fbpx
Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Giovedì, Gio Gen 2021

Davide Brivio

Un fulmine a ciel sereno, uno schiaffo che risveglia Suzuki da un sogno, Davide Brivio l'uomo che ha dato il titolo mondiale a Suzuki lascia la MotoGP per la Formula1.


Uno schiaffo forse anche per la MotoGP, abituata a fagocitare tutto dalle sorelle minori, ma a quanto pare quando si pensa di essere il cane più grosso arriva sempre e comunque un cane più grosso, in questo caso Formula1 mangia MotoGP. E se l'operazione fosse un successo...

Evidentemente qualcuno nel potente e ricco mondo della Formula1 non crede che il titolo MotoGP 2020 sia stato una sequenza di eventi fortunati, ma frutto del lavoro di un manager capace, di nuovo, di plasmare un team e un pilota vincente per arrivare al titolo mondiale. Una cosa che sembra a Davide Brivio venga bene visti i trascorsi con Yamaha-Rossi e vicino al titolo anche in altre occasioni.

Ma quello che deve aver colpito De Meo e i vertici Renault devono essere le capacità del manager italiano di costruire un successo da zero, come accaduto specialmente con Suzuki, che dei progetti della MotoGP è sembrato il più concreto con una crescita costante che anno dopo anno l'ha avvicinata ai top team, fino a mettere le mani sul titolo.

Davide Brivio adesso si dice pronto ad accettare l'ennesima sfida, la stessa che ha accettato abbandonando lo staff di Valentino per saltare in Suzuki, e ora in Alpine che prenderà le redini dell'attività Renault in pista. Di nuovo un traguardo e un obbiettivo a lungo termine per Brivio, portare di i francesi al titolo, mettendo al volante anche una vecchia conoscenza come Alonso.

La domanda ovviamente adesso è chi prenderà il posto di Brivio in Suzuki, i nomi che si fanno sono parecchi, molte vecchie conoscenze come Suppo e Guidotti, ma anche alcune figure emergenti o, come fantastica qualcuno, qualche vecchia gloria Suzuki. Un fulmine a ciel sereno soprattutto in quella Hamamatsu che aveva messo tutto il destino sportivo della gloriosa S in mano a questo italiano per la sua seconda giovinezza, e che ora si appresta a dare il via alla terza. Quali saranno i piani Suzuki? Vedremo in pista altre due Suzuki o ci sarà un reset totale?