fbpx
Ducati MotoE
Categoria: Biker World

Il salone della moto 2022 ha sancito la quasi parità tra l’endotermico e l’elettrico, non tanto dal punto di vista del numero di modelli ma dal numero di novità, è pari patta?


Non esattamente, il salone ha di fatto annunciato anche attraverso le case più blasonate che l’elettrico avanza anche nel motociclismo, seppur con i limiti che tutti ben conosciamo, dall’autonomia di marcia, da qualche casa quasi parificata, alla mancanza di una rete di ricarica lontanamente sufficiente e abbastanza veloce. I limiti dell’elettrico si sono già visti in alcuni paesi che hanno già sposato i motori elettrici in maniera più consistente, con black-out notturni e in generale problemi di approvvigionamento di energia.

Energica Ego

Inoltre è venuto a galla in questo EICMA 2022 quanto già annunciato da Tavares, AD del gruppo FCA, il quale ha lanciato l’allarme su questa marcia forzata verso l’elettrico che metterà in mano il mercato ai colossi cinesi, annullando quel vantaggio di background ingegneristico sui motori che ancora oggi, sull’endotermico, mette auto e moto cinesi almeno due passi dietro ai nostri.

Elettrika salsa quindi, in effetti si in tutte le forme, qualcuno credibile, qualcuna no. In testa ovviamente due brand ormai di lunga data, si parte con Energia che ormai progetta e costruisce motociclette elettriche di fascia premium e che presenta la Experia, la prima enduro stradale per i lunghi viaggi, con numeri a livello di prestazioni e autonomia davvero da riferimento: 75Kw/102cv, 115 Nm, autonomia in extraurbano di 208Km. La produzione della casa italiana riceve in generale molti aggiornamenti, forti ormai di un brand riconosciuto in tutto il mondo.

Energica Experia Forze di Polizia

Le fa eco Zero Motorcycles, anche lei con la presentazione di una explorer davvero credibile, la DSR/X, anche lei con 75Kw e un’autonomia di 172Km in extraurbano. La differenza per queste primatiste la fanno l’evoluzione delle batterie e il miglioramento continuo sui motori, due primati che si guadagnano solo con l’esperienza.

Interessante poi l’arrivo della Stash di Vmoto, un veicolo elettrico che rompe un po’ gli schemi sia di continuità che di discontinuità con la tradizione delle moto. La Stash coniuga l’estetica e l’impostazione di una moto tradizionale, con alcune caratteristiche degli scooter dal punto di vista della praticità. Le prestazioni sono adatte ai giovani, ma anche agli adulti, con un'impostazione costruttiva che strizza l'occhio all'ambiente.

elettrica Aprilia

Il segno però è stato oltrepassato grazie alle case “tradizionali”, che si affacciano finalmente al mercato elettrico con modelli per lo più non definitivi, ma che danno bene il segno di quello che bolle in pentola. Carrellando ci siamo imbattuti nel prototipo Ducati che prenderà il via nel campionato MotoE 2023, un prototipo si ma da gara, Kawasaki ha portato una Z e una Ninja elettrificate, Honda presenta il suo primo scooter elettrico a listino l’EM1e:, Aprilia espone il suo primo concept elettrico. Insomma tanto elettrico nel futuro, anche se alcune case coraggiosamente si spingono là dove nessun motociclista è arrivato prima, come Kawasaki con il suo prototipo ibrido a idrogeno.

Poi scooter, scooter, scooter, il mondo dove per ora questa energia si muove meglio, tra i tragitti utilitaristici, tra i giovani che cresceranno puri dalla nostra cultura sporcacciona, come lo è però un bel piatto di polenta e brasato sul passo di montagna, e con un punto di ricarica agevole. Li per ora regnano per stile e qualità marchi come l’italiana Askoll, Niu o Vmoto, oppure Peugeot e Lambretta. Marchi in grado di offrire anche un post vendita e un’esperienza rassicuranti per questa nuova tecnologia.

elettrica Cake

Stand di case del far-east a decine, con idee molto accattivanti, ma che attraggono meno dell’eccentrico Cake, un’azienda svedese che si è votata si all’elettrico, ma facendosi 1000 domande su quale sia l’impatto ambientale nella costruzione di un veicolo, anche elettrico. Il risultato è stato quello di spogliare di tutto il superfluo un veicolo elettrico nato per il settore commerciale, lasciando solo l'essenziale e lasciando l'ambiente più pulito. Della serie, se green deve essere, che lo sia davvero.

wolf

 

 
Back To Top