Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Marco Belli
1
0
0
s2smodern
1
0
0
s2smodern
powered by social2s

La moto scorre leggera lungo le curve che salgono al Sacro Monte di Varese, una danza morbida fluida, precisa.
Non eccessivamente veloce, ma tremendamente efficace, tanto che la mia ruota davanti si allontana sempre di più dalla ruota posteriore di Marco fino a perderla definitivamente di vista.


Certamente io non sono un grande pilota, e posso dire, a mia scusante di non conoscere la strada che invece lui percorre da anni, fin dai tempi in cui cominciava a scorrazzare con il motorino.
Quella strada, che parte a poche centinaia di metri da casa sua e sale attraverso i boschi fino a 1300 metri regalando ad ogni curva panorami incantevoli.
La realtà è che Marco è un Campione, qualcuno direbbe “Ex” ma questo si riferisce al suo passato agonistico, è un Uomo capace di essere grande con una semplicità, una gentilezza e una disponibilità fuori dal comune.
Questo lo vedo da come guida con naturalezza come se, ma di fatto forse lo è, fosse quello che fa sempre e solo.
Marco è stato anche capace di creare una scuola di Flat Track dove diffondere la pratica del traverso, mettendo la sua esperienza a disposizione di chi, capace e meno capace, vuole mettersi un po’ alla prova.
In grado di una sensibilità nei confronti degli allievi in grado di rassicurarli, metterli a proprio agio e in sicurezza.
Marco è anche uno che va al Ranch con Valentino Rossi e si confronta con il gota del motociclismo internazionale, spalla a spalla su quella terra battuta che tanto ama.
Eppure oggi è qui davanti a me che fugge veloce, disegnando precise traiettorie, regalandomi una giornata dove si racconta senza filtri, si diverte come un bambino a giocare con le foglie del sottobosco e mi tratta come un amico.
Nessuna remora a mettermi a disposizione la sua esclusiva moto per una veloce prova.
Curve e chiacchiere baciate dal sole e un freddo vento che ci porta a  trovare conforto i un caldo piatto di polenta e brasato, perché si sa che il cibo è un altro complice del bel parlare.
Una giornata diversa insieme a un Campione, non solo nello sport, un esempio di stile e personalità che ammiro e che ritengo facciano davvero grandi le persone più di qualunque titolo mondiale.

Grazie Campione

Flap