Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Giovedì, Gio Nov 2019

1
0
0
s2smodern
1
0
0
s2smodern
powered by social2s
Eicma

Ci siamo, eccoci di nuovo ai primi di Novembre in fibrillazione per l’appuntamento più canonico di ogni motociclista normale: EICMA.


Giunta alla 77^ edizione che trae origine dal primo Salone del ciclo e motociclo, dal quale viene fatta partire la numerazione progressiva, che si tenne nel 1914 presso il Kursaal Diana, ovviamente a Milano.
Di acqua nei Navigli ne è passata da quei tempi, son cambiate le sedi fino all’ultima, ormai da anni, presso il polo espositivo Rho-Pero.
Un fascino intatto e inattaccabile alle continue critiche alla crisi e alle defezioni di grandi marche.
Già ma in un’epoca dove le novità ormai sono presentate ufficialmente molto prima di EICMA, dove internet mette in pasto al popolo tutto in tempo reale o quasi e lo stupore di fronte alla bellissima due ruote di turno è scemato ha ancora senso andare in EICMA?
Vale la pena pagare il salato biglietto, e relativo parcheggio, per vedere cose già viste?
Domande che ci facciamo  tutti ogni anno, e che ricorrono anche su tutti i social, a cui la risposta è sempre la stessa che coincide con esserci!
Vuoi mettere l’ambiente e la possibilità di toccare con mano, magari sedersi, su quella moto che rimane un sogno impossibile, oppure verificare se il sogno realizzabile corrisponde alla realtà?
Impagabile poi la possibilità di incontrare personaggi del motociclismo che difficilmente i più potrebbero incrociare altrimenti.
Poi la vasta gamma di abbigliamento e accessori che di solito hanno poco spazio nelle riviste del settore, va beh noi facciamo eccezione, che vengono presentate e diventano proposte interessanti per creare o incrementare il nostro armadio del motociclista.
Ok, la controparte è pagare salato un panino e una birra, ma basta organizzarsi…
Ho tralasciato un altro importante richiamo: le Standiste, più o meno vestite, più o meno provocanti, che sicuramente rendono più bello e attraente il salone, non fondamentale per molti, essenziale per altri, ma sicuramente piacevole da vedere…e per le donne? Sensibili alla parità dei sessi alcune case l’anno scorso hanno messo in campo anche intriganti Steward, chissà che quest’anno anche per le amiche motocicliste ci sia qualche bella novità.

Flap