Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Mercoledì, Mer Ott 2020

LS2 MX471 XTRA YARD

Abbiamo abbondantemente superato le visioni dei telefilm Spazio 1999 e anche la fantascienza che Stanley Kubrick ha messo nel suo 2001 Odissea nello spazio.


Un futuro ormai superato in questo terzo millennio dove il progresso, la tecnologia e le innovazioni ci hanno portato bel lontano dalla realtà della seconda metà del secolo scorso.
Eppure la nostalgia, anche motociclistica, è forte e lo vediamo prepotente nel ritorno alle moto d’epoca, non più quelle lontanissime del dopoguerra, ma quelle che erano in voga, quasi normali, nei mitici anni ’70, ’80 e ’90.

LS2

Moto che facevano sognare libertà e orizzonti infiniti che ora tornano a vivere.
Un filone quello del vintage che ha coinvolto un po’ tutti i settori del motociclismo, fuoristrada e enduro, quello che una volta si chiamava “Regolarità”, compreso.
Vintage che troviamo anche nei caschi che riprendono nelle forme il design di quegli anni ma con i materiali  e i contenuti di sicurezza adeguati alle più recenti normative di omologazione.
Un mix tra “Vecchio” e nuovo dove l’estetica va a braccetto con la protezione e che ritroviamo in questo casco integrale da fuoristrada di LS2.
Il nuovo MX471 Xtra è il condensato di quanto detto sopra: un design basato sui caschi da motocross degli anni '70 che incorpora la tecnologia più avanzata di oggi.
Un casco in Carbonio esclusivo con una produzione in edizione limitata, e numerata, di 10000 pezzi in tutto il mondo.

LS2 LS2
MX471 LS2 MX471 LS2


Già la confezione è molto bella con una morbida borsa di trasporto compresa insieme ad un secondo frontino, più lungo, facilmente sostituibile velocemente con tre viti in dotazione senza l’utilizzo di alcun attrezzo.
La presenza scenica di questo casco è notevole soprattutto nella grafica Yard di questa prova, ma anche il full carbon opaco ha il suo gran bel perché!
Impressiona poi la leggerezza quando lo si prende in mano, non è solo una sensazione visto che nella nostra misura è ben sotto ai 1000 grammi, e supera l’unità chilo solo nella calotta più grande delle tre previste.
Tre dimensioni di guscio che permettono di mantenere un corretto rapporto di dimensioni e protezione secondo le diverse taglie.
Potremmo continuare con le caratteristiche salienti come il sistema di estrazione rapida Push di Ls2, ma alla fine quello che più importa è come calza questo casco.

MX471 Yard

In testa avvolge bene la testa in maniera uniforme con una sensazione e di stabilità  estrema, guanciotti che premono il giusto senza opprimere e imbottitura con buona consistenza, morbida ma non cedevole; la forma ergonomica e il taglio al laser evidentemente hanno dato il loro contributo.
Anche indossando occhiali da vista non abbiamo percepito fastidio alle tempie per il passaggio delle astine, nonostante la forma compatta.
Interni realizzati con tessuti traspiranti e antibatterici, ovviamente completamente estraibili e lavabili per una perfetta igiene dopo le uscite in fuoristrada.
La cosa che però ci ha impressionato è la leggerezza di questo integrale in fibra di carbonio.

MX471

La sensazione avuta maneggiandolo è confermata una volta indossato; il peso sotto il chilogrammo sembra essere ancora minore grazie all’ottimo bilanciamento, praticamente non si sente.
L’apertura frontale è delle dimensioni ottimali per accogliere con agio le moderne maschere da fuoristrada come, nel caso, quelle più modaiole, senza nessuna interferenza del telaio delle stesse con il bordo dell’oblò.
Tradizionalmente vintage, ma certamente sicura, la chiusura del cinturino a doppio D  che se da una parte perde praticità, dall’altra permette una regolazione ottimale della chiusura.

LS2 MX471 LS2
MX471 Xtra MX471 Xtra


Seppure non fatto per correre ad alte velocità anche quando queste si avvicinano ai limiti autostradali questo LS2 MX471 Xtra rimane stabile e il frontino corto non disturba minimamente.
Noi l’abbiamo preferito a quello lungo in dotazione semplicemente per un fattore di look che a nostro giudizio è perfetto, ma i fuoristradisti veri probabilmente opteranno per il secondo.
Comodo anche dopo diverse ore in sella e con una ventilazione adeguata con feritoie sulla mentoniera, una doppia coppia di prese d’aria sulla parte superiore della calotta e due coppie di estrattori nella parte posteriore.
Un casco da fuoristrada molto leggero, confortevole e con moderni contenuti di sicurezza in un’estetica vintage con una verniciatura praticamente perfetta.

Difficile non innamorarsene

Scheda tecnica e tutta la gamma sul sito LS2

Foto di Roberto Serati

Gallery



Flap
Profilo

Potrebbe interessarti anche:Cast Helmets MTIII – Test aMotoMio
Comparativa Maschere di aMotoMio
Caberg Ghost - Test aMotoMio