Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Lunedì, Lun Apr 2020

Gilet riscaldato CAPIT WARMME

L’inverno in moto non è più un problema grazie alla tecnologia che ha reso più facile la vita degli irriducibili motociclisti.


Tra questi capi uno dei più interessanti è il gilet riscaldato WARMME di Capit. Non una novità in assoluto, avevamo avuto occasione di testare proprio la prima versione ormai sei anni fa, ma comunque un prodotto che anno dopo anno ha riscosso sempre più successo e naturalmente una costante evoluzione fino all’attuale versione; più bella e più funzionale.
L’estetica forse potrebbe sembrare secondaria in un capo del genere, eppure la cura riposta anche in questa direzione ha permesso di rendere utilizzabile il gilet come capo per tutti i giorni: per lavoro, sport e tempo libero, non necessariamente sotto a cappotti o giacche.

Capit

Rimane il tessuto laminare Softshell per lo strato esterno che con le sue caratteristiche di traspirabilità ed elasticità, unite alla sua capacita di isolamento e protezione, permette di regolare la temperatura corporea, proteggendo dalla pioggia e dal vento.
Nello strato intermedio è presente lo strato termoconduttivo che serve alle quattro resistenze, due al petto e due sulla schiena (Tratto dorsale e lombare) per diffondere meglio il calore generato.
Lo strato più interno è costituito da una morbida fodera su cui sono applicate le due tasche interne (Una che contiene la batterie e relativo cavo di collegamento) chiuse da velcro.

Gilet Capit

All’esterno, proprio per rendere ancora più pratico l’utilizzo nel tempo libero le tasche sono diventate tre, due in posizione classica e una al petto lato cuore, chiuse da eleganti cerniere YKK in contrasto di colore.
Due cerniere laterali invece permettono di personalizzare al massimo la taglia per far aderire bene il gilet al corpo (Regolabile su due taglie, accoppiate dalla XXS alla 5XL)
Comodo indossato e con un collo alto, morbido, per proteggere bene dal freddo evitando ogni spiffero da sotto il casco. Le resistenze non si percepiscono minimamente e anche l’alloggiamento della piccola, ma potente, batteria (ioni di litio LIPO 3000 mAh) ben posizionato non disturba minimamente. Una potenza che permette una notevole autonomia che va dalle 3 alle 7 ore secondo il livello di temperatura, tra i tre disponibili, scelto.

Warmme Gilet

Batteria ricaricabile con caricabatterie dedicato
Praticissimo l’uso con un unico pulsante “easy touch”, al petto sul lato destro: una pressione  prolungata attiva le resistenze con il pulsante che si illumina di rosso con livello massimo di calore, una pressione e diventa giallo per la temperatura intermedia, un’altra pressione e la luce diventa verde per il livello minimo e così via a ricominciare il giro.
Una pressione prolungata spegne il sistema.
Indossato sotto una giacca tecnica permette di limitare i capi sottostanti evitando l’effetto fagotto. anche con temperature esterne prossime allo zero è spesso sufficiente il livello minimo, magari dopo un breve periodo di massima intensità per dare un calore che poi potrà essere semplicemente mantenuto a tutto vantaggio di una durata che di solito corrisponde con la durata di una normale uscita invernale in moto.
Il compagno ideale per l’uso della moto in inverno, ma anche per le passeggiate a piedi o in bicicletta, per lo sci, e in qualunque situazione, anche lavorativa, in ambienti freddi che necessiti di libertà di movimento.

Warmme

L’avevamo apprezzato e utilizzato in tutti questi inverni e il nuovo modello è solo riuscito a migliorare e superare il suo precessore.
L’inverno non fa più paura con il gilet riscaldato Warmme di Capit.

Tutta la gamma sul sito CAPIT

Foto di Roberto Serati

GALLERY



Flap
Profilo

Potrebbe interessarti anche:
Capit Guanti Moto WarmMe – Test aMotoMio
Guanti da Moto riscaldati Ixon - test anteprima aMotoMio