Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Sabato, Sab Set 2020

Lorenzo Savadori

Mentre i massimi campionati scaldano i motori, in attesa della ripartenza del campionato MotoGP tra un paio di settimane, il campionato italiano velocità ha aperto simbolicamente i garage di tutto i box scendendo in pista per la prima gara dopo il lockdown.

Il Campionato Italiano Velocità è ripartito dal Mugello, da quella pista che quest'anno non saluterà le folle del mondiale MotoGP, dopo la lunga attesa imposta dall’emergenza sanitaria covid-19. Lorenzo Savadori ed Eddi La Marra si sono fatti trovare pronti in sella alle loro Aprilia RSV4 1100 Factory in configurazione CIV.

In Superbike Lorenzo Savadori è stato autore di un’ottima qualifica siglando il secondo miglior tempo in 1’51.085 che gli permette di schierarsi in prima fila mentre il compagno di squadra Eddi La Marra conquista la terza fila in griglia.

In partenza il cesenate con l’Aprilia numero 32 scatta molto bene dalla sua casella prendendo subito la leadership della gara. È subito sfida tra tester MotoGP, Lorenzo è tallonato da Michele Pirro con il primo che giro dopo giro riesce guadagnare decimi sul secondo e dopo solo quattro giri il gap sul terzo è già di quasi quattro secondi. Lorenzo è davanti a tutti fino al nono giro quando viene sorpassato da ma il ritmo è troppo alto e scivola due curve dopo lasciando spazio a Lorenzo Savadori nella sua cavalcata verso la vittoria di gara 1 CIV Superbike.

Il laziale La Marra viene investito al via ma riesce mantenere l’equilibrio in sella all’ RSV4 1100 Factory perdendo solo un paio di posizioni. Inizia la sua rimonta e passa settimo sotto la bandiera a scacchi.

Una prima data che segna finalmente il ritorno alle gare, e se tutto andrà bene, sarà una stagione intensa con date molto ravvicinate, una rincorsa ai titoli mondiali di MotoGP e Superbike che ci porterà all'autunno inoltrato.

Michele Rubin

Avatar di Wolf