fbpx
Pecco Bagnaia a Silverstone
Categoria: Sport

A Silverstone la MotoGP mette in scena una delle gare più spettacolari della stagione, ne esce un Pecco Bagnaia inaspettato, ma c’è soprattutto un Maverick Vinales tornato a volare radente vicino al gradino più alto del podio.


I presagi del week end non erano stati del tutto buoni per Pecco, capace di far accapponare la pelle ai suoi boss e alla fidanzata nel giro al WDW, ma non proprio in palla nelle diverse fasi del week end. Ha aleggiato per qualche tempo lo spettro di inizio campionato, con Pecco in difficoltà a tenere il ritmo di altre Ducati, ma in questa domenica inglese ha saputo reagire in maniera concreta e dura, non con una gara esplosiva ma con una progressione che ha messo in luce ancora una volta il modo consistente che ha di condurre una gara.

Bagnaia e Alex Rins

LA GRANDEUR FRANCESE DI QUARTARARO: meglio la tecnologia italica

Ne esce sconfitto invece Fabio Quartararo, che già azzoppato da un Long Lap inflitto per il pasticcio della precedente gara, pensava comunque di mettere in mostra i muscoli recuperando posizioni, sbrigando la penalità per ripresentarsi tra i primi a battagliare magari per il podio, se non per la vittoria in nome della gradeur francese. Ma bloccato inizialmente da Zarco e poi sfilato da una lunga serie di piloti quasi fosse un casello autostradale, ha mostrato i soliti vecchi limiti, suoi o della Yamaha, quando si trova nel traffico. La cosa è costata parecchi punti al francese e ora i conti si fanno su quel pallottoliere che si assottiglia, e su nervi saldi che potrebbero saltare in vista delle ultime lunghe otto gare. C'è ancora spazio per sognare?

aleix espargaro a silverstone

Tra i due come è solito da un po’ di gare c’è Aprilia, ma questa volta quella sbagliata, quella di Maverick Vinales, in ottima evidenza già nell’ultima gara ha voluto mettere in chiaro che non è stata una puntatina saltuaria, ma quella che si prepara a diventare una presenza costante, come quella del compagno di squadra Aleix Espargarò, che oggi non è stato all’altezza ma solo per i problemi fisici derivati dalla caduta di ieri. Nonostante tutto è riuscito a farsi rubare un solo punto da Quartararo, una gestione di grande qualità da parte di un pilota che trovata la moto giusta, ha affilato tutte le qualità che deve avere un grande campione. Poi ci sono quelle due moto nere opaco, belle, veloci, e che iniziano a piacere agli italiani tanto quanto quel rosso passione classico, come un nero pirata, un nero corsaro.

LA GARA: Pecco vola ma Maverick lo intercetta

Gara partita all’insegna di Zarco, poleman del week end, inseguito da Quartararo che ha cercato di scavalcarlo per poter guadagnare metri in vista del long lap penalty, ma senza successo. Su Zarco quindi incombono Miller e Alex Rins, che nella prima parte di gara è una furia, e riesce a portarsi in testa, anche grazie alla caduta di Zarco. Nella seconda parte di gara è il turno di Pecco, che passa sia Rins che il compagno Miller a nove giri dalla fine. Nell’ultimo quarto di gara è il turno di uno scatenato Vinales, che fulmina Martin, Rins e Miller, e nel penultimo giro arriva anche a battagliare per la vittoria con Bagnaia, che però reagisce al suo sorpasso e poi lo tiene a distanza fino al traguardo.

maverick vinales a silverstone

Le pagelle:
Bagnaia 9: non è perfetto, ma abbastanza per afferrare con sicurezza una gara fin lì dubbia
Vinales 8: torna ad emozionare, e il connubio con Aprilia fa sognare
Quartararo 5: partenza fulminea e poi… troppo poco
Bastianini 8: rimontona per il pilota candidato alla seconda guida Ducati, sarà davvero tornato?
Alex Rins 7: sembra lui il canto del cigno della Suzuki, incanta nella prima parte di gara e poi affonda
Aprilia 10: è ormai una certezza che può permettersi di lottare con i primi ad ogni gara, manca solo qualche vittoria

Risultati e classifiche

classifica motogp silverstone 2022

 

 

 

 

Back To Top