Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Ducati Multistrada 1260 Enduro
Da Ducati la nuova Multistrada 1260 Enduro
1
0
0
s2smodern
1
0
0
s2smodern
powered by social2s

Ducati presenta la nuova Multistrada 1260 Enduro, la moto che per Borgo Panigale incarna il concetto di Travel Enduro: design ricercato, sportivo ed elegante allo stesso tempo, motore Ducati Testastretta DVT 1262 con curva di coppia corposa sin dai bassi regimi, ergonomia aggiornata per una maggiore facilità di guida a bassa velocità o in manovra e per una maggiore comodità sulle lunghe percorrenze. Un connubio nato per rendere i viaggi confortevoli senza rinunciare alle potenzialità di guida off-road.

L’ultima evoluzione del motore Ducati Testastretta, il Testastretta DVT 1262, permette di godere, in sella alla nuova Multistrada 1260 Enduro, del massimo delle prestazioni. L’aumento di cilindrata, la mappatura rivista e il nuovo impianto di scarico, permettono un'erogazione della coppia piena e allo stesso tempo fluida a bassi regimi, garantendo invece prestazioni da vera sportiva a regimi medio-alti. Inoltre il Ducati Quick-Shift up/down (DQS) è di serie.

L’interfaccia della Multistrada 1260 Enduro, completamente riprogettata, risulta ancora più intuitiva e piacevole grazie al cruscotto TFT a colori ad alta risoluzione e all'aspetto grafico di nuovo disegno. Cruise Control, sistema Hands-Free, interruttori al manubrio retroilluminati e spegnimento automatico delle frecce.

La nuova Multistrada 1260 Enduro è dotata del Cornering ABS Bosch, che controlla la frenata massimizzando la sicurezza attiva anche a moto inclinata; iI Ducati Traction Control modula lo slittamento della ruota posteriore. A questi si aggiungono: il sistema Ride By Wire, il Ducati Wheelie Control, le sospensioni semi-attive Ducati Skyhook Suspension (DSS) Evolution.

Il costante investimento sulla qualità garantita dalla progettazione, dai materiali avanzati e dalla tecnica ingegneristica ha permesso di modificare il programma di manutenzione in maniera altamente competitiva, portando gli intervalli di manutenzione ordinaria a 15.000 km o un anno e la registrazione del gioco valvole a 30.000 km.