Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Dunlop Roas Smart 3
Dunlop Road Smart 3 - Long Test aMotoMio
1
0
0
s2smodern
1
0
0
s2smodern
powered by social2s

Amore a priva vista. Galeotta fu la presentazione stampa del lancio ufficiale con prove in strada e in pista (click qui). Colpo di fulmine immediato per queste Dunlop Road Smart 3, tanto da decidere di montarle sulla mia moto qualche mese dopo per metterle alla frusta nella vita di tutti i giorni e sulle lunghe distanze.

Invero arrivo un po’ tardi con questo mio report, dato che siamo nel pieno dell’inverno e il mio long test si è praticamente concluso l’autunno scorso. Circa 8.000 i km percorsi con il treno di gomme, un po’ ovunque: montagna, autostrada, misto lento e veloce. A pieno carico con passeggero, o da solo leggeri come l’aria.

dunlop road smart 3

Le RS3 non hanno mai tradito, nemmeno per un attimo, le belle sensazioni avute al nostro primo incontro a Mireval. Nate espressamente per le Sport Touring a mio modesto parere si adattano benissimo a qualsiasi tipo di moto, tanto che le abbiamo viste montate su naked, special e maxienduro stradali. L’innovativo disegno del battistrada assicura una veloce espulsione dell’acqua che mi ha garantito nei miei viaggi, un buon feeling anche sulle strade molto bagnate da temporali estivi in montagna; la particolare composizione della mescola prometteva su carta un lungo chilometraggio, ed in effetti guardando la mia moto, dopo 8.000 km, la gomma sembra tutt’altro che usurata, anzi semmai il contrario promettendo ancora molta percorrenza in sicurezza e divertimento.

Dunlop Road Smart 3

Siccome le RS3 sono fornite in versione base e SP (gomma posteriore nelle misure 180/55ZR17 e 190/55ZR17) più adatta alle Touring più leggere o alle naked, ho scelto di montare quest’ultima al posteriore e non me ne sono mai pentito. Sarà che conosco la mia Ducati ST meglio di qualunque altra moto al mondo, ma il feeling con queste gomme è stato subito immediato. Si scenda in piega progressivi senza “cadere” dentro la curva, con una sensazione di tenuta molto alta, anche forzando l’andatura su asfalti non proprio simili alla pista, semmai tipici delle strade di alta quota,  mai pulite al 100%, soprattutto negli angoli all’ombra o nelle parti meo battute.  Notevoli gli sforzi impiegati da Dunlop volti ad un penumatico decisamente votato al segmento Touring anzi come detto sopra Sport Touring ovvero, se vogliamo, il segmento che più è cresciuto in questi ultimi anni.

Dunlop Road Smart 3 Dunlop Road Smart 3

Un platea esigente (come me) che non vuole più gomme di “marmo” basta che facciano decine di migliai di km, ma sempre alla ricerca di pneumatici che consentano, si lunghe percorrenze, ma che contemporaneamente mi facciano divertire un bel po’, magari anche in qualche amichevole “bagarre” con moto più leggere e/o sportive.  Si guidano bene queste gomme (ammesso che questo si possa dire in italiano) con anche un minore sforzo da applicare al manubrio per far “svoltare” la moto nella direzione desiderata anche alle bassissime andature. Ricordo ancora nella giornata in pista a Mireval, l’impietoso responso della telemetria che confrontava, in una gimkana, la forza applicata al manubrio con la RS3 contro la stessa prova fatta con il suo predecessore le Road Smart 2. Un abisso. Più direzionalità, meno forza applicata.

Dunlop Road Smart 3

Sono consapevole del fatto che l’argomento gomme di solito scatena fiumi e fiumi di discussioni tra i motociclisti, qualche anno fa al bar del passo, oggi molto più facilmente sui social network, ed ecco perché trovo importante raccontare questo long test. Sicuramente tra voi ci sarà qualcuno che la pensa diversamente da me, ben venga anche il suo giudizio. Il mio, ad oggi, è assolutamente positivo.

Dunlop RoadSmart 3. Approvate aMotoMio

Fagna