fbpx
Custom rider
Categoria: trafiletti

Ogni anno in Italia si vendono centinaia di quei manubri chiamati ape hanger, quelli che ti fanno viaggiare con le braccia appese come una scimmia.

Ma recenti studi hanno stabilito con certezza che è impossibile che il motociclista italiano, per conformazione fisiologica, o restando in tema motociclistico per le sue proprie geometrie ciclistiche, possa guidarle. Ve ne diamo una prova.

Basta andare sul sito del The Distinguished Gentleman's Ride, la cavalcata motociclistica dedicata allo stile e alla raccolta fondi per la ricerca contro alcune patologie maschili, e rendersi conto che qualcosa non quadra. Ovviamente in molti buttano l'occhio prima sul carattere stilistico e gogliardico della bella cavalcata, motociclisti stilosi, vestiti eleganti e con moto classiche, café racer o comunque che diano un tocco di colore alla manifestazione. Barbe e baffi curati, e l'impressione di essere attori di un film in cui il tempo si è fermato.

Dove sta il problema? Sta sul sito del Distinguished, dove si può vedere quanto ha raccolto ogni punto di ritrovo italico, si ha l'impressione che anche la mano si sia fermata mentre andava verso il portafogli, una pinzata decisa o forse non ci arrivava, difficoltà kinesiologiche. Ci sono punti di ritrovo dove la raccolta fondi è a zero, oppure dove c'è una media raccolta di 4€ a motociclista. E' imbarazzante per quei ritrovi, come è imbarazzante che il popolo motociclista, da sempre tra i più generosi nelle manifestazioni benefiche, debba essere annacquato da imbucati travestiti da motociclisti.

Più che italiani si ha l'impressione di essere ad una riunione di "portoghesi", non quelli del Portogallo, ma del classico italiano imbucato.

Qualcuno deve aver travisato il carattere del The Distingued Gentleman's Ride, o forse qualcuno, più d'uno, deve aver proferito il classico slogan italico "faccio quello che mi pare". Certo se invece che in moto per le strade se ne stessero a casa, i veri motociclisti, quelli con cuore e anima, non ne sentirebbe la mancanza.

 

 

 

Back To Top