Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

50 sfumature di grigio
1
0
0
s2smodern
1
0
0
s2smodern
powered by social2s

Il grigio e tutte le sue sfumature che degradano dal nero al bianco con tonalità che nel loro anonimato hanno comunque una propria personalità.
Il grigio che non impegna, che seppur elegante rimane discreto, sia negli abiti, sia nelle auto dove ha fatto successo grazie allo “sporco si nota meno”.


Quel grigio triste dei cieli invernali che non invogliano ad uscire in moto e quei toni cittadini dove lo smog disegna un quadro ad acquarello usando solo i toni del grigio colore.
Poi c’è quello che fa da contrasto agli sgargianti colori delle nostre moto, delle nostre colorate giacche, quando togliamo il casco.
Ancora sfumature che vanno da qualche capello bianco al sale e pepe, fino ad arrivare al quasi total white.
Già ci avete fatto caso che i capelli dei motociclisti, sempre che ci siano ovviamente, hanno le sfumature di grigio?
Guardatevi in giro in cima ai passi, nei raduni e negli eventi motociclisti, è il colore che segna il tempo che passa inesorabilmente e che domina sul nero, sul castano, sul rosso e sul biondo.
Sarà che davvero il motociclista sta invecchiando e il ricambio generazionale stenta ad arrivare? Sarà che la Passione per la moto sta lasciando spazio, nei giovani, ad altre passioni? Sarà colpa del fatto che il fatidico motorino non è più la cosa desiderata dai quattordicenni? O che a differenza di non così tantissimi anni fa dove bastava accendere il Ciao della Mamma per fare un giro ora ci vuole: casco, assicurazione, patentino… in un pericoloso traffico dove le regole sono ormai quelle della giungla?
Forse la risposta è sociale, probabilmente i tempi cambiano anche se facciamo fatica ad accorgerci ed accettarlo.
Risposte che non arrivano e rimangono nella testa sotto quei capelli grigi che ancora una volta celiamo sotto quella calotta colorata che ci salva la vita.

Flap