Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Giovedì, Gio Giu 2020

Finalmente la pioggia

Strano aspettarla con ansia, eppure non vedevamo l’ora arrivasse, una pioggia, insistente e sottile, capace di bagnare silenziosamente la terra, attenuare i colori, e i rumori ovattati di questi giorni.


Una pioggia che di solito non invochiamo mai, sperando nel sole perenne nelle nostre uscite in moto, la stessa che regolarmente ci coglie all’improvviso bagnandoci lontano da casa oppure impedendoci addirittura di uscire.
Una pioggia che questa volta consola con la sua malinconia chi non può decidere di uscire e, per beffardo gioco climatico, ha dovuto sopportare inerme le belle giornate di una Primavera da incorniciare.
Giornate sofferte scrutando l’orizzonte dalla finestra, o dalla porta del box, con la voglia di andare e la coscienza di restare, quante volte abbiamo detto…almeno piovesse.
Pasqua e Pasquetta  con un tempo mai così propizio per una gita in moto e noi a sospirare, in un volano di maledizioni alla situazione da far invidia a quello della Moto Guzzi Falcone.
Noi che ce la prendiamo col meteo per far finta di dimenticare una realtà ben più difficile, grave e dolorosa, una sofferenza di molti che va ben oltre la mancanza della moto, ma che sfogando in essa la nostra voglia di normalità ci permette di sopportare il resto.
Rabbia, delusione, tristezza, odio, solitudine che la quarantena ha amplificato, distanziando le persone ben più della distanza di sicurezza, aumentando quella voglia di libertà che il sole contribuiva ad alimentare.
Però finalmente piove, ne aveva bisogno psicologicamente, ma ne aveva bisogno anche la terra, quelle campagne che già stanno soffrendo e che anche la mancanza di acqua rendeva più difficile la sopravvivenza.
Avevamo bisogno di una lavata, sulle nostre case, sulle nostre strade e anche sui nostri pensieri sempre più neri. Pioggia che nulla può contro il Covid19 ma che speriamo sia un segnale di cambiamento, acqua che pulisca davvero il mondo ma soprattutto le menti impolverate di chi è alla guida ma anche di chi dovrebbe essere guidato, una rinfrescata necessaria per ripartire di nuovo puliti, magari anche dal maledetto virus.

Flap