Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Venerdì, Ven Apr 2020

Un pensiero

Ci sono momenti in cui un pensiero per alcune persone passa veloce e ti riporta indietro con il tempo.


Può essere di pochi o molti anni, non importa, quello è vivido e intenso e non ti abbandona.
Non ho il culto dei morti, non amo visitare i cimiteri e i defunti, nemmeno a volte i parenti più stretti, preferisco lasciarli nei miei ricordi da vivi e pensarli con dolce nostalgia e rispetto.
I ricordi che spuntano così, senza preavviso, magari una parola, un oggetto, una situazione e di colpo ti ricordi piccoli aneddoti e momenti vissuti con quella persona.
Magari Renato, Presidente del locale Motoclub del paese dove abitavo e che ho frequentato negli anni ’80 e ’90.
Uomo semplice, ma con una personalità unica come la sua cortesia e correttezza, capace di unire tante persone diverse sotto la stessa passione.
Oppure Chiara, Amica Torinese a cui la Moto ha tolto tanto e attraverso la quale ha provato a ricostruire un po’ della sua vita che purtroppo non è stata lunga abbastanza.
Tino motociclista e amico Piacentino capace con un sorriso di cambiare la giornata, sempre disponibile e con una educazione esemplare.
E Enrico che insieme al padre e al fratello portava avanti la tradizione Triumph nella provincia Milanese, tanta passione e una simpatia immediata che spuntava dal suo perenne sorriso.
Marcello, schivo giornalista, di una sensibilità estrema, capace di dividere la sua passione per l’acqua e per le immersioni con quella più rumorosa delle moto.
Sempre alla ricerca del bel scrivere e della precisione con una cura che nascondeva la sua fragilità.
Persone che ho conosciuto  attraverso la moto, quell’oggetto a due ruote per molti pericoloso, un mezzo bellissimo che però ha tolto amici sinceri.
Non importa per colpa di chi o di cosa il risultato ultimo è purtroppo lo stesso.
La moto che per nessuno dei quattro amici nominati è stata la causa della loro dipartita, solo un destino scritto da chi sa chi, su cui non abbiamo ne conoscenza ne potere.
A noi non resta che il ricordo, sempre piacevole, dei momenti condivisi, pochi o tanti che siano, quelli che sono riusciti a incastonarsi come pietre preziose nello scorrere della nostra vita.
Un pensiero che ogni tanto ricorre e che fa bene al cuore.

Flap