Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Museo Marco Simoncelli
La Storia del Sic - Museo Marco Simoncelli
1
0
0
s2smodern
1
0
0
s2smodern
powered by social2s

Era il 23 ottobre del 2011 quando Marco Simoncelli partì per la sua ultima gara, quella che non terminò mai, una domenica assurda che ha lasciato un segno profondo nella storia del motociclismo.


Un altro grande ad aggiungersi alla triste lista di piloti deceduti facendo la cosa che amavano di più.
Un pilota il SIC capace di creare attorno a se, anche dopo quel 23 ottobre, un movimento incredibile di amore e passione che ancora si respira forte nel nostro mondo, anche attraverso la benefica Fondazione Marco Simoncelli.

Museo del Sic

A Coriano (RN,) il paese in cui è cresciuto e dove sono custodite le sue spoglie, è sorto nel 2012 e ogni anno è meta di pellegrinaggio per migliaia di appassionati.
Anche noi non siamo rimasti insensibili al richiamo e la scusa del Gran Premio di San Marino a Misano è stata l’occasione per una visita.
Già la Piazza, su cui si affaccia la chiesa e, dietro di essa, il cimitero dove è sepolto Marco Simoncelli, è da pelle d’oca con uno striscione che non lascia dubbi sull’affetto che il SIC è riuscito a raccogliere su di se.
Di fronte il museo dedicato a Marco Simoncelli “La Storia del SIC”.
Una scala, ricca di belle foto della breve vita del pilota romagnolo, porta al piano superiore dove sono allestite tre sale che percorrono la carriera sportiva di Marco.
Un viaggio che parte dalle minimoto e dai kart, ma anche il cross, fino alle prime gare nella velocità e al suo mondiale nella 250.

Museo del Sic Sic
Museo Sic Museo del Sic


Una apparizione in SBK e poi una ricostruzione del box della 500 con la Honda, quello in cui stava esprimendo le sue doti proiettate verso chissà quale futuro, quello che la pista di Sepang gli ha negato per sempre.
Tute, caschi, coppe e trofei, moto e vetrine piene di oggetti appartenuti al Riccioluto pilota; un misto tra triste nostalgia e un pizzico di fastidio a scavare nell’intimo, una strana sensazione, quasi macabra, che non riesce a lasciarmi, ma è una cosa che provo ogni volta che visito una esposizione dedicata a un defunto, per quanto grande sia stato.

Museo Marco Simoncelli

Ma nello stesso tempo è un modo di conoscere qualcosa in più di un giovane pilota, e di chi gli vuole bene e lo testimonia con un pellegrinaggio da ogni parte del mondo.
Ancora scale, questa volta con una raccolta di disegni di Giorgio “Matitaccia” Serra che portano all’uscita con il merchandising ufficiale con il numero 58 bene in vista!
Un pensiero corre insieme a noi sulle curve che portano da Coriano verso il mare, quelle curve che chissà quante volte ha percorso Marco, sicuramente più veloci di noi, ma del resto lui era il SIC!!!

Gallery



Flap
Profilo