Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Fuga alle Cinque Terre – Turismo di aMotoMio
1
0
0
s2smodern
1
0
0
s2smodern
powered by social2s

Orsù baldi Motoviaggiatori, sfoderate le vostre spade e trafiggete noi, semplici moto gitanti, oppure abbiate pietà e lasciate a noi narrare di piccole avventure.
Scherzi a parte i grandi e i piccoli viaggi hanno in comune la stessa passione e pertanto poco importa per chi si mette per strada, quale sarà la meta, bensì il viaggio che inizia seguendo le proprie voglie e capacità/ possibilità, in tutti i sensi.


Per noi rubare tre giorni al lavoro e affrontare un itinerario lungo, le Cinque Terre diventano già un viaggio.
L’abbiamo pensato su un WE lungo, anche se si potrebbe tranquillamente condensare in due giorni.


Vittuone – La Spezia 289 km
Partenza e arrivo da Milano, ma anche qui è facile trasformarlo a piacere secondo le proprie esigenze.
La veloce autostrada ci porta fino a Fornovo, dove la abbandoniamo per seguire la storica strada della Cisa, inutile correre su un asfalto non sempre all’altezza, meglio lasciare scorrere le ruote a disegnare le curve che si snodano sulle colline.
Giù fino a La Spezia, meta della nostra prima tappa, da dove ripartiamo, dopo aver scaricato i bagagli, verso la punta di Portovenere.
Sono pochi chilometri costeggiando il mare fino ad arrivare allo splendido borgo che chiude la costa di fronte all’isola Palmaria.

Cinque Terre Cinque Terre
Cinque Terre Cinque terre


Un piccolo budello, o se preferite costeggiando il porto, per salire la scalinata che porta alla chiesa di S. Pietro; a picco sul mare e da cui si può ammirare le ripide montagne delle Cinque Terre che strapiombano in mare, sulla destra una stretta insenatura su cui si affaccia la grotta di Byron.
La sera ci si può perdere visitando la città vecchia di La Spezia oppure farsi tentare dagli ottimi ristoranti di pesce lungo la costa.
Noi abbiamo scelto di mettere alla prova “Officine Sbrannetti”, o meglio una parte di loro, i fratelli Jodi e Marzio che gestiscono, insieme ai genitori, un ottimo ristorante dalla lunga tradizione, tra La Spezia e Portovenere.
Bravi con le moto, eccezionali come ristoratori.


La Spezia – Chiavari 117 km
Si parte alla volta di Riomaggiore, il primo dei cinque borghi di pescatori che compongono le cinque terre.
La strada s’inerpica sull’alta costa seguendo il confine del blu, finché una deviazione fa scendere a livello del mare fino alle porte del borgo.
Parcheggiata la moto, ci aspetta un po’ di strada per infilarci nel caratteristico paesino di pescatori fin a raggiungerne il cuore pulsante che è il piccolo porto.
Si risale poi sulla strada costiera fino alle successive deviazioni verso gli altri piccoli borghi: Manarola, Corniglia, Vernazza e Monterosso a mare.
Mettete in preventivo di scarpinare un po’, in tutti i paesi delle Cinque terre, i parcheggi, auto e moto, sono a volte lontani qualche centinaio di metri dal centro del paese, pertanto consigliamo di armarsi di scarpe comode e magari di una catena per legare i caschi alla moto.

Cinque Terre Cinque Terre
Cinque Terre Cinque Terre


Altrettanto vero è che in fondo si assomigliano un po’ tutti e non sempre ne vale la fatica.
Dovessimo pensare a una visita, sceglieremmo di parcheggiare la moto in una stazione e spostarci per le Cinque Terre con il treno che, di fatto, sosta nel centro di ogni paese.
In compenso però la strada costiera da cui si staccano tutte le diramazioni è uno spettacolo, curve da guidare e panorami mozzafiato.
Sarà così poi fino a Chiavari, anche se noi abbiamo voluto fare delle piccole soste anche a Levanto e Bonassola.
Se arrivate a Chiavari nel pomeriggio, probabile poiché i chilometri sono poco più di un centinaio, potete approfittarne per un tuffo e godervi le ultime ore di sole in spiaggia.
Il lungomare di Chiavari saprà poi regalarvi una bella passeggiata serale.


Chiavari – Vittuone 321 km
Ammettiamolo, un po’ di sbragamento fa bene anche al motociclista, così, dopo aver concordato il check out ritardato con l’albergo, ci possiamo godere qualche ora mattutina in spiaggia.
Il tempo di una doccia e via verso Rapallo dove abbiamo deciso la pausa pranzo.
Due passi nel budello, della buona focaccia e la strada ci porta velocemente a Santa Margherita Ligure da dove parte la stretta strada costiera panoramica che porta a Portofino.
Nonostante sia un giorno settimanale, fatichiamo a trovare posto per la moto, non immaginiamo come sia nel WE, eppure il fascino del porticciolo e della famosa piazzetta non ci lascia indifferenti.

Cinque terre Cinque Terre
Cinque terre Cinque Terre


A questo punto se il vostro passeggero è allenato, o meglio incosciente, magari ammorbidito dallo stratagemma della mattina in spiaggia, potete tentare un rientro a Milano decisamente curvoso.
Si torna verso Chiavari per salire poi verso il Passo del Bocco, si prosegue verso Varese Ligure per poi andare al passo Cento Croci, Bedonia, Bardi, Vernasca, Castell’Arquato e finalmente Fiorenzuola.
Finalmente, poiché i continui saliscendi sulle colline hanno fatto quasi raddoppiare i chilometri che normalmente servono per un ritorno “tradizionale” a Milano:
Da Fiorenzuola di nuovo triste ma veloce, autostrada che ci riporta all’afosa città.

Abbiamo utilizzato: Caschi Caberg e SMK – Giacche Clover e OJ – Pantaloni Clover e PMJ – Scarpe Stylmartin – Guanti Clover e Ixon – Paraschiena Spidi e Clover – Navigatore Becker Mamba 4

GALLERY



Flap


Dove abbiamo dormito:
Affittacamere A Posada
Via XX settembre 119 La Spezia
In centro a La Spezia. Ottimo rapporto qualità prezzo, gentilezza e pulizia.
- Hotel Ferrari
Corso De Michiel 57 Chiavari (GE)
A pochi passi dal mare. Camere spaziose e pulite, grande disponibilità del personale e colazione da urlo.

Dove abbiamo mangiato:
La Tortuga di Claudio
Via della Costa 4 Cadimare (SP)
Locale piccolo, terrazza splendida,  e accogliente a conduzione familiare. Cucina ottima e mai scontata a base d pesce, il tutto con un bel panorama sul golfo e un servizio gentile e impeccabile.
- Trattoria da Renato
Corso Valparaiso 1 Chiavari (GE)
Piccolo locale sul lungomare di Chiavari. Consigliamo il fritto misto.