Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Venerdì, Ven Giu 2020
  • MotoGP test Qatar: Vinales e Rins sul podio

    Le prime due giornate del test in Qatar sono trascorse sancendo l'avvicendamento in vetta di due piloti in blu, ma non della stessa marca. Sono Alex Rins sulla Suzuki e Maverick Vinales sulla Yamaha (un po' più nera quest'anno) ad aver dominato i test fin qui. Nella prima giornata era stato Vinales ha tenere la testa, mentre nella seconda giornata si messo più in luce Rins, regalando a Suzuki un bel precampionato.

    Squadrone Honda in difficoltà per le prime due giornate, con una partenza lenta per entrambe i piloti, ma con un netto miglioramento di Marquez nella seconda gionata fino a piazzarsi al quinto posto. Fatica ancora Jorge con la nuova moto e con la riabilitazione dall'ultimo infortunio, navigando per ora in fondo alla classifica.

    Tra i rookie bene Quartararo, che nella seconda giornata si porta sul podio virtuale alle spalle di Vinales e Rins, mettendo in mostra una buona confidenza sulla Yamaha M1, migliore per ora di quella di Valentino Rossi, in palla nella prima giornata ma più in difficoltà nella seconda. Amche Morbidelli e Bagnaia non hanno particolarmente brillato, i due piloti di casa VR46 sono rimasti al di là della decima piazza, vedendosi sfilare anche dall'Aprilia di Espargaro che ha messo a punto due buone giornate.

    Verdetto finale in questa ultima giornata, dove i piloti spremeranno le ultime possibilità prima di mettersi in assetto da combattimento. Dopo le derivate tocca ai prototipi accendere la miccia.

  • MotoGP: i team del 2019, 4 rookie in griglia

    Chiuso apparentemente il mercato 2019 per la MotoGP, le selle sembrano già tutte assegnate, con l'uscita di personaggi illustri come Dani Pedrosa e l'ingresso di ben 4 rookie, Joan Mir, Miguel Oliveira, Francesco Bagnaia e Fabio Quartararo. Andrebbe contato anche il giapponese Takaaki Nakagami, non proprio di primo pelo in MotoGP, ma presente in qualche gara grazie alle Wild Card. Il giapponese prenderà la Honda RCV lasciata dal team Marc VDS e ora in gestione al team LCR che quindi da quest'anno gestirà due moto, scelte strane quando c'era a spasso per i paddock un 4 volte campione del mondo della Superbike in cerca proprio di una Honda.

    Anche Yamaha riparte da zero con il team clienti, non è stato semplice per la casa di Iwata trovare un nuovo team dopo l'abbandono di Pocharal a favore della KTM, ma sembra che non piaccia a molti team manager la filosofia giapponese, per cui il team satellite deve solo partecipare.


    Griglia 2019:

    Repsol Honda:
    Marc Marquez
    Jorge Lorenzo

    Movistar Yamaha:
    Maverick Vinales
    Valentino Rossi

    Ducati:
    Andrea Dovizioso
    Danilo Petrucci

    Suzuki:
    Alex Rins
    Joan Mir

    Red Bull KTM:
    Johann Zarco
    Pol Espargaro

    Aprilia Gresini:
    Aleix Espargaro
    Andrea Iannone

    Tech3 KTM:
    Miguel Oliveira
    Hafizh Syahrin

    LCR Honda:
    Cal Crutchlow
    Takaaki Nakagami

    Pramac Ducati:
    Francesco Bagnaia
    Jack Miller

    Avintia Ducati:
    Karel Abraham
    Tito Rabat

    Petronas Yamaha Sepang Team:
    Franco Morbidelli
    Fabio Quartararo

  • MotoGP: infortunio per Jorge Lorenzo, stop ai test

    Partenza in salita per il nuovo pilota Honda HRC, Jorge Lorenzo, operato per una frattura allo scafoide sinistro rimediato durante una sessione di Dirt-Track in Italia. Jorge è già stato operato dal dottor Mir, ed ha iniziato il periodo di recupero, che però lo terrà lontano dai prossimi test di Sepang. Inizio quindi travagliato per il pilota, che però posta una foto sorridente dal letto ospedale.

    Durante l'operazione gli è stata inserita una placca di metallo, con un post operatorio di 4 giorni e poi il percorso riabilitativo. Jorge sarà comunque presente alla presentazione della nuova Honda RCV213V, che prenderà il via al campionato MotoGP 2019. I suoi test di adattamento alla Honda ripartiranno dai test di Febbraio a Losail, uno stop importante per il pilota che voleva presentarsi al via del campionato già nella condizione migliore per affrontare il nuovo compagno di squadra e campione del mondo Marc Marquez.