Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Venerdì, Ven Apr 2020

MotoGP test Sepang

Test della MotoGP a Sepang terminati, con il rrokie dell'anno 2019 ancora in testa dopo la tre giorni di prove.

Fabio Quartararo ha regolato nei test gli avversari sia nella seconda che nella terza giornata, migliorando progressivamente i tempi, chiudendo l'ultima con un 1.58.349 a soli 82 millesimi di vantaggio di Cal Crutchlow.

Il giovane pilota francese ha testato sia la moto in configurazione 2019 che la nuova Yamaha M1 2020, facendo segnare sostanzialmente gli stessi tempi. Il focus sulle Yamaha è molto forte, viste le prestazioni della moto di Iwata del 2019, con buone prestazioni che si sono via via concretizzate a fine stagione 2019, ma con grosso gap di motore da chiudere rispetto a Honda e Ducati, ma in qualche caso anche con moto meno quotate, i piloti attendono un grosso salto che per ora non sembra esserci stato.

Lo chiarische Valentino Rossi quando commenta la nuova moto 2020, con miglioramenti in molti settori, elettronica, telatio, e grip, punto focale per Valentino, ma che serve un grosso salto sulla potenza erogata, restano ben impresse le immagini di confronto tra Quartararo e Marquez, con la Honda che sul rettilineo svernicia in maniera netta la moto dei tre diapason.

Calssifica dei test che comuqnue non chiarisce i valori in campo, Marquez resta in posizione di retrovia quasi a nascondersi, e nelle posizioni che seguono Quartararo si trovano un po' tutte le case, Ducati, Ktm, Suzuki, solo Aprilia con la nuova moto resta attardata nell'ultima giornata, anche se nella seconda si era piazzata col decimo tempo di Aleix Espargaro.

Grande fermento nei box per l'ottima performance di Dani Pedrosa in veste di collaudatore KTM, nella seconda giornata si è piazzato terzo a soli 9 centesimi dal primo, e per la presenza di un Jorge Lorenzo in veste di collaudatore e coatch, ha fatto il giro del mondo la foto di Jorge che da consigli a Valentino Rossi, il quale ha commentato di averlo trovato strano ma di grande importanza per lui e per la Yamaha. Il maiorchino è sceso in pista solo l'ultimo giorno facendo segnare il ventesimo tempo.

Classifica terza giornata
1. Fabio Quartararo    - Petronas Yamaha (YZR-M1) 1m 58.349s
2. Cal Crutchlow - LCR Honda (RC213V) +0.082s
3. Alex Rins - Suzuki Ecstar (GSX-RR) +0.101s
4. Francesco Bagnaia - Pramac Ducati (GP20) +0.153s
5. Valentino Rossi - Monster Yamaha (YZR-M1) +0.192s
6. Danilo Petrucci - Ducati Team (GP20) +0.257s
7. Pol Espargaro - Red Bull KTM (RC16) +0.261s
8. Jack Miller - Pramac Ducati (GP20) +0.267s
9. Aleix Espargaro - Factory Aprilia Gresini (RS-GP) +0.345s
10. Joan Mir - Suzuki Ecstar (GSX-RR) +0.387s
11. Miguel Oliveira - Red Bull KTM Tech3 (RC16) +0.415s
12. Marc Marquez -  Repsol Honda (RC213V) +0.423s
13. Franco Morbidelli - Petronas Yamaha (YZR-M1) +0.489s
14. Andrea Dovizioso - Ducati Team (GP20) +0.510s
15. Johann Zarco - Reale Avintia (GP19)    +0.602s
16. Alex Marquez - Repsol Honda (RC213V)* +0.693s
17. Brad Binder - Red Bull KTM (RC16)* +0.755s
18. Maverick Vinales - Monster Yamaha (YZR-M1) +0.820s
19. Tito Rabat - Reale Avintia (GP19) +1.200s
20. Jorge Lorenzo - Yamaha Test Rider (YZR-M1) +1.348s
21. Bradley Smith - Aprilia Test Rider (RS-GP) +1.492s
22. Takaaki Nakagami - LCR Honda (RC213V) +1.511s
23. Iker Lecuona - Red Bull KTM Tech3 (RC16)* +1.549s
24. Sylvain Guintoli - Suzuki Test Rider (GSX-RR) +1.751s
25. Mika Kallio - KTM Test Rider (RC16) +1.799s
26. Yamaha Test Bike #1    N/A    Yamaha Test Rider (YZR-M1) +2.774s
27. Takuya Tsuda - Suzuki Test Rider (GSX-RR) +5.325s