Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Giovedì, Gio Ott 2020

Ls2 Spitfire

Forse dovrei partire col dare la mia opinione su comfort e “sicurezza”, ma accidenti a me, questo Spitfire mi ha chiamato, la dallo scaffale principalmente per la sua grafica e il suo design. A dirla tutta sono molte le colorazioni disponibili, ma le altre sono passate inosservate, ipnotizzato com’ero dal disegno davvero particolare della grafica Inky Matt Black White.

Anche la forma della calotta mi è piaciuta subito, con la visiera scura completamente a scomparsa che copre molto bene gli occhi scendendo quasi al livello del naso e regolabile in due “step”. Inutile dire che con la visiera abbassata, l’insieme ricorda i caschi da piloti di caccia, per fortuna senza la maschera per l’ossigeno.

LS2 Spitfire

Leggero, poco più di un chilogrammo, con due calotte disponibili copre il range di taglie che vanno dalla S alla XXL. Indossandolo la sensazione di comfort è immediata, tipica degli LS2 di ultima generazione con imbottiture tagliate al laser, gli interni traspiranti e tutto studiato per il comfort, tanto che l’insieme degli interni viene chiamato “extra comfort liner”. Il cinturino è di tipo a regolazione micrometica con il plus della linguetta dentata non più in plastica dura ma in acciaio inox.

ls2 spitfire ls2 spitfire
ls2 sptfire ls2 spitfire

In sella lo abbiamo testato (e lo stiamo tutt’ora usando) sia con occhiali da sole, successivamente utilizzando solo la sua visierina ed infine utilizzando una maschera, di taglio prettamente crossistico devo ammetterlo, ma che ci stava bene. Parlo della maschera non fine a se stessa ma per spiegare che la conformazione della calotta permette di indossarla in modo perfetto senza incongruenze e interferenze di alcun tipo.

ls2 spitfire

E se è chiaro che indossando una maschera gli occhi sono ben protetti anche dall’aria devo ammettere che anche la visiera di serie regala una sensazione di comfort e di protezione notevole, complice la sua dimensione e la sua conformazione. La calotta a mio avviso è della misura giusta che copre bene tutta la testa, nuca compresa; si adagia bene al viso e l’immagine di insieme, che si ottiene una volta infilata la zucca, è di armonia senza sproporzioni a favore dell’elemento protettivo che ovviamente c’è, e si vede, ma non appare come il casco di “Dart Fener”.

ls2 spitfire

In conclusione questo Spitfire mi ha proprio convinto e nella grafica della nostra prova secondo me convincerà anche un pubblico trasversale al mondo Custom-Chopper-Special abbastanza ampio, complice anche il prezzo contenuto.

Vi invito come sempre a dare un occhio alla pagina ufficiale LS2 Helmets per tutte la ltre caratteristiche tecniche che ho mancato di elencare in questa mia “opinione”. Potete per comodità cliccare qui

Un grazie particolare agli amici di Moruzzi Moto per la moto utilizzata in questo servizio.

Fagna

 

GALLERY: