Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Lunedì, Lun Set 2020

WILDAYS 2020

E’ andata in scena nello scorso weekend (11-12-13 Settembre) la quarta edizione del Wildays.


Un evento che fin dalla prima manifestazione voleva essere un evento capace di unire Motori, Cibo, Natura e Musica in un contesto unico, trasformando ogni partecipante in un vero protagonista.
Così è stato in passato e anche in questo anno difficile per l’emergenza Covid19 è riuscito a mantenere.
Cambia lo scenario, i fighi direbbero location, non più la pista di Varano de Melegari e le sue zone limitrofe, bensì le colline che accolgono il campo da motocross di Predella, frazione della ben più famosa Salsomaggiore Terme (PR).

Fuoristrada

Cambia molto, cambia tutto, ma non lo spirito iniziale che in questa occasione diventa davvero Wild, davvero immerso nella natura bandendo completamente l’asfalto a favore della terra e di panorami da urlo.
Lo abbiamo sperimentato noi per primi seguendo il simpatico navigatore che per raggiungere il circuito lungo una strada secondaria, ci ha dirottati lungo una stretta, solo a tratti asfaltata, che per una decina di chilometri si inerpica sulle colline, costeggiando Tabiano Castello, con viste sui campi di argilla arati e sulle campagne sottostanti davvero uniche.

Wildays 2020

Uno scollinamento impegnativo per la nostra pesante moto con gomme stradali e soprattutto per le nostre scarse doti fuoristradistiche, ma decisamente appagante fin a far esclamare “ne valeva la pena!”
Il Wildays appare subito nella sua essenza dal variegato parcheggio moto e dalla zona espositiva che anticipa di poco lo spiazzo dedicato allo Street Food con i suoi colorati furgoni che propongono cibi particolari ed intriganti.
Il tendone del bar e la zona Live, dove la sera la musica prende il sopravvento, fa da contraltare a quello che è il Wildays vissuto, quello fatto di gente che si mette in gioco sulla tortuosa pista da cross, sul panoramico fettucciato dell’enduro e sui percorsi dedicati alle 4X4. Polvere che si solleva nel caldo WE che sembra dedicare un tributo all’Estate finita.

Cross

Sulla collina opposta le Tende del “Forrest Camp” e la zona dedicata al Camping per i partecipanti che hanno raggiunto il ritrovo da molte parti d’Europa.
Più spazio quindi all’off-road, grande apertura alle 4 ruote a trazione integrale che da sempre sono simbolo di avventura e tanta passione come sempre.
Una scommessa quella di quest’anno, per Marco e Alessandro, anima e corpo degli ANVIL, che insieme allo staff organizzativo hanno sfidato l’emergenza, quando altre realtà invece si sono arrese.

Wildays 2020

Una scommessa vinta grazie agli espositori, ai partner e ai partecipanti che comunque ci hanno creduto e si sono alternati lungo i tre giorni di questo strano Wildays.
Un nuovo corso? Una nuova via più verso il fuoristrada? Chissà, per ora ci siamo goduti questo nuovo Wildays, il futuro è domani e molti lo stanno già aspettando!

GALLERY



Flap
Profilo