Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Venerdì, Ven Lug 2020

Ottobiano South Milano

Brutta faccenda quella dell'impianto South Milano, l'autodromo posizionato nella zona sud di Milano, a Ottobiano in provincia di Pavia.


L'impianto è stato oggetto di una ispezione da parte della Guardia di Finanza, che ha però rilevato tutta una serie di infrazioni piuttosto gravi, che hanno portato a dieci avvisi di garanzia, e al fermo di uno dei dirigenti, un cittadino italiano residente però a Montecarlo.

L'impianto, nato come cartodromo e poi evolutosi come pista da Supermoto, è arrivato ad inserire anche una pista da un chilometro e mezzo per il cross diventata data nel calendario del mondiale cross MX, un impianto quindi capace di attirare appassionati, e che in effetti vedeva l'impianto costantemente frequentato da sportivi delle due ruote. La pista in asfalto dedicato a Supermoto, Pitbike, Ohvale, Scooter è lunga un chilometro e quattrocentro metri circa.

La guardia di finanza ha rilevato diversi tipi di infrazione, non solo fiscali purtroppo, tra cui bancarotta fraudolenta e fatturazioni false, ma anche reati ambientali quali l'interramento di diversi tipi di rifiuti e un deposito con pneumatici esausti e cisterne di olio pronte allo smaltimento. Le indagini sono ancora in corso, c'è sicuramente la necessità di far chiarezza, ma soprattutto di far ripartire un impianto che ha un mercato internazionale, in questo momento soprattutto in cui il lavoro e le imprese devono essere tutelate, in particolar modo in un territorio che necessita di attrattive e business.

Riportiamo la seguente dichiarazione pubblicata sul sito "Facendo seguito alle precedenti comunicazioni, la società 8MX S.r.l. in qualità di gestore dell'impianto, avvisa la gentile utenza che l’attività risulta momentaneamente sospesa in ragione di un’indagine in corso di svolgimento da parte della Magistratura e relativa a vicende rispetto alle quali risulta completamente estranea. Sappiamo che la collaborazione da parte della Proprietà con gli Organi Inquirenti è totale e, pertanto, confidiamo di poter tornare in sella quanto prima."

Michele Rubin

Avatar di Wolf