fbpx
Toprak Ragzatlioglu stoppie
Categoria: Sport

La data francese della Superbike ha regalato agli appassionati un passaggio di testimone importante, nonostante il colpo di scena finale, con tre gare vinte in pista in una sfida corpo a corpo tra Toprak Ragzatlioglu e Jonathan Rea, il turco allunga le mani sul titolo.


Retrocessione o meno nella Superpole Race, che Toprak fosse un fuoriclasse era ormai certificato, la corte fatta da Yamaha e la voglia di trasbordarlo in MotoGP, oltre che le tante buone prestazioni messe insieme già dai tempi di Kawasaki, la dicevano lunga sul pilota turco. Ma il confronto con Jonathan Rea, una specie di professore monello che è sempre sembrato giocare al gatto con il topo, sembrava un po’ troppo per lui e per una Yamaha che sembrava non maturare mai. Ma qui a Magny-Cours, più che in qualsiasi altro confronto sembra quasi essersi consumato un passaggio di consegne. La sicurezza e la certezza con cui in tutte le gare Toprak ha battuto Rea, non lasciano molti dubbi.

Ragzatlioglu vs Rea


JONATHAN REA: dietro a Toprak come essere a scuola

Bella e sibillina la frase di Jonathan Rea, un sei volte campione del mondo della Superbike capace di dichiarare che dietro a questo giovane pilota che deve ancora incassare il suo primo titolo, è come andare scuola, c’è tanto da imparare. E in effetti lo stile aggressivo straccia freni di Toprak si è dimostrato più efficacie di quello di Johnny.

Jonathan Rea ci ha provato, se non in Gara1 almeno in Superpole Race e in Gara2, ma con questo Toprak la Superbike per Rea diventa difficile. Una preoccupazione per Johnny è diventata questa Kawasaki, che sembra nel giro di un paio di anni aver perso i suoi punti di forza. Era la moto che girava in un fazzoletto e che frenava forte, ma oggi la moto che gira meglio e frena meglio è la Yamaha. In più Kawasaki soffre ancora di quello strano meccanismo per limitare le moto che vincono, in questo caso evidente negli effetti negativi e disomogenei con la Kawasaki di Rea che incassa una delle velocità di punta più bassa tra i top rider.

Superbike Magny-Cours partenza


LE GARE DELLA SUPERBIKE: colpo di scena, quei millimetri sul verde

Gara1 che è un assolo di Ragzatlioglu, il turco resta dietro Rea per soli tre giri, poi passa e non lascerà mai nessuna occasione al nordirlandese di replicare. L’arrivo è sul traguardo con un splendido stoppie. Alle sue spalle bello il dualismo tra Lowes e Locatelli, che grazie alla caduta dell’inglese regala il podio al nostro connazionale.
Superpole Race più emozionante, in partenza Ragzatlioglu prende subito il comando e ci si aspetta una fuga, ma Rea lo tallona da vicino per tutti i 10 giri, sembra in effetti averne per passare, ma solo all’ultimo giro rompe gli indugi con un sorpasso capolavoro, ma due curve dopo Ragzatliglu lo ripassa e chiude davanti. Il colpo di scena però alcune ore dopo, per uno sconfinamento millimetrico la direzione gara assegna la vittoria a Rea e retrocede Ragzatlioglu, il regolamento non ammette tolleranze.
Gara2 in cui Rea ci riprova, perde la prima posizione, la riconquista nel secondo giro e tiene la posizione per quasi metà gara, poi Ragzatlioglu passa e dopo una serie di sorpassi corpo a corpo  pian piano abbandona Rea, passando il traguardo su una ruota sola… questa volta quella posteriore.

Toprak Ragzatlioglu Magny-Cours


TOPRAK RAGZATLIOGLU con un piede già in MotoGP?

Gara che ci racconta quindi questo passaggio di consegne, ci racconta anche di una Ducati ancora debole, solo in Gara2 finalmente Redding è salito sul gradino del podio. Se dopo le tre vittorie della gara precedente si era pensato a un suo ingresso tra i contendenti al titolo Superbike, questa gara ha smorzato gli animi. Ducati che non trova la via in MotoGP come in Superbike.

Poco da segnalare per gli altri piloti, continua a brillare Andrea Locatelli, il nostro pilota resta con i migliori ma gli manca un ultimo passo per poter stare con i due fuoriclasse.

La domanda finale è: Ragzatlioglu con la corona di campione del mondo… resterà in Superbike? Risuonano le parole del suo manager “il titolo Superbike e poi la MotoGP”.

Prossimo appuntamento settimana prossima ad Aragon con la MotoGP, per il debutto di Maverick Vinales con l’Aprilia.

Risultati e classifiche

 

 

 

 

GARA1

Classifica Gara1 Superbike Magny-Cours

SUPERPOLE RACE

Classifica Superpole Race Magny-Cours

GARA2

Classifica Gara2 Superbike Magny-Cours

 

Back To Top