fbpx
Enea Bastianini
Categoria: Sport

Sul circuito di Le Mans il campionato MotoGP ritrova il suo giovane e improvvisato talento, mentre Ducati incappa nuovamente in un brutto risultato di Pecco Bagnaia, cambia qualcosa per il futuro del team ufficiale?


E’ il difetto di Pecco quello della caduta facile, causa principale lo scorso anno della mancata vittoria del titolo, arriva per il nostro pilota quasi sempre nei momenti cruciali e quasi sempre mentre sta battagliando per la vittoria. Con un primo posto in griglia e una gara quasi tutta a dettar ritmo e classifica, anche questa volta ha dovuto abbandonare i suoi sogni tra ghiaia ed asfalto, mentre i suoi avversari, campioni di regolarità, tirano un sospiro di sollievo per il mancato rientro.

Bagnaia vs Miller


IL RISPETTO E' TUTTO: ma Bastianini non ne ha nemmeno un po'

Nel frattempo in casa Ducati continuano le prove di candidatura per la prossima line-up, se qualcuno non lo avesse capito c’è un nome su tutti che gira segretamente tra gli esperti, un pilota che dicono vada molto forte, anzi va proprio di “bestia”! Enea Bastianini, reo di mancare di rispetto a tutta la ciurma ufficiale, è ormai un po’ di più che un fuoco di paglia. Tre vittorie all’attivo, manca solo di quella proverbiale continuità nelle posizioni di alta classifica che gli permetterebbe di stare davanti anche all’attuale campione del mondo. Candidato capitano?

Campione del mondo che non spreca una goccia del nettare sublime della corsa al titolo, Quartararo unico interprete della Yamaha M1 che l’anno prossimo rischia di diventare una presenza ristretta, non può fare miracoli con una moto che ha detta di tutti manca dei numeri per ambire al titolo. Ma Quartararo ha la stessa peculiarità dei campioni del mondo, come ad esempio Marc Marquez, non cade e capitalizza tutto. La differenza la fanno tutti quei punti raccolti per strada senza sprecare una sola gara, perché come hanno insegnato le ultime due stagioni vincere, le gare, non è tutto.

Bagnaia vs Bastianini


LA GARA: Pecco in fuga inseguito da una Bestia

Gara che parte all’insegna di Jack Miller e di Rins, Pecco è terzo ma mette in mostra subito i muscoli e regola rapidamente i due avversari. Nel gruppo di quelli che contano ci sono anche le Suzuki, e tutti si mettono all’inseguimento di Pecco. La rimonta di Bastianini parte all’undicesimo giro con il sorpasso a Miller, poi arriva su Bagnaia ed è subito evidente che ne ha di più. Il sorpasso avviene a sette giri dalla fine, Pecco recupera ma poi va lungo e spalanca la via a Bastianini. Tutto sembra ormai finito, serve gestire, ma Pecco a sei giri dalla fine perde l’anteriore e termina la sua gara a zero punti. Le numerose cadute anche davanti danno modo ad Aprilia di salire di nuovo sul podio e accorciare le distanze dal capolista.

Aprilia quindi ancora tra i migliori, in attesa del balzo in avanti di Vinales, si gode Aleix Espargarò, si gode la vista dalla vetta della classifica, e racimola le banconote per pagare il riscat… il contratto ad Aleix, niente di meno sarebbe giusto. A Noale si fanno grandi moto, ci sono grandi passioni, ed è arrivato il momento di godersi quelle carene nere con il nome Aprilia tra quelli che contano.

Aleix Espargarò


MARC MARQUEZ: recupero lontano... o è Tokyo troppo lontana?

Altra domenica incolore per Marc Marquez. Colpa della moto, colpa dello stato di forma, difficile dirlo, ma in Honda nonostante l’impegno ad accasare uno dei due piloti Suzuki, non possono ignorare le indicazioni del pilota che ha regalato a Tokyo un vero e proprio dominio, l’unica incognita è… dov’è il bandolo della matassa?

Prossimo appuntamento con la MotoGP è tra un paio di settimane al Mugello, ma nel frattempo ci possiamo godere il round dell’Estoril della Superbike, scintille e botte in pista?

Link a risultati e classifiche della MotoGP

Classifica MotoGP Francia

 

 
Back To Top