fbpx
Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Martedì, Mar Gen 2021

"parlare chiaro."

Il titolo sembra da Valentino arrabbiato, come molti si prefiguravano nel dopo gara per quel sorpasso irrespettoso del Sic, invece dovete immaginarvelo con quel po' di accento romagnolo, mentre se la ride e aggiunge "... adesso non posso fare niente, ma appena ho la moto che va il Sic deve stare attento...". Come dice un famoso comico "Sono solo ragazzi...".


World Superbike

Classifica Gara 1:
1. Carlos Checa - Ducati Althea
2. Marco Melandri Yamaha
3. Noriyuki Haga - Aprilia PATA
4. Eugene Laverty - Yamaha
5. Leon Haslam - BMW
6. Sylvain Guintoli - Ducati Effenbert-Liberty
7. Joan Lascorz Kawasaki
8. Leon Camier - Aprilia
9. Ayrton Badovini - BMW Italia
10. Jonathan Rea - Honda
11. Tom Sykes - Kawasaki
12. Mark Aitchison - Kawasaki Pedercini
13. James Toseland - BMW Italia
14. Roberto Rolfo - Kawasaki Pedercini
15. Troy Corser - BMW
16. Michel Fabrizio - Suzuki
17. Makoto Tamada - Honda

Classifica Gara 2:
1. Tom Sykes - Kawasaki
2. Sylvain Guintoli - Ducati Effenbert-Liberty
3. Jakub Smrz - Ducati Effenbert-Liberty
4. Jonathan Rea - Honda
5. Eugene Laverty - Yamaha
6. Marco Melandri - Yamaha
7. Ayrton Badovini - BMW Italia
8. Carlos Checa - Ducati Althea
9. Leon Haslam - BMW
10. Maxime Berger - Ducati Supersonic
11. Joan Lascorz - Kawasaki
12. Troy Corser - BMW
13. Roberto Rolfo Kawasaki Pedercini

Classifica piloti:
1. Carlos Checa 376
2. Marco Melandri 302
3. Max Biaggi 281
4. Eugene Laverty 232
5. Leon Haslam 176
6. Leon Camier 154
7. Michel Fabrizio 141
8. Sylvain Guintoli 139
9. Ayrton Badovini 134
10. Noriyuki Haga 115
11. Tom Sykes 114
12. Jonathan Rea 113
13. Joan Lascorz 111
14. Jakub Smrz 109
15. Troy Corser 67

 


MotoGP

Classifica Gara:
1. Jorge LORENZO - Yamaha
2. Dani PEDROSA - Honda
3. Casey STONER - Honda
4. Marco SIMONCELLI - Honda Gresini
5. Andrea DOVIZIOSO - Honda
6. Ben SPIES - Yamaha
7. Valentino ROSSI - Ducati
8. Alvaro BAUTISTA - Suzuki
9. Hector BARBERA    - Ducati Aapar
10. Cal CRUTCHLOW    GBR - Yamaha Tech 3
11. Hiroshi AOYAMA - Honda Gresini
12. Karel ABRAHAM - AB Motoracing Ducati
13. Colin EDWARDS - Yamaha Tech 3
14. Randy DE PUNIET - Ducati Pramac
15. Toni ELIAS - Honda LCR

Classifica piloti:

1. Casey STONER 259
2. Jorge LORENZO 224
3. Andrea DOVIZIOSO 185
4. Dani PEDROSA 150
5. Ben SPIES 135
6. Valentino ROSSI 133
7. Nicky HAYDEN 105
8. Marco SIMONCELLI 93
9. Colin EDWARDS 87
10. Hiroshi AOYAMA 82
11. Hector BARBERA 69
12. Alvaro BAUTISTA 57
13. Karel ABRAHAM 50
14. Toni ELIAS 47
15. Cal CRUTCHLOW 45


MotoGP e World Superbike, doppio turno e doppio spettacolo. Lo spettacolo a dire il vero poteva essere triplo, ma Gara 2 della Superbike sotto un nubifragio è stato pessimo, con l'aggiunta di un pasticciaccio della direzione gara.

Vediamo di farla breve, se no tra pagelle e commenti diventa un romanzo mattone. Vi faccio un minestrone di MotoGP e Superbike, un po' come mangiare la nutella con la mostarda!

Cosa è piaciuto:
Lorenzo 10. Guida come un diavolo!

Sic+Dovi+Spies 10. In pochi giri danno tutta la soddisfazione di un'intera gara, che numeri!

Rossi 8. Fa 2 giri funambolici con cui risale fino al 5° posto.

Haga 10. Solo perchè quando ha la moto ed è in palla fa cose che nessun'altro può!

Checa 9. Gara 1 pressochè perfetta, gara 2 a non rischiare, visto che non ce n'è bisogno.

Spirito romagnolo al microfono Rossi-Sic 10. Fanno sembrare la patinata MotoGP come la festa della piadina con tanto di gara di kart.

Spettacolo Superbike 8. Inferiore a quello della MotoGP? Macchè, quando si è abituati troppo bene però...

Cosa non ci è piaciuto:
Biaggi 5. Dice di aver vinto il campionato della sfortuna quest'anno, ma il suo terzo posto in campionato, e il primo di Checa, è tutt'altro che determinato dal fato.

Preziosi 4. Paga la gaf fatta in settimana desiderando Stoner sulla sua moto, con una serie di dichiarazioni pro-Valentino da far venire il diabete.

Direzione gara Superbike 2. Ferma la gara dopo il nubifragio che ha atterrato un Haga proiettato verso una stra-meritata vittoria.

Tribuna Nurburgring 4. Troppo vuota

Pedrosa 2. Si fa pubblicità da solo e conferma quanto già detto in settimana, la moto con cui vince Stoner l'ha fatta lui, a casa sua col kit del piccolo motociclista


Fin qui non ci avete capito niente gisuto? Bene, continuiamo così.

La gara della MotoGP è stata bella, i piloti erano un po' appannati dall'umidità della palude padana, ma in pista si sono viste belle sportellate. L'episodio del mitico "Il Sic è un bas...do" esclamato col sorriso sulle labbra da Rossi, la dice lunga sulla diversa concezione che c'è in certi piloti della lotta un po' maschia in pista. I commentatori pensavano che il re si sarebbe arrabbiato per tanta irrespettosa irruenza del Sic, ma è stato tutto il contrario.
E anche l'esclamazione del Sic sulla sua cattiva partenza "Sono un patacca, ho pasticciato con il controllo di partenza...", fa il paio con una simpatia che ci sembra sconosciuta ai piloti di altre nazionalità, ma forse anche delle altre regioni d'Italia.

Corsa bella, un Lorenzo imperioso che ha voluto portare a casa una vittoria stroncando fisicamente il suo avversario, ancora una volta alle prese con una tenuta fisica non perfetta.
La cosa più bella comunque è stata la lotta a 3 tra il Dovi, il Sic e Texas Terror, anche se ai commentatori italiani viene bene dimenticare l'americano intruso, che per poco invece non gli riesce di fregare tutti.


In Germania invece la Superbike ci ha regalato un Haga nuovo di zecca, in sella ad un'Aprila che comincia a fare quello che vuole lui. E quello che vuole fare il giapponese sono cose pazzesche, traiettorie che nessun'altro riesce a fare. Non si capisce come ci riesca. Infastidisce Checa nei primi giri di Gara 1 e guida come un demonio sull'acqua in Gara2. Diverte, diverte come lui sa fare.
Certo, Checa appare come se gareggiasse per conto suo, non da distacchi enormi, ma sono delle certezze. Tranquillo, pulito, senza foga, la 1198 non ha mai avuto interprete più efficacie (re Bayliss permettendo).
Gara 2 sarebbe stata di Haga, ma la direzione gara ha deciso di aspettare che il giapponese cadesse prima di interrompere la gara per eccessiva pioggia... che ormai non c'era più, regalando così la prima vittoria alla verdona e a Tom Sykes.
Peccato per Max, a cui un detrito preso in pista il Venerdì ha causato una micro frattura molto dolorosa la piede, che non gli ha permesso di salire in moto. Passa terzo in campionato, pronto a cedere la tabella numero 1.

Insomma, bel week end. La termino qui senza dilungarmi. Rimangono in testa 2 grosse questioni, una per campionato.
Preziosi dopo aver ringraziato in tutti i modi Rossi e aver dichiarato che è un leone in gabbia si traferisce al Mugello per i test di nuove soluzione per il 2012. A noi tutte queste spinte verso l'uso obbligatorio di alluminio non interessano, l'allumionio non è la soluzione a tutti i problemi. Però, oltre a ringraziare Valentino, gli darà anche una moto competitiva?
La Infront Motorsport è stata acquisita dallo stesso gruppo finanziario che possiede buona parte della Dorna. Cosa succederà adesso? Verrà mantenuta l'identità e l'indipendenza dei campionati? O verrà forzata la Superbike a non infastidire la MotoGP?

A noi interessa solo il tempo sul giro.

Quindi sempre giù del gas ma mi raccomando... selezionate la mappatura "brain"!

Wolf