Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Giovedì, Gio Ott 2020

 Vent Scrambler 125

Non servono tanti cavalli per divertirsi, e in sella a questa Vent Scrambler 125 ne abbiamo avuto la conferma.


Non serve correre, basta lasciarsi coinvolgere da una facilità di guida, da una leggerezza e una versatilità, quando l’asfalto finisce, davvero impressionante.
La Scrambler 125 deriva direttamente dalla sorella più sportiva Baja, di cui conserva l’indole off-road, che diventa adatta anche per l’uso stradale e alla guida in città.
Leggera snella, ma non piccola, le dimensioni accolgono comodamente anche chi supera il metro e ottanta di altezza, la seduta è tipica da fuoristrada con tutta l’impostazione del manubrio, specchi (pieghevoli), strumentazione e portafaro anteriore con un forte richiamo off-road.

Vent Moto

La ruota anteriore da 19” è sormontata da un parafango a filo in stile trial e fa coppia con un cerchio posteriore da 17”. Cerchi a raggi con ottime gomme polivalenti Metzeler Tourance. Sempre a livello ciclistico troviamo un nuovo telaio perimetrale in acciaio, che caratterizza tutta la gamma enduro/motard del produttore italiano, su cui lavorano una forcella con steli da 41 mm e monoammortizzatore regolabile nel precarico. La frenata è assicurata da una coppia di dischi con profilo a margherita con l’anteriore da 320 mm (Pinza flottante a due pistoncini) e posteriore da 220 mm, senza ABS.
Il motore è un moderno monocilindrico 4 tempi 4 valvole SOHC, raffreddato a liquido, vincolato nella potenza dal codice della strada, con una voce educata, adeguata alla cilindrata ma personale.
Una potenza che grazie al peso contenuto (114 kg) e probabilmente a una scelta ottimale della rapportatura sia del cambio, a sei rapporti, sia finale, sembra maggiore di quella reale.

Scrambler 125

Va guidata lasciandola correre sulle curve sfruttando la ciclistica più che la potenza, le gomme vengono in aiuto e le sospensioni, seppur tarate sul morbido, garantiscono una buona coerenza come tenuta.
La stessa ciclistica e le morbide sospensioni permettono di affrontare senza patemi d’animo le strade martoriare delle nostre citta, dove tombini, buche e dossi vengono digeriti senza problemi, se poi vi avventurate in campagna ecco che i sentieri diventano un invitante parco giochi dove la piccola Vent dà il meglio di se invitando al divertimento puro.

Vent Moto

Intuitiva, quasi troppo svelta, e con una frenata sicura e ben modulabile, snella, tremendamente snella sia di sella sia di fianchi, ma anche il serbatoio, con capienza di 7,5 lt compresa la riserva, è davvero rastremato dentro e sopra la linea del telaio.
L’hanno chiamata Scrambler anche se in realtà l’estetica si stacca dai canoni classici della tipologia;  è una via di mezzo tra il trial e l’enduro, ma comunque piacevole con colori vivaci ma no sfrontati, capaci quindi di piacere ad ogni età.
Omologata per due anche se la sella non è particolarmente lunga, mentre è apprezzabile la presenza di un piccolo portapacchi utile nell’uso cittadino o nelle gite fuori porta.
L’unica cosa che non ci è piaciuta è la stampella laterale con molla di richiamo che richiede un po’ di attenzione quando si parcheggia la moto, che comunque una volta aperta e posizionata rimane stabile e sicura.

Scrambler

A chi è adatta? Un po’ a tutti! Al sedicenne che vuole una moto divertente e versatile, ma anche all’adulto, uomo o donna che sia, che ne può apprezzare l’us nel traffico cittadino. Se poi avete la fortuna di abitare in provincia o avete una casa vacanze in campagna o qualche posto sperduto ecco che diventa un apprezzabile mezzo di trasporto e nello stesso tempo di divertimento.
Ci piacerebbe una versione da 250/300 cc che permettono qualcosa di più in termini di prestazioni e anche di poter accedere a tangenziali ed autostrade, chissà che in Vent non ci stiano pensando.

Viene venduta a 3990,00 € Franco Fabbrica, un prezzo adeguato al livello di qualità generale di una moto che può essere una valida allo scooter nell’utilizzo quotidiano.

Caratteristiche tecniche e tutta la gamma sul sito VENT Moto

Foto di Roberto Serati

Abbiamo utilizzato: Casco LS2Giacca IXON – Pantaloni PMJ – Guanti LS2Scarpe Stylmartin – Maschera Ariete Feather

GALLERY



Flap
Profilo

VENT MOTO
Nata alla fine del 2017 è una nuova realtà Lombarda nel settore moto, ma solo nel marchio, di fatto VENT è subentrata a MOTO S.p.A., un marchio nato nel 1983 ed impegnato nell’importazione di prestigiosi marchi del fuoristrada e del trial mondiale come la spagnola Montesa. Nel 1988 Honda Italia Industriale S.p.A. e Moto S.p.A. annunciano di aver raggiunto un accordo per la distribuzione in Italia delle famosissime moto da cross giapponesi. Un accordo che portano HM (sigla sotto la quale nel frattempo Moto spa era universalmente conosciuta) a importanti successi sportivi e ad aggiudicarsi 12 allori a livello mondiale. Senza però dimenticare il mercato con propri modelli ENDURO e SUPERMOTARD che per anni costituiscono il punto di riferimento nelle rispettive categorie.
Tra i risultati sportivi e i Piloti che hanno vinto e conquistato titoli mondiali con HM: Trampas Parker (motocross 1991), Tullio Pellegrinelli (enduro 1992), Alex Puzar (motocross 1993), Fausto Scovolo (enduro 1996) e Stefan Merriman (enduro 2003), Mika Ahola (enduro 2007-2008-2009-2010-2011), Jèrèmy Joly (enduro 2011) e Alex Salvini (enduro 2013). Ben dodici titoli mondiali in oltre trentacinque anni di attività. Straordinario anche il palmares comprendente campioni italiani, continentali e innumerevoli titoli conquistati nelle varie specialità.
Ora è la volta di VENT per il nuovo futuro.