Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Domenica, Dom Ott 2020

i ragazzi di aMotoMio

Sarà capitato anche a voi, non dite di no. Uno di quei periodi in cui le cose da fare sono molte di più del tempo a disposizione per farle. Un lasso temporale in cui la vita corre più veloce dei tuoi pensieri. Talmente veloce che arrivi a ridosso del tuo compleanno e praticamente non te accorgi.


Ecco in questo 2020 di “cose” strane, di vita stravolta per tutti, di isolamenti e liberazione, di paure e speranze….ci siamo dimenticati il nostro compleanno. E per nostro intendo aMotoMio, che nasceva nell’estate del 2010. Non riusciamo bene a ricordare la data precisa in cui si andò on line, ne quale fu il primo articolo in assoluto pubblicato, ricordiamo bene però quali sentimenti ci animarono in quel periodo, quali emozioni, incertezze e perché no speranze. Un slogan/brand nato quasi per caso e condiviso subito tra i 3 artefici che tutt’ora a 10 anni di distanza sono anima e spina dorsale della redazione. Una scommessa che poggiò più sulla passione che sui mezzi a disposizione, più sul sacrificio personale che sul budget a disposizione.  Una scommessa che ci ha fatto guadagnare molto in termini di esperienza, crescita, partecipazione al mondo dei “grandi” del giornalismo motociclistico italiano, molti dei quali, soprattutto oggi ci onorano della loro amicizia, dei loro consigli, delle loro pacche sulle spalle. Una scommessa che ci ha fatto perdere anche qualcosa, come alcuni amici che fino al 2010 hanno condiviso con noi la passione della moto e che dal momento esatto in cui abbiamo cominciato a scriverne ci hanno un po’ “abbandonati” quasi non fossimo degni di mettere qualcosa di sensato nero su bianco. Non siamo sicuri ancora oggi che quello che scriviamo e condividiamo con chi ci segue sia di qualità super professionale, ma ci divertiamo e questa è la chiave di tutto. Ci divertiamo a provare, testare, raccontare condividere quello stupendo mondo che è il motociclismo. E sono 10 anni che lo facciamo a modo nostro, senza mai strafare, ma semmai con la voglia di imparare ogni giorno qualcosa in più; Dai colleghi giornalisti professionisti certo, ma anche dai nostri lettori che non smettono mai di spronarci a fare meglio.

Idealmente lo facciamo risalire al 13 Luglio 2010, con questo articolo della mia esperienza al Mugello. Pochi mezzi, poca esperienza, ma tanta tanta voglia di parlare di moto, di come ci si sente a essere motociclisti.

Fagna al Mugello

10 anni non sono pochi, affatto, oggi siamo un pochino più vecchi, con qualche capello grigio in più, ma la fanciullesca voglia di cazzeggiare in moto quella rimane immutata. Forse con un po’ più di sale in zucca, ma il dubbio è lecito.

10 anni in cui ci siamo fatti conoscere, apprezzare e perché no criticare dal pubblico ma anche dai grandi brand del mondo moto a partire dalle grandi case (una stima grossolana parla di quadi 250 moto testate) per arrivare ai brand dell’abbigliamento che spesso ci usano anche come “cavie” per avere un parere senza filtri su un casco una giacca o qualsiasi altro accessorio.

10 anni…e quelli che verranno non sono certo una tavola piatta di pianura, bensì ancora una salita, forse senza fine, che ci consentirà di crescere ancora , finché fisico e voglia reggeranno, per raccontare la nostra vita in sella; che per inciso non è “che bella vita che fate” perché tra lavori doppi, figli, famiglia, impegni di genere vario, salire in sella è un premio e una conquista, non un atto di routine. Quindi che sia chiaro…dovete apprezzare lo sforzo.

10 anni dove per noi anche la sicurezza stradale, che passa da una guida consapevole è stata una priorità. Ed è per questo che stiamo preparando una sorpresa.  Un incontro tra noi e voi, un bel sabato di settembre, andiamo a farci un bel giretto impegnativo il giusto, e ci facciamo accompagnare da 4 istruttori federali di guida. Facciamo 4 curve ci facciamo dare qualche consiglio di guida, mangiamo in uno dei nostri posti e via tutti a casa. Cosa ne dici? Si dico a te che stai leggendo queste righe può piacerti l’idea?

A noi piace, festeggiamo assieme il nostro compleanno…state connessi a breve tutte le info.

Fagna

Avatar di Fagna