fbpx
Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Mercoledì, Mer Gen 2021

Quando mi guardi così………

Le Moto ci guardano, il loro sguardo ci colpisce ci strega e diventa desiderabile come gli occhi della persona amata.
Il faro da sempre è una delle caratteristiche che rende unica una moto, o meglio, negli ultimi decenni è, di fatto, così.
Le moto d’altri tempi, seppur nelle loro piccole differenze, avevano un grosso faro anteriore rotondo, spesso anonimo e anche le moto carenate avevano il faro rotondo annegato nelle generose rotondità della vetroresina.


Nella fine anni ‘70 cominciò a comparire qualche faro rettangolare su, Laverda 1000 e Yamaha “Seca” ad esempio, dando inizio a nuove vie stilistiche, BMW con la K100RS proponeva addirittura un grosso faro quadrato in stile automobilistico e molte moto vedevano troneggiare nel cupolino o nella carena fari di forma quadrangolare.
Qualcuno provava con i fari a scomparsa (ricordate la Suzuki Shark 750?), fortunatamente senza nessun seguito.
Fuori dal coro Triumph che con i suoi due fari, rotondi, della Speed inizia una tendenza tuttora attuale.
L’avvento dei fari polielissoidali permette nuovi sguardi, in doppio della Ducati serie 916 e seguenti ad esempio o della prima F4 che inizia un filone di fari particolari con il suo trapezoidale, seguita dalla Ducati 999 con i faretti sovrapposti.
La tecnologia permette ai designer di sviluppare le loro idee permettendo di realizzare forme in precedenza impossibili o troppo costose.
Le carenate cominciano ad avere doppi fari di forma rettangolare, trapezoidale con profilo sempre più personale, le naked hanno fari rubati alla grafica Manga, BMW inventa il faro “Strabico” asimmetrico, Benelli e Aprilia Tuono copiano direttamente dal mondo degli insetti……….
Una moltitudine infinita che ha liberato la fantasia dei progettisti e il piacere di guardare la moto negli occhi, ma che non ha fatto sparire il classico e nostalgico faro rotondo che ancora troviamo su parecchie realizzazioni mondiali.
Molti sguardi che ci hanno e continueranno a catturarci, molte “facce” di cui innamorarsi, tanti modi di guardarci negli “Occhi”.

Flap