Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Nuova Zelanda - South Island part 1
1
0
0
s2smodern
1
0
0
s2smodern
powered by social2s

Dopo aver visto paesaggi e territori dell’isola del sud, sentir parlare di Nuova Zelanda solo per il signore degli anelli, il rugby e gli all black è un po come dire Italia = pizza, spaghetti, mandolino. Fa incazzare no?

ENGLISH VERSION

Certo bisogna dire chiaramente che se moltissimi film sono stati ambientati qui un perché c'è, ed è anche bello grosso, visto che natura e paesaggi incredibili qui la fanno da padrone. Il confronto con l'isola del nord è immediato, ma l'unica cosa che ti viene in mente è che se il nord è bellissimo, il sud è "più bellissimo"; lo so che non si può dire, ma non so come altro definire questo confronto tra due isole che fanno a gara per stupire ed emozionare con una vittoria della south island abbastanza marcata. 



Infinite le cose da raccontare, tanto da decidere di spezzare il racconto di viaggio in 2. La porta di ingresso a sud è Picton, ci sia arriva dopo 3.5 ore di navigazione da Wellington. Consiglio? Non fate la traversata col buio, il Marlborough  sound merita assolutamente di essere visto bene dal ponte della nave.

La costa di Nelson pare essere una delle più soleggiate ed infatti ci accoglie con un sole ed una temperatura di tono spiccatamente estivo. Siamo alle porte del parco nazionale Abel Tasman, che da quel che possiamo vedere dal ponte di comando della nostra moto deve essere un vero paradiso per gli amanti del trekking. La merenda è a base di ciliegie, grosse, buonissime e le puoi comprare lungo la strada in chioschi self service. Facile prendi le ciliegie e lasci i soldi. La domanda sorge spontanea....da noi cosa sarebbe successo?

Sarcasmo a parte il viaggio prosegue verso sud, meta la west coast che, per fortuna raggiungiamo dopo una mattina di pioggia quando il sole fa capolino tra nubi cattivissime. Tappa obbligata le Pancake Rocks, per stupirsi ancora di come la forza del vento e del mare possano modellare le rocce in forme e tagli che lasciano senza parole.

In realtà da buon motociclista ignorante apprezzo ancor di più il tracciato stradale che come in un ricamo artistico cuce lo spazio tra i monti e il mare che ne bagna magicamente le pendici. Anche se il cielo è bianco di nubi, tutto l'insieme assume le tinte di un dipinto che ti si impressiona nella mente. Tappa a Frans Josef Glacier, il paese non è gran che, ma il ghiacciaio...beh anche se non siete camminatori affacciatevi al sentiero e lui paziente vi offrirà il suo spettacolo.

Decidiamo una deviazione andata/ritorno verso Artur pass, e sebbene "il valico" non ci trasmetta nulla di emozionale, la strada lo fa in maniera inversamente proporzionale, con curve, canyon, divertimento puro di guida. Non possiamo dire la stessa cosa dell’ultimo tratto di costa ovest che percorriamo, ma in compenso il mare e i suoi magnifici scorci ci accompagna instancabile.

La musica cambia rientrando verso il centro dell’isola, puntando verso QueensTown e costeggiando i laghi Wanaka (famosissima la foto dell’albero in mezzo al lago) e Hawea. Ci si deve fermare per forza nel punto panoramico che si affaccia su Queenstown, per vedersi sfrecciare sopra la testa (poco sopra) gli aerei che infilano lo stretto canalone tra i monti per approcciare l’atterraggio all’aeroporto della “città della regina”. Percorriamo anche noi il toboga ed entriamo in città. Stanchi, estasiati, felici. E’ la vigilia di Natale, la prima in maniche corte, la prima della vita dall’altra parte del modo. Al tramonto ci scappa una lacrima che raccoglie tutto questo mix di sentimenti.

Il viaggio continua, state con noi…

#upsidedowntour #amotomio #provatodavvero

Abbigliamento del viaggio:

*Fagna: Giacca e Pantaloni Oj Desert - Guanti Oj Fighter - Stivali Stylmartin Navigator - Casco SMK Helmets Glide - Occhiali Emblema 
*Cri: Giacca Oj Unstoppable - Pantaloni Oj Ridepant - Stivali Stylmartin Sharon - Casco SMK Twister - Occhiali Emblema

Moto del Viaggio e supporto alla logistica:

BMW R 1200 GS noleggio by Paradise Motorcycle Tours - www.paradisemotorcycletours.co.nz

Mangiare e Dormire:

La Nuova Zelanda offre un panorama di ristoranti e alloggi tendenzialemente di alta qualità; per gli alloggio abbiamo usato Air B&B e Booking, dove però il primo ha battuto abbondantemente il secondo. Lungo la strada spesso si incrociano dei "Caffè" che servono torte buonissime e spuntini favolosi. occhio chiudono presto tra le 15.00 e le 16.00

Fagna&Cri