycle
Il risveglio degli ANTA
1
0
0
s2smodern
1
0
0
s2smodern
powered by social2s

Eravamo in tanti poco più che trentenni quando scoppiò il boom della moto, i forum su internet favorivano l'aggregazione a distanza e i ritrovi, le due ruote erano già "social" all'epoca, e in tanti si sono messi una motocicletta nel box, vuoi per vera vocazione, vuoi per quel tiro artificioso che ciò che è di tendenza crea nell'animo delle persone, la sensazione di non poter fare a mano di qualcosa, o addirittura appartenere a qualcosa.


Appartenere alla passione a due ruote forse è la definizione più corretta, chi non era in quello stato ha abbandonato presto una passione mai nata, altri però con l'arrivo della crisi hanno fatto delle scelte, ammirevoli perchè ogni motociclista prima di tutto è un uomo e le rinunce fanno parte anche loro della vita.

Ma ll vento è cambiato e giunti agli anta, qualcuno ha deciso di riprendere in mano una moto, magari qualche ferro poco costoso, tanto più che sono diventate di gran moda, qualcuna rifatta, qualcuna allo stato naturale, ma il risveglio non è stato per tutti piacevole. Prezzi lievitati, motociclisti solitari che non salutano, qualche parte del corpo che scricchiola, strade in condizioni disastrose, automobilisti ancora più disattenti o indisciplinati, ma soprattutto il controllo capillare delle forze dell'ordine, o peggio, un posizionamento capillare degli sparamulte millantati come dispositivi per la sicurezza stradale.

Il risveglio di molti "anta" non è stato dei migliori, la manetta resta chiusa, i posti festanti oggi li trova semi deserti, i grandi raduni non ci sono più, e i vecchi amici non ne hanno davvero voglia di mettersi scomodamente in viaggio solo per farsi una birra su un passo. Eppure prima era normale.

Il buon "anta" si guarda intorno e medita, si chiede se c'è ancora quel gusto, quella velocità, quel modo di essere easy rider. Beh caro "anta", devi solo ricordarti che quel gusto era la sensazione di salire in sella e chiudersi in un casco, che viaggiare è quello che conta, con chi, quando e per dove, è secondario, la passione oggi come ieri, viene dall'anima.

Biker, con o senza moto, lo si è per sempre.

Wolf

Ritratto di Wolf