Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Domenica, Dom Apr 2020

#iorestoacasa

Non mi manca la moto, o meglio ho altri pensieri ben più importanti. Preoccupazioni e perplessità in un momento così difficile che porta uscire di casa di secondaria importanza.


Cavoli quanto lo abbiamo detto, quante volte ce lo dicono eppure per molti è un concetto incomprensibile.
Per molti il virus è qualcosa di lontano, il Covid19 non li riguarda…vuoi mica che capiti a me!
Eppure questo è più facile di quanto si pensi, io per primo a fine febbraio ci scherzavo, vittima del mio pressapochismo e di un’informazione non sempre adeguata.
Anche io pensavo fosse “solo” un’influenza più forte e la sensazione che arrivava dai provvedimenti poco drastici e diluiti, in contrasto da quanto avvenuto nel paese d’origine del virus, non facevano che confermarlo.
Poi però apri gli occhi un po’ di più e ti accorgi che non è uno scherzo, ti rendi conto che il contagio avanza in maniera esponenziale, che le persone cominciano a morire e non sono più solo il più deboli e “vecchi”!
Ti rendi conto che STARE A CASA diventa l’unico modo per interrompere con uno schermo invisibile una catena che altrimenti diventa infinita.
Forse ci voleva un intervento più tempestivo ed incisivo, forse lo stop doveva essere totale, forse però bastava un po’ di buonsenso da parte di tutti.
Quel buonsenso che ancora adesso che siamo davvero messi non vedo in molti che continuano imperterriti a fregarsene pensando di essere furbi nel trovare sotterfugi che rendano legale la propria stupidità.
Non mi manca la moto, per fortuna la uso come mezzo di trasporto per le necessità del mio lavoro, la uso il meno possibile e nel tratto più breve del tragitto casa-lavoro, con la massima attenzione… per il resto sto a casa, al massimo nel box.
Poca strada che non basta a soddisfare la voglia vera di moto, quella che è libertà e piacere, questa è la moto che mi manca, ma per tornare a questo adesso ci vuole un sacrificio.
Una pausa coraggiosa alle nostre abitudini per far sì che questo stop duri il meno possibile.
#iorestoacasa, Io lo faccio davvero e se lo facciamo in tanti, se lo facciamo tutti, presto torneremo in sella.

Flap